QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Interrogazione del gruppo PATT su via Brennero a Trento e donazione organi. Pattini: “Chiediamo risposte urgenti”

sabato, 6 febbraio 2016

Trento – Doppia interrogazione del gruppo PATT al Presidente del Consiglio Comunale, Lucia Coppola.  Il capogruppo del PATT. Alberto Pattini, ha depositato l’interrogazione sul ”degrado in Via del Brennero” e sulla  ”donazioni organi e tessuti”.

Il capogruppo Pattini e i consiglieri comunali del PATT, Tiziano Uez e Dario Maestranzi chiedono una risposta su questioni urgenti.

DEGRADO VIA BRENNERO

Ecco il testo dell’interrogazione: “Con la presente i sottoscritti Consiglieri (Pattini, Uez e  Maestranzi ndr.) interrogano il Sindaco, per sapere se si è accorto che da anni, sul biglietto da visita della nostra Città che consegnamo a tutti coloro che entrano dalla direzione nord/sud e quindi da via del Brennero, abbiamo stampato una fotografia che riporta due ruderi degni delle più belle immagini di Beirut, di Sarajevo o di qualche scorcio di una cittadina in Afghanistan. Sembra di entrare in una città teatro di scontri tra il governo locale e le milizie islamiche. Noi, signor Sindaco, a differenza di qualcuno, non ci siamo ancora abituati a tale avvilente degrado e, nel ricordarLe che Via del Brennero è la strada più trafficata di tutta la Regione

si chiede

- se non ritenga opportuno intervenire nel più breve tempo possibile per modificare questa “squallida” situazione;
- se non ritenga opportuno intervenire con la proprietà di fatto e/o di diritto per promuovere, al più presto la demolizione dei volumi salvaguardando la proprietà esistente con la certificazione della volumetria da riutilizzare in loco o in altri siti all’interno del Comune, facendo loro anche presente che, grazie alla nuova normativa in vigore, esiste la possibilità dell’esenzione IMIS;
- se non ritenga “vergognosa” tale situazione che ormai da vari anni deturpa l’immagine intera della nostra città”.

DONAZIONE ORGANI E TESSUTI  

Ecco la seconda interrogazione:  ”Con la presente i sottoscritti Consiglieri Comunali (Pattini, Uez e  Maestranzi ndr.) interrogano il Sindaco, per sapere se è a conoscenza che in alcune realtà comunali, al rinnovo della Carta d’Identità i cittadini possono indicare il loro desiderio di donare, dopo la loro morte, organi e tessuti.

Tale possibilità, stabilita dal garante della Privacy e disciplinata con apposite Linee Guida dai Ministeri della Salute e dell’Interno prevede anche la facoltà di esercitare il diniego alla donazione di organi e/o di tessuti in caso di morte.
Le dichiarazioni di volontà di donare o di non donare devono essere registrate dal personale dell’Ufficio Anagrafe del Comune ed inviate alla banca dati unica del Sistema Informativo Trapianti, consultabile 24 ore su 24 dai Centri per i trapianti di tutt’Italia.
La volontà potrà essere modificata in ogni momento recandosi presso l’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, presso il proprio medico di base, presso i Centri Regionali per i trapianti o presso gli Uffici Comunali.
Con questo sistema, ogni cittadino maggiorenne può esprimere la sua volontà (di donare, di non donare o di non esprimere alcuna volontà) in modo molto semplice ed efficace

si chiede, pertanto,

al signor Sindaco di volersi attivare per organizzare anche nella nostra Città tale servizio”.

Le due interrogazioni saranno discusse in uno dei prossimi Consigli comunali.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136