QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Corvatsch: torna lo Snow Nigth e si festeggia il mezzo secolo della prima funivia

giovedì, 13 marzo 2014

Corvatsch – Un’altra serata straordinaria quella che si presenta oggi con lo Snow Night  nel Comprensorio del Corvatsch. Piste aperte dalla 19 a notte fonda e un clima primaverile che rende gradevole la sciata in notturna. “Tutto è pronto – dicono i responsabili degli impianti da sci del Corvatsch – e questa è sicuramente una delle migliori settimane da inizio anno”. Bel tempo e temperature da inizio primavere sono un’attrazione.

CINQUANT’ANNI DI SUCCESSI

Il 23 marzo 1963, dopo soli due anni di lavori di costruzione, è stata inaugurata la prima sezione della funivia del Corvatsch e l’8 dicembre dello stesso anno la seconda sezione, quella che porta alla vetta.  Dopo sei tentativi falliti dal 1902, la montagna dello sport, e quindi il punto più elevato delle Alpi Orientali raggiungibile comodamente in funivia, è finalmente accessibile. Il giorno dell’inaugurazione, caratterizzato da splendide condizioni meteo, i tempi d’attesa per raggiungere la cima del Corvatsch erano di ben tre ore. Popi divennero di una manciata di minuti.

LE PROPOSTE

Quella di stasera si presenta come Snow Night speciale  con  tante novità da soddisfare i palati di giovani e meno giovani, donne e ragazze. Da St Moritz, ma anche dalle località lariane, valtellinesi e del milanese saranno in tanti a salire al Corvatsch, visto le previsioni che danno una serata stellata con temperature primaverili. L’ideale per una sciata al chiar di luna. Poi c’è la possibilità di fermarsi nei locali  che si affacciano sulle piste per unire divertimenti e gastronomia. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136