QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Innsbruck: controlli al Brennero, i presidenti dell’economia dell’Euregio contrari al ripristino della frontiera

giovedì, 25 febbraio 2016

Innsbruck – Controlli al Brennero, il no dell’economia dell’Euregio. I presidenti delle Camere di Commercio di Trento, di Bolzano e della Camera dell’Economia del Tirolo contrari al ripristino della frontiera con l’Austria.

Si è svolto a Innsbruck un incontro tra i vertici della Camera dell’economia del Tirolo e delle Camere di Commercio di Bolzano e di Trento (nella foto i tre presidenti). Oggetto dei colloqui è stato il possibile ripristino dei controlli al confine del Brennero e la definizione delle richieste da sottoporre ai rappresentanti politici per limitare le temute ripercussioni sull’economia e sulla popolazione dell’Euregio che ciò potrebbe comportare.

I presidenti Ebner, Bodenseer, Bort 1

La gestione del confine al Brennero prevista dall’Austria continua a destare perplessità tra gli operatori economici delle tre regioni dell’Euregio Tirolo, Alto Adige e Trentino e i vertici delle tre Camere si sono riuniti a Innsbruck per discutere le possibili opzioni a tutela degli imprenditori. La probabile limitazione del libero scambio di merci inciderebbe infatti pesantemente sull’economia e sulla popolazione e rappresenterebbe un grave passo indietro per l’intera Euregio.

Giovanni Bort, Presidente della Camera di Commercio di Trento, spiega: “È inutile nascondersi dietro la diplomazia. Ciò che preoccupa è il profondo significato politico che è insito nella decisione di Vienna e che, seppur in un momento di emergenza, va a minare alle fondamenta uno dei principi alla base dell’unificazione europea: la libera circolazione delle merci e delle persone. Mettere in discussione e rinunciare a questa conquista ci riporterebbe indietro, col rischio di togliere dinamismo e affondare ulteriormente le capacità di ripresa dell’economia del Vecchio continente”.

Si prevede inoltre l’insorgere di gravi svantaggi per il turismo e per la popolazione locale qualora venga limitato il libero transito di persone. Il Presidente della Camera di Commercio di Bolzano Michl Ebner sottolinea: “Bisogna trovare soluzioni adeguate per l’alta stagione turistica. I tempi di attesa devono essere ridotti il più possibile per evitare disagi ai viaggiatori. Si potrebbe, ad esempio, impiegare più personale per i controlli da effettuare prima del Brennero.”

Le tre Camere hanno elaborato anche proposte concrete per i controlli sui treni. Il Presidente della Camera dell’Economia Jürgen Bodenseer spiega: “Occorre evitare tempi di attesa prolungati e quindi ritardi per i treni al Brennero ed eseguire i controlli dei viaggiatori già durante il viaggio prima di arrivare al confine, ad esempio nel veronese. Inoltre, è importante che anche il traffico merci su rotaia non subisca ritardi a causa dei controlli”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136