QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Assemblea ordinaria dei Soci del Consorzio dei Comuni Trentini: approvato il bilancio

venerdì, 23 maggio 2014

Trento - L’assemblea dei Soci, riunita presso la sede in via Torre Verde a Trento, ha approvato oggi il bilancio 2013 del Consorzio dei Comuni Trentini che si attesta sulla cifra di 4.782.061 euro con un utile, al netto delle imposte, di 21.184 euro.

È stato il Presidente Paride Gianmoena ad illustrare all’assemblea la relazione, sottolineando i risultati ottenuti nel 2013. Dati importanti, che sottolineano come il Consorzio abbia reagito bene alla crisi e alla contrazione dei trasferimenti provinciali.

«Possiamo contare su una struttura – ha affermato Gianmoena – che ha nel capitale umano la vera forza che ci permette di raggiungere obiettivi importanti. È doveroso ricordare – ha aggiunto – che il bilancio va letto tenendo conto di aspetti che dimostrano come la professionalità sia cresciuta in maniera significativa, garantendo risultati senza gravare sui Soci».

Si tratta di un risultato che si fonda sulla competenza e professionalità della struttura, se si considera che le quote associative (i Soci sono 237) sono le medesime del 2006; che le tariffe per i servizi sono bloccate e che, per il terzo anno consecutivo, si registra una contrazione dei trasferimenti provinciali, così come sul bilancio incide l’acquisto e la ristrutturazione della sede (un impegno, questo, necessario a garantire la crescita della struttura ). Quello che aumenta, invece, è il numero dei servizi gratuiti a disposizione dei soci e il relativo utilizzo.

Le attività e i numeri

I numeri confermano che il 2013 è stato un anno importante, con il Consorzio che è diventato un punto di riferimento principale per gli Enti Locali. Particolarmente attivo il Servizio Tributi e Tariffe impegnato a chiarire la notevole mole della normativa nazionale e le competenze provinciali. Su questo fronte, per la facilitazione degli adempimenti in materia di IMU e TASI, dal 1 giugno il Consorzio attiverà un sistema informatico che agevolerà Comuni e cittadini nel calcolo degli importi.

La consulenza significa anche trasparenza. Fa testo l’Area Innovazione con la realizzazione e la gestione dei siti web per Comuni e Comunità. Ma il Consorzio raccoglie anche le criticità, determinanti per indirizzare i momenti formativi.

Veniamo ai dati generali che appaiono decisamente soddisfacenti. Nella formazione sono stati 7mila858 i partecipanti ai corsi (456 le edizioni), dove si segnalano i percorsi formativi per segretari comunali e della scuola EMAS per la formazione e certificazione delle figure di audit e verificatore ambientale.

Per quanto riguarda la gestione centralizzata degli stipendi la fotografia del Servizio mette a fuoco una realtà in continua crescita costituita da 115 soggetti aderenti (erano 65 nel 2009) con ben 28mila cedolini l’anno.

Molta importanza riveste il ruolo del Pacchetto polizze assicurative. Proprio in questi giorni, è aperta la procedura per la gara europea di rinnovo. Il valore, in termini complessivi, è di 4,5 milioni l’anno (erano 1,8 nel 2010 in occasione dell’ ultimo bando). E sono 208 gli Enti aderenti tra Comuni, Comunità, Asuc e Bim.

È sempre più ampio, anche, il ruolo del Consorzio come strumento operativo a supporto del Consiglio delle Autonomie. Nel 2013 è stato considerevole l’aumento del lavoro per l’espressione di pareri e di intese sui provvedimenti di Provincia e Regione. Una crescita che conferma la bontà della scelta di far coincidere i vertici del Consorzio con quelli del Consiglio delle Autonomie. Una formula che dimostra la sua validità ed è apprezzata e invidiata in tutta Italia.

Notevole l’impegno nell’innovazione con un’Area specifica. In primo piano il progetto ComunWeb che sviluppa e distribuisce, agli Enti Soci, una piattaforma web rispettosa delle normative vigenti in termini di accessibilità e trasparenza. Il progetto vede l’adesione di 87 Comuni e 13 Comunità. Coinvolge 400 redattori, 1.200 Amministratori locali e 600 strutture che aggiornano in tempo reale i contenuti. Attualmente sono 700mila i documenti gestiti. Numeri che fanno di ComunWeb uno dei progetti ai primi posti in tutta Italia per numero di adesioni e documenti gestiti. Per il futuro l’intenzione è di allargare a tutta la base sociale la diffusione della piattaforma, chiamando la Provincia a sostenere la validità del progetto.

Nella sua relazione il Presidente Gianmoena, in carica dallo scorso 25 novembre, ha anche ringraziato per il lavoro svolto nel corso del 2013 dall’ex Presidente Marino Simoni, e dagli ex membri del CdA Walter Kaswalder e Giorgio Mario Tognoli.

Parole di ringraziamento sono andate anche al Consiglio di Amministrazione, al Collegio dei Sindaci e a tutto il personale del Consorzio, che Gianmoena ha definito la vera colonna della società. I numeri sono stati, quindi, illustrati nel dettaglio dal direttore Alessandro Ceschi. Numeri che registrano un segno più di 21.184 euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136