QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Folgaria, interrogazione di Degasperi (M5S) sui rimborsi a ex sindaco

domenica, 12 novembre 2017

Folgaria - Il Comune di Folgaria torna a far discutere per una curiosa situazione in tema di rimborsi a favore di una società per l’assenza di un suo dipendente, il neoeletto sindaco Maurizio Toller.

Nell’agosto del 2009, tre mesi dopo l’elezione avvenuta nel maggio dello stesso anno, il primo cittadino sarebbe passato dal ruolo di amministratore di E.CO 2000 srl a quello di dipendente della stessa società. Risultato? Ben 75mila euro di rimborsi a carico del Comune per contributi previdenziali e tutta una serie di altre spettanze. Il predecessore si era accontentato di circa 5mila euro e il suo successore ad oggi non raggiungerebbe quota 300 euro.

Il consigliere provinciale Filippo Degasperi indica le analogie con un caso che ha fatto molto discutere a Firenze ed ha presentato un’interrogazione per segnalare la singolarità del caso e richiedere i dovuti approfondimenti.

ECCO IL TESTO INTERROGAZIONE 

 

Preg.mo Signor
Bruno Dorigatti
Presidente del Consiglio Provinciale
SEDE
Interrogazione a risposta scritta n. 5313
Da amministratore ad amministratore e dipendente dopo essere diventato sindaco: così si legittimano € 75.000 di rimborsi
Giunge notizia allo scrivente che vi sarebbe stata, nel Comune di Folgaria, una quanto mai bizzarra situazione in tema di rimborsi in capo alla società E.CO 2000 s.r.l per l’assenza di un suo lavoratore dipendente che è stato eletto a sindaco. Ma procediamo con ordine.
La situazione –così da visura camerale della società sopra citata- si può così riassumere: in data 04.05.2009 il Sig. Maurizio Toller prende incarico nella veste di sindaco del Comune di Folgaria. A partire dal 28.12.1998, tuttavia, il Sig. Toller rivestiva la carica di Consigliere della società E.CO 2000 s.r.l., in data 19.11.2001 ricopriva la carica di Vicepresidente del CdA, in data 28.05.2003 diventa Presidente del Cda della società in questione, restando –in quest’ultimo frangente- confermata anche la sua carica di Consigliere della società E.CO 2000 s.r.l. La sua carriera nel Cda terminerà in data 15.10.2015. Per la sua carica il Sig. Toller aveva, per statuto societario, il diritto al relativo compenso.
Tuttavia, a partire da pochi mesi successivi alla elezione alla carica di sindaco del Sig. Toller, la società di cui sopra, inizia a chiedere all’ente svariati rimborsi –susseguitisi negli anni- per l’assenza di un suo proprio lavoratore dipendente, nella veste –proprio- del Sig. Toller. L’ammontare complessivo rimborsato alla società E.CO 2000 srl per l’intera durata della carica pubblica, sembra essere pari ad € 75.027,37. Orbene, due sono le sfaccettature che qui interessano: la prima risiede nel fatto che la cifra
complessivamente rimborsata risulta assai sproporzionata rispetto al predecessore (Avv. Olivi) al quale spettò un rimborso di € 5.213,61, ed al successore (Arch. Forrer) che fino ad oggi si è visto rimborsare € 228,90. La seconda –ma non per ciò meno importante- è il fatto che le determinazioni a firma del segretario generale Dott.ssa Emanuela Defrancesco che concedono il rimborso alla società E.CO srl, recano, in premessa, un’informazione non indifferente. Si legge, infatti
“Premesso che:
il rag. Maurizio Toller, dipendente dal 1.8.2009 della società Eco 2000 srl con sede in Folgaria, è stato eletto Sindaco del Comune di Folgaria con decorrenza 4.5.2009; […]”.
Sostanzialmente il Sig. Toller, che negli anni aveva rivestito cdi amministratore in seno alla società E.CO 2000 s.r.l senza mai aver avuto rapporti di lavoro subordinato, a seguito della sua elezione a sindaco, non solo mantiene quelle stesse cariche, ma altresì sembra aver stipulato un contratto di lavoro subordinato. Al fine dei rimborsi spettanti al datore di lavoro, si applica la parte I titolo III capo IV del D.lgs 267/2000: il nodo cruciale è che ai sensi della legge citata v’è necessità, ai fini del rimborso in capo al datore di lavoro, di rispettare un presupposto di base che altro non è che l’essere lavoratore dipendente. Quindi, pare che il Sig. Toller si sia fatto assumere a seguito della sua elezione a sindaco, divenendo così la E.CO 2000 s.r.l. legittimata a chiedere i rimborsi per l’assenza del suo dipendente neo assunto.
Tutto ciò premesso si interroga il Presidente della Provincia per conoscere
1. Se i rimborsi concessi dal Comune alla società E.CO 2000 s.r.l sono rispettosi del D.lgs 267/2000, in ogni sua specifica parte, con specifico riguardo ai tetti massimi orari previsti dal decreto legislativo testé citato;
2. il dettaglio specifico degli incarichi coperti dal Sig. Toller nella sua veste di sindaco per i quali la società ha chiesto –e per i quali il Comune ha concesso- il rimborso; Via delle Orne, 32 – 38122 Trento
3. le motivazioni per le quali vi sono due determinazioni , le nn. 259 e 282 che rimborsano il medesimo mese di agosto 2012;
4. se corrisponde al vero l’affermazione scritta nella deliberazione secondo la quale l’allora sindaco Toller risultava lavoratore dipendente della società E.CO 2000 s.r.l a partire dalla data del 01.08.2009 e cioè tre mesi dopo la sua elezione.
A norma di regolamento si richiede risposta scritta. Consigliere provinciale Filippo Degasperi


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136