QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Lago d’Idro, l’onorevole Fraccaro chiede più tutele ecologiche

venerdì, 30 giugno 2017

Idro – Per il lago d’Idro più tutele ecologiche e un osservatorio scientifico. L’onorevole Riccardo Fraccaro ho presentato un’interrogazione al Ministro dell’Ambiente per chiedere di assumere iniziative per favorire la costituzione di un osservatorio scientifico permanente sul lago d’Idro e per inserire l’area lacustre nei siti della Rete Italiana per la Ricerca Ecologica di Lungo Termine (LTER-Italia), al fine di condurre ricerche ecologiche su scala pluridecennale e di recepire così le raccomandazioni contenute nello studio del 2013 coordinato dal professor Pierluigi Viaroli sullo stato ecologico e sulla qualità delle acque del lago.valle-chiese-lago-idro

“Nell’atto parlamentare – si legge nel documento firmato dall’onorevole Fraccaro – chiedo inoltre al Governo, in vista della futura costituzione del comitato paritetico di gestione delle acque del bacino del fiume Chiese e del lago d’Idro, di attivarsi per favorire la presenza, negli enti e negli organismi che svolgono funzioni di indirizzo e coordinamento in tema di risorse idriche e monitoraggio ecologico, di rappresentanti delle associazioni riconosciute a livello locale per l’attività svolta nell’ambito della tutela dell’ambiente. “Ho ritenuto opportuno rivolgermi al Governo – conclude il deputato trentino – per sollecitarlo a predisporre idonei strumenti per dare una risposta durevole ai problemi che da decenni caratterizzano la gestione delle acque del lago d’Idro e che si ripercuotono sugli equilibri naturali e sulle popolazioni locali. Ho ritenuto infine necessario cogliere gli spunti e le proposte dell’assessore dell’ambiente della regione Lombardia, contenute nella recente risposta all’interrogazione del consigliere del M5S Giampietro Maccabiani del marzo scorso”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136