QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trento: Ossanna e il PATT soddisfatti della proposta Zeni su welfare anziani

mercoledì, 2 agosto 2017

Trento – Welfare anziani, gruppo consiliare PATT: “Bene la nuova proposta di Zeni”. Il capogruppo Lorenzo Ossanna (nella foto), a nome del Partito Autonomista Trentino Tirolese. esprime soddisfazione per le modalità con cui l’assessore Zeni e il tavolo tecnico hanno impostato la nuova proposta di riforma del welfare anziani.

Le dichiarazioni dell’Assessore, infatti, vanno ad appianare i punti più controversi emersi nel dibattito che ha accompagnato la prima bozza della riforma.

Il PATT fin da subito si era attivato con l’istituzione di un tavolo di lavoro, composto anche da esperti, addetti ai lavori ed amministratori di APSP, per formulare, nel solco della versione originaria, alcune proposte migliorative in grado da un lato di mantenere l’efficacia della riorganizzazione del settore e, dall’altro, di rendere la proposta più conforme alle richieste dei territori e delle stesse Aziende per i servizi alla persona.Lorenzo Ossanna

“Prendiamo atto – sostengono al PATT – che l’assessore Zeni ha tenuto conto delle nostre osservazioni ed ha accolto di fatto le nostre valutazioni, in particolare quella che prevede la possibilità per le APSP di fondersi liberamente, rimuovendo l’obbligatorietà prevista inizialmente. Questa nuova impostazione ha il pregio di valorizzare le realtà virtuose attive sul territorio, consentendo nel contempo di andare incontro anche a quelle strutture che necessitano di essere sostenute per mantenere le eccellenze espresse dai territori e gli standard elevati di qualità raggiunti”.

Il PATT ritiene molto positiva anche la possibilità di istituire i Punti Unici di Accesso che creano sinergie positive fra i vari Enti e le Istituzioni e possono soddisfare unitariamente i bisogni e le necessità della comunità.

“In questo particolare momento – conclude Ossanna – aver puntato sul dialogo e sul confronto è una scelta vincente che consentirà alla riforma di semplificare il percorso di approvazione. Il metodo di lavoro adottato, che sta alla base anche del modo di agire del Gruppo del PATT e dell’intero Partito, permette di dare risposte ai cittadini riavvicinandoli alle Istituzioni”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136