QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Volley, SuperLega: Trento espugna il PalaBorsani di Castellanza in tre set. Ora il derby dell’Adige

sabato, 5 dicembre 2015

Castellanza – Tre punti per continuare la scalata verso le posizioni più nobili della classifica di SuperLega ed inaugurare nel migliore dei modi il trittico di gare che nel giro di otto giorni porta al termine del girone d’andata di SuperLega. La Diatec Trentino li ha ottenuti questa sera in terra lombarda grazie al 3-0 sul fanalino di coda del torneo Revivre Milano nell’anticipo del nono turno di regular season.trento trentino volley

La marcia dei Campioni d’Italia in campionato prosegue quindi con un altro 3-0 (il terzo nel giro di sei giorni), che consente di giungere – in attesa delle partite di domenica – a stretto contatto con la vetta, alla vigilia del doppio scontro verità con Verona e Lube. Per incamerare l’intera posta in palio sul campo di una Milano che voleva dimostrare di essere tutt’altro che rassegnata la squadra di Stoytchev ha dovuto soffrire soprattutto nella seconda metà della sfida, quando i meneghini sfruttando la buona vena dell’asse bulgara di palla alta Milushev-Skrimov hanno venduto carissima la propria pelle. I gialloblù sono però stati bravi a rimanere freddi, capitalizzando i break guadagnati in precedenza e chiudendo secondo e terzo parziale con un identico 25-23. Decisamente più semplice la vittoria del primo set, che aveva già messo in luce l’ottimo momento di forma di Djuric (mvp con 17 punti ed il 50% a rete) e l’incisività a rete di Solé (decisivo col muro che è valso il 3-0 e autore in precedenza del 90% in primo tempo) oltre alla bella sorpresa di rivedere titolare Urnaut (in campo al posto di Lanza). Lo sloveno ha confermato di essere in crescita di condizione giocando tre frazioni di assoluto livello fra attacco (60%), muro (2) e ricezione.

La cronaca della gara. Stoytchev conferma per sei settimi lo starting six visto sempre in campo nella prima parte di stagione; l’unica modifica è rappresentata dall’avvicendamento di Lanza con Urnaut; gli altri sono Giannelli al palleggio, Djuric opposto, Antonov schiacciatore, Solé e Van de Voorde centrale, Colaci libero. Luca Monti, allenatore di Milano, risponde con il neoarrivato Boninfante alzatore, Milushev opposto, Skrimov e Russomanno schiacciatori, Alletti e il fresco ex di turno Burgsthaler al centro, Tosi libero. L’inizio di Trento è difficile in ricezione: Burgsthaler trova subito un ace e apre il vantaggio dei locali (0-2), bravi a conservarlo sino al 5-7, prima che Urnaut e Solé (infermabili) firmino la parità e poi l’allungo dei tricolori (12-9, con altro muro stavolta di Van de Voorde su Alletti). Nella seconda parte del parziale la Diatec Trentino gestisce il vantaggio prima di incrementarlo con Djuric (doppio ace per il 23-17, dopo un’infinità di cambiopalla). Chiude un attacco di Urnaut sul 25-19, dimostrando come lo sloveno (a segno tre volte nel primo parziale) sia in costante recupero.

Sul filo dell’equilibrio l’avvio del secondo set, in cui Milano prova immediatamente a riscattarsi affidando palla a Milushev (3-5) ma viene immediatamente ripresa e superata da Trento che può contare su un Djuric in grande spolvero (7-6). Skrimov con un ace inverte nuovamente la tendenza (11-13), Stoytchev getta nella mischia Lanza per Antonov e trova con Urnaut l’immediata parità (15-15). Milushev apre un nuovo spiraglio per i meneghini (17-19), Tine risponde in attacco (21-20) lanciando la volata, che i gialloblù si aggiudicano per 25-23 con un attacco di Djuric dopo che la Revivre aveva annullato due palle set (da 24-21 a 24-23).

La Diatec Trentino vuole chiudere in tre set il discorso e parte benissimo anche nel successivo periodo, portandosi subito sul 6-2 grazie ad una buona fase di break point esaltata dal muro. Proprio con questo fondamentale però la Revivre rialza la testa sino ad arrivare per due volte al meno uno (8-7 e poi 11-10). Trento non si scompone e col solito Djuric riparte alla grande (14-11), Burgsthaler abbassa la saracinesca per la nuova parità a quota 17. Si va allo sprint (20-20, 22-22), risolto ancora in favore di Trento con un muro di Solé su Skrimov (25-23).

Sono contento e soddisfatto di questo risultato – ha commentato a fine gara Radostin Stoytchev - . Milano ha giocato bene rischiando tanto in battuta, in difesa ed in contrattacco ma noi siamo stati bravi a non farci sorprendere e a controllare costantemente la gara. Ho schierato Urnaut per la prima volta nel sestetto titolare, risparmiando Lanza che non era al massimo ma la squadra non ha comunque perso la sua identità; sono soddisfatto di quello che ha fatto Tine, non è ancora al massimo ma si vede che stato tornando in forma. E’ un risultato importante in vista del doppio importante impegno con Verona e la Lube; l’obiettivo adesso deve essere arrivare al completo ed in forma per questi due importantissimi appuntamenti”.

Fra tre giorni, martedì 8 dicembre, il prossimo impegno in SuperLega per la Diatec Trentino che sarà impegnata nuovamente in trasferta: alle ore 18 al PalaOlimpia di Verona (diretta RAI Sport 1) scoccherà il momento del 26° derby dell’Adige contro la Calzedonia. I Campioni d’Italia inizieranno a preparare l’importante scontro diretto già a partire da domenica pomeriggio, con un allenamento al PalaTrento di circa due ore.

Di seguito il tabellino della gara della nona giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2015/16 giocata questa sera al PalaBorsani di Castellanza.
Revivre Milano-Diatec Trentino 0-3
(19-25, 23-25, 23-25) 
REVIVRE: Russomanno 3, Burgsthaler 8, Milushev 20, Skrimov 14, Alletti 3, Boninfante 1, Tosi (L); Sbertoli, De Togni, Rivan (L), Marretta 1. N.e. Gavenda e Baranek. All. Luca Monti.
DIATEC TRENTINO: Giannelli 3, Urnaut 14, Solé 12, Djuric 17, Antonov 8, Van de Voorde 5, Colaci (L); Lanza, De Angelis. N.e. Nelli, Mazzone T., Bratoev, Mazzone D.. All. Radostin Stoytchev.
ARBITRI: Gnani di Ferrara e Cappello di Sortino (Sora).
DURATA SET: 22’, 28’, 28’; tot  1h e 18’.
NOTE: 1.755  spettatori, incasso 7.660 euro. Revivre: 5 muri, 5 ace, 9 errori in battuta, 4 errori azione, 48% in attacco, 54% (34%) in ricezione. Diatec Trentino: 12 muri, 2 ace, 13 errori in battuta,  2 errori azione, 61% in attacco, 56% (32%) in ricezione. Mvp Djuric.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136