QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valsugana History Rally: i vicentini Luigi Battistolli e Luigi Cazzaro vincono la 6^ edizione

domenica, 1 maggio 2016

San Martino di Castrozza – Al 6° Valsugana Historic Rally vittoria bis e dominio per la Ferrari 308 GTB del duo vicentino della Squadra Corse Isola Vicentina, Luigi Battistolli e Luigi Cazzaro. Quest’anno il Valsugana Historic non ha risparmiato comunque le emozioni ma l’andamento della gara è stato decisamente differente: sulla Ferrari 308 GTB Gruppo 4 «Lucky» Luigi Battistolli e Luigi Cazzaro hanno letteralmente dominato il rally concedendosi il bis della vittoria ottenuta sei mesi or sono e firmando tutte le otto prove speciali regolarmente disputate; per il duo della Squadra Corse Isola VRally Valsuganaicentina anche la vittoria di 3° Raggruppamento. 

Rally dominato sin dalla prima prova anche se qualche brivido lo ha fatto venir loro la frizione che sin dall’inizio della gara ha creato qualche difficoltà senza però comprometterne il risultato.
Alle loro spalle la Lancia Rally 037 Gruppo B del Team Bassano di Paolo Baggio e Giancarlo Rossini stabilmente secondi sin dalle prime battute e vincitori del 4° Raggruppamento grazie ad una gara regolare e senza sbavature.
Completano il podio grazie ad una prestazione maiuscola Tiziano e Francesca Nerobutto con la “piccola” Volkswagen Golf Gti Gruppo 2 con la quale si aggiudicano anche il premio speciale messo in palio per gli equipaggi al via con la 1600 tedesca.
Ai piedi del podio si piazza la Porsche 911 SC Gruppo 4 di un felicissimo Lorenzo Delladio in coppia con Remo Bazzanella; per il portacolori del Manghen Team anche la soddisfazione della vittoria del premio speciale alla memoria di Gianni Rigo, uno dei fondatori del Manghen Team nel 1973, assegnato al primo equipaggio della scuderia di casa.

Un ottimo Luca Cattilino in coppia con Mauro Grassi porta l’Opel Kadett Gt/e Gruppo, 2 con la quale si aggiudicano anche la 2-2000, in quinta posizione assoluta precedendo i padovani Claudio Zanon e Maurizio Crivellaro che si aggiudicano con la Porsche 911 RSR Gruppo 4 il 2° Raggruppamento nonostante un brivido vissuto durante l’ ultimo tratto cronometrato.
Debutto soddisfacente con la nuova Opel Ascona SR 2.0 per Pierluigi Zanetti in coppia con Alessio Angeli e settima prestazione assoluta che vale loro la seconda piazza in classe 2-2000. Sempre veloce e regolare il modenese Rino Righi, presenza fissa al Valsugana, il quale ben navigato da Mauro Iacolutti firma l’ottava posizione assoluta e vince la classe con la sua Ford Escort RS 2000.
Ha faticato non poco per capirla l’Audi Quattro, il locale Riccardo Rigo ma non ha desistito e in ascoltando anche i consigli di Fabio «KK» Cadore che la possente Gruppo 4 tedesca la conosce bene, ha concluso in nona piazza dell’assoluta che è stata chiusa dalla Porsche 911 SC Gruppo 4 dei lombardi Luigi Alberti e Giulio Oberti.
Vittoria scontata nel 1° Raggruppamento per la BMW 2002 Ti di Guido Vettore ed Elena Rossi e successo nella femminile per Fiorenza Soave e Paola Ferrari su Fiat Ritmo 130 TC. Team Bassano svetta tra le Scuderie precedendo la Squadra Corse Isola Vicentina ed il Manghen Team.

Il Valsugana si è confermato una volta di più rally tosto ed impegnativo: una menzione la meritatano sicuramente Marco Frainer e Marco Comunello su Opel Kadett Gsi, Alessandro Nerobutto e Pietro Ometto su Opel Kadett Gt/e, Romano Purin e Federico Zanetti su Volkswagen Golf Gti tutti penalizzati da una foratura che ha privato loro di un risultato importante.
Diversi sono stati gli equipaggi che non lo hanno concluso, la maggior parte per noie meccaniche. Tra i primi ad alzare bandiera bianca gli attesi Alessandro Taddei ed Andrea Gaspari penalizzati sin dalla prima speciale dalla rottura del pedale acceleratore della BMW M3 con la quale erano dati tra i favoriti per la vittoria.
Out anche la Porsche 911 RSR di Giampaolo Basso e Francesco Zannoni e la SC di Antonillo Zordan e Roberto Scalco.
Gara terminata anzitempo anche per la Lancia Stratos di Giorgio Costenaro e Sergio Marchi.
Prima vittoria nel Trofeo A112 Abarth per i locali e festeggiatissimi Matteo Armellini e Luca Mengon che erano partiti firmando il primo scratch e poi hanno avuto via libera a seguito della foratura in cui sono incappati Massimo Gallione e Luigi Cavagnetto, alla fine quarti dopo un’avvincente rimonta.
Completano il podio Maurizio Cochis e Milva Manganone che si riprendono bene dopo la battuta di arresto di Arezzo e un felicissimo Manuel Oriella in coppia con Simone Minuzzo stappa la sua prima bottiglia di spumante sul palco d’arrivo in terza posizione.
Sfortunati Raffaele Scalabrin ed Enrico Fantinato fermo per rottura del motore dopo un promettente avvio; la classifica di Gruppo 1 è appannaggio di Giorgio Pesavento e Tommaso Salizzoni.
Gara tirata ed incerta sino alla fine per i 43 regolaristi al via del Valsugana Classic; continui ribaltamenti della classifica sempre cortissima con addirittura i primi tre in due centesimi dopo il sesto rilevamento.
Alla fine l’ha spuntata l’Autobianchi A112 Abarth di Andrea Giacoppo e Daniela Grillone Tecioiu del Team Bassano vincitori oltre che della gara anche della classifica del Trofeo Tre Regioni, realizzando 33 penalità; staccati di due penalità i vincitori 2015 Maurizio Senna e Lorena Zaffani sulla Volkswagen Golf Gti coi colori della Squadra Corse Isola Vicentina i quali staccano di altri due centesimi i portacolori del Progetto M.I.T.E. Giordano Mozzi ed Elisa Moscato su Opel Kadett Gt/e.
Completano la top five Pietro Iula e William Cocconcelli, quarti con la Porsche 911 SC e Mauro Argenti e Roberta Amorosa quinti alla guida della Porsche 911 T.
La Squadra Corse Isola Vicentina si aggiudica la classifica delle Scuderie precedendo il Progetto M.I.T.E. ed il Team Bassano.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136