QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Alta Val di Non: dopo il “si” al referendum sulla fusione, i Comuni di Fondo, Malosco e Castelfondo si uniranno dal 2020

lunedì, 19 dicembre 2016

Alta Val di Non  - Il 1° gennaio 2020 verrà istituito il nuovo Comune di “Alta Val di Non”. Dopo il referendum con successo dei favorevoli alla fusione dei tre Comuni di Fondo, Malosco e Castelfondo c’è una data certa, in cui confluiranno tutti i municipi dell’Alta Val di Non.  L’assessore provinciale alla coesione, Carlo Daldoss (nella foto sotto), che sta portando avanti le fusioni dei Comuni, in un’ottica di risparmio, si è dichiarato soddisfatto delle scelte dei nonesi. In due anni il risparmio, con i medesimi servizi erogati, è nell’ordine di alcune centinaia di migliaia di euro. Ecco i risultati del referendum consultivo di ieri.

L'assessore Carlo Daldoss

COMUNE FONDO
Alle urne si è recato il 55,26% degli aventi diritto al voto e il  96,04% degli elettori ha detto Sì (558 votanti), mentre il No si è fermato subito al 3,96% (23 elettori).
COMUNE MALOSCO
Alle urne 193 elettori su 314 (il 64,55%),  e i favorevoli alla fusione sono stati pari all’85,64%.
COMUNE DI CASTELFONDO
Qui sono andati alle urne 347 elettori su 511 aventi diritto e 204 (59,48%) si sono espressi a favore, 139 contrari.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136