Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Volley, SuperLega: Trento raccoglie tre punti anche in Romagna, Pala De Andrè di Ravenna violato in quattro set

martedì, 1 novembre 2016

Ravenna - Dopo un ottobre da record per quel riguarda gli impegni ufficiali sostenuti (dieci in 31 giorni), la Diatec Trentino inaugura il mese di novembre con una preziosa e per nulla scontata vittoria al Pala De Andrè di Ravenna. volley-pallavolo-trento-giannelli-e-soleConfermando la propria favorevole tradizione sul campo romagnolo, la formazione di Angelo Lorenzetti in questa occasione ha infatti raccolto la sesta vittoria consecutiva in SuperLega, imponendo il 3-1 alla Bunge. Il risultato consente ai gialloblù di restare in linea con la marcia della coppia di testa (avanti di tre punti ma con una partita in più giocata) ed archiviare nel miglior modo possibile il trittico di gare che l’ha vista superare Latina, Perugia e, appunto, Ravenna nel giro di sei giorni.

Per ottenere l’intera posta in palio però i gialloblù hanno davvero dovuto attingere a tutte le proprie energie mentali e fisiche; Ravenna ha lottato palla su palla per tutta la partita, dimostrando quanto di buono si diceva sul suo conto alla vigilia. La differenza in una continua lotta punto a punto, l’hanno fatta sovente la maggiore esperienza nel gestire i finali di set dei giocatori trentini e gli spunti individuali di un paio di giocatori ispiratissimi in questo periodo della stagione.

Fra tutti, il regista Simone Giannelli (nuovamente premiato come mvp del match proprio nel palazzetto in cui, tre anni fa, esordì in prima squadra) che ha fatto attaccare la sua squadra con un eccellente 58% complessivo, ma anche l’opposto Gabriele Nelli (best scorer dei suoi con 19 punti ed il 66% a rete) ed il centrale Simon Van de Voorde, autore di 6 degli 11 muri vincenti del team, sono stati straordinari. Il successo avrebbe potuto essere ancora più netto se sul 22-19 del terzo set la Diatec Trentino non avesse accusato una pericolosa pausa, costatagli quel singolo parziale. Nel quarto periodo, però, è poi arrivata la reazione giusta per chiudere sul 3-1, con Lanza (14 punti) bravissimo a contenere l’ennesimo tentativo di rimonta di Torres (22) e compagni.

La cronaca del match. Per la terza partita consecutiva, Angelo Lorenzetti conferma Nelli nel sestetto titolare, in diagonale a Giannelli; gli altri titolari sono Antonov e Lanza in posto 4, Solé e Van de Voorde al centro, Colaci libero. La Bunge Ravenna replica con Spirito al palleggio, Torres opposto, Lyneel e Van Garderen schiacciatori, Ricci e Bossi centrali, Goi libero. L’inizio è subito in difficoltà per i gialloblù, che dopo l’iniziale 4-4 subiscono un parziale di 0-4 (4-8) sul servizio di Ricci, a causa di ricezioni costantemente in difficoltà. Il time out di Lorenzetti è provvidenziale, perché alla ripresa del gioco Trento si rifà subito sotto (7-8) e lotta punto a punto sino al 10-11 prima che Torres trovi uno nuovo spunto (10-13). Nella fase centrale le distanze non cambiano ulteriormente: merito di due fasi di cambiopalla più fluide (13-16, 16-19), poi ci pensa un monumentale Van de Voorde a muro a riportare in parità le sorti di questo set (22-22). Lo sprint favorisce gli ospiti che sfruttano l’errore a rete di Lyneel (23-22) e chiudono sul 25-23 grazie ad un primo tempo in fase di break di Solé.

