QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Val di Sole: i carabinieri di Cles segnalano 7 consumatori di droga e ritirano due patenti

lunedì, 8 giugno 2015

Cles – Week end di lavoro sul fronte della prevenzione e della repressione di condotte illecite in materia di consumo di droghe per i carabinieri della Compagnia di Cles. In particolare sono stati effettuati controlli in Val di Non, a Cles, a Caldes quindi in Val di Sole, a Commezzadura, poi a Rabbi e Pejo.

Nella sola notte a cavallo tra sabato e domenica ben cinque persone sono state segnalate al Commissariato per il Governo di Trento quali assuntori di sostanze stupefacenti (due sono stati sorpresi nell’atto di fumare marijuana, gli altri trovati in possesso di modiche quantità di droghe leggere). Si tratta di ventenni residenti in zona che, insieme a circa un centinaio di coetanei, raccogliendo un “invito” diffuso attraverso il web facendo ricorso al popolare social netCarabinieri notturno 1work facebook, si sono ritrovati nelle campagne di Caldes per ballare in compagnia approfittando delle prime calde serate.

La festa, plausibilmente in virtù dell’intervento eseguito “sul presto” da numerosi militari, non ha assunto le caratteristiche di un rave-party per quanto i dj stessero già mandando musica elettronica a ritmo incalzante e i giochi di luce fossero ben visibili fin dalla statale.

Altri due giovani, un solandro ed un bresciano, peraltro già “segnalati” per analoga condotta, la sera prima, erano stati colti dalla pattuglia della Stazione di Rabbi nell’atto di fumare uno spinello in un’area appartata posta in località Daolasa di Commezzadura.

PATENTI RITIRATE

Alle prime ore di ieri, i militari dell’aliquota radiomobile hanno poi ritirato la patente di guida ad un 25enne moldavo residente in Alta Val di Non che, fermato nel corso di un consueto controllo alla circolazione stradale e, causa i manifesti sintomi di uno stato confusionale, sottoposto alla prova dell’etilometro, ha fatto registrare un valore di alcool nel sangue di 1,5 g/l, di molto superiore quindi a quello tollerato dal Codice della Strada.

Identica sorte è toccata qualche ora prima, in Cles ad un 75enne del posto. Coinvolto in un incidente stradale per fortuna senza conseguenze per le persone, l’uomo è apparso chiaramente ubriaco, sensazione confermata dai successivi accertamenti, che hanno permesso di stabilire in 1,72 g/l il suo tasso di alcolemia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136