Sull’onda lunga della vittoria al fotofinish del primo parziale, la Diatec Trentino parte benissimo anche nel secondo set (8-4), approfittando dei tanti errori dei padroni di casa e di un Nelli molto efficace a rete. Dopo il time out di Soli, Ravenna riparte con Lyneel (ace) e due imprecisioni trentine di Nelli e Lanza (9-9). Torres guida i suoi al primo vantaggio nella frazione (11-13), che Ravenna riesce a tenere sino al 21-21 dopo una serie infinita di cambiopalla. Si va anche in questo caso allo sprint, in cui Trento annulla due palle set (25-25) e poi solo alla sesta a propria disposizione (32-30) chiude il conto, portandosi sul 2-0 grazie ad un nuovo break point di Solé.

Il terzo set vede la Diatec Trentino prendere subito in mano la situazione con l’ace di Giannelli ed il contrattacco di Nelli (8-5). Il vantaggio è cospicuo e Trento è brava a conservarlo sino al 16-13, quando poi un errore in pipe di Lanza e un break di Bossi riportano i romagnoli a meno uno (16-15). Il time out di Lorenzetti schiarisce le idee ai gialloblù che ripartono sul 18-15; non è però lo strappo decisivo, perché poi la Bunge trova il pareggio a quota 22 e coglie il successo sul 28-30 sfruttando la quinta palla set (errore di Lanza).

La Diatec Trentino assorbe bene il colpo e nel quarto parziale riparte convinta, guadagnando a muro con Solé e a rete con Nelli un paio di break point (6-3). L’opposto toscano è ispirato e firma l’ulteriore allungo sul 12-8 (time out Soli); Ravenna risponde con Lyneel (15-13), poi si va avanti a suon di cambiopalla (18-16, 21-19). I gialloblù si guadagnano quattro palle match col break point di Lanza (24-20) e chiudono sul 3-1 per 25-21 con un nuovo attacco proprio del capitano.

Non era semplice giocare al massimo anche questa partita ed ottenere l’intera posta in palio; i ragazzi ci sono riusciti confermando ancora una volta di che pasta siano fatti – ha analizzato l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti nel post partita – . Al rientro dal Brasile speravamo di raccogliere nelle successive tre partite sei o sette punti, siamo invece riusciti a portarne a casa addirittura nove ed è davvero un grandissimo risultato. Complimenti quindi alla squadra, che ha avuto un approccio ottimale alla gara e non ha mai perso la bussola anche nei tanti momenti complicati della sfida. Possiamo e dobbiamo essere più regolari nel cambiopalla ma in questo momento credo che sia logico accusare qualche difficoltà”.

La squadra rientrerà a Trento nella notte e godrà di un intero giorno di riposo. Giovedì mattina al PalaTrento la ripresa degli allenamenti in vista del prossimo impegno ufficiale, in calendario fra le mura amiche per domenica 6 novembre contro la Revivre Milano. Prevendita biglietti già attiva, anche su internet al link http://www.vivaticket.it/index.php?nvpg[sell]&cmd=tabellaPrezzi&pcode=5472899&tcode=tl017642.

Di seguito il tabellino della settima giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2016/17 giocato questa sera al Pala De Andrè di Ravenna.

Bunge Ravenna-Diatec Trentino 1-3
(23-25, 30-32, 30-28, 21-25)
BUNGE: Lyneel 15, Bossi 12, Torres 22, Van Garderen 8, Ricci 2, Spirito 2, Goi (L); Raffaelli, Marchini, Grozdanov 7, Kaminski 3. N.e. Calarco, Leoni. All. Fabio Soli.
DIATEC TRENTINO: Lanza 14, Van de Voorde 14, Nelli 19, Antonov 12, Solé 13, Giannelli 7, Colaci (L); Stokr, Mazzone D., Urnaut. N.e. Burgsthaler, Mazzone T., Blasi, Chiappa. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: 
Zanussi di Treviso e Saltalippi di Perugia.
DURATA SET: 29’, 36’, 34’, 28’; tot 2h e 7’.
NOTE: 2.400 spettatori, per un incasso di 18.000 euro. Bunge: 4 muri, 3 ace, 18 errori in battuta, 9 errori azione, 55% in attacco, 61% (38%) in ricezione. Diatec Trentino: 11 muri, 3 ace, 24 errori in battuta, 5 errori azione, 58% in attacco, 51% (26%) in ricezione. Mvp Giannelli.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136