QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Volley, SuperLega: solo uno spavento iniziale, poi la Diatec Trentino domina Padova nel match di Santo Stefano

lunedì, 26 dicembre 2016

Trento – Sotto l’albero di Natale la Diatec Trentino trova i tre punti desiderati alla vigilia ma anche il secondo posto solitario, ottenuto grazie una prova convincente, che conferma i progressi già evidenziati nel precedente incontro, e alla contemporanea sconfitta casalinga con Ravenna.

diatec-trentinoDopo un primo set davvero difficile, in cui nulla aveva funzionato adeguatamente, la formazione di Angelo Lorenzetti non si è più fatta condizionare dal clima di festa, facendo sino in fondo il proprio dovere in campo; la Kioene Padova si è così dovuta arrendere per 3-1, piegandosi alla legge del PalaTrento: per i gialloblù è infatti arrivata l’ottava vittoria su otto incontri giocati durante questa stagione, con ventitré punti conquistati sui ventiquattro disponibili. Lo straordinario rendimento di fronte al proprio numeroso pubblico (quasi 4.000 spettatori anche stasera) stavolta è stato legittimato principalmente grazie alla diagonale palleggiatore-opposto, Giannelli e Stokr, autori in due di 34 punti: Simone ha diretto con maestria la squadra in regia (61% complessivo a rete), non disdegnando la soluzione personale (4 muri, 2 ace e l’80% in attacco), mentre l’opposto ceco ha approfittato della fiducia accordatagli da Lorenzetti (Nelli ai box per un problema fisico), giocando una delle sue migliori gare con la maglia di Trentino Volley. Per Jan 24 punti, il 68% in schiacciata, 2 block e 5 punti in battuta, che gli sono valsi il premio di mvp. Oltre ai due giocatori di posto 1 e 2, è stata convincente anche la prestazione di Solé (73% in primo tempo, con 4 muri) e quella di Urnaut. Priva di Giannotti, sostituito da Milan, Padova si è giocata le sue carte solo nel primo set, sfruttando l’effetto sorpresa, poi è progressivamente sparita dal campo.

La cronaca del match. La lettura degli starting six riserva qualche sorpresa al folto pubblico accorso al PalaTrento per questa occasione; Lorenzetti si affida a Giannelli in regia, Stokr opposto (Nelli è ai box per un risentimento muscolare agli addominali), Urnaut e Lanza in banda, Solé e Van de Voorde al centro, Colaci libero. Baldovin, tecnico di Padova, propone invece Shaw al palleggio, Milano opposto (anche Giannotti è indisponibile), Maar e Fedrizzi (alla sesta partita da ex di turno al PalaTrento nel solo anno solare 2016) schiacciatori, Koncilja e Volpato centrali, Balaso libero. L’inizio di gara è tutto nel segno della Kioene, che con Maar al servizio opera il primo tentativo di fuga portandosi subito sull’1-5; il time out di Lorenzetti è propedeutico perché alla ripresa dei giochi il muro dei gialloblù riporta la situazione sotto controllo (5-6). Con Milan in zona di battuta i veneti però trovano un altro spunto importante (5-9), aiutato da evidenti difficoltà in fase di cambiopalla dei trentini anche per colpa di una ricezione ballerina (ace di Fedrizzi). Nella parte centrale del parziale la Diatec Trentino prova a riavvicinarsi con Stokr (12-15), ma è solo un attimo, perché poi Padova riparte col muro e Milan (13-18, 15-21). Un colpo di coda di Urnaut (17-21) cerca di riaprire la contesa, ma è troppo tardi perché Baldovin interrompe il gioco e alla ripresa i suoi non concedono più nulla (18-25).

La Diatec Trentino si scuote nel secondo set, sfruttando al massimo la vena a rete di Stokrv (62% nella frazione) e l’attenta lettura del proprio muro; armi che consentono di guadagnare subito quattro punti di margine (4-0) e poi di aumentare la velocità progressivamente (11-6). Padova fatica enormemente in attacco e inizia ad innervosirsi, concedendo ulteriormente il fianco (16-7, errore di Maar e muro di Solé su Milan). Baldovin allora corre ai ripari, inserendo Averill e Sestan per Koncilja e Maar, ma la Kioene non dà mai segnali importanti di ripresa (19-10) e così il set del pareggio finisce in fretta nel carniere dei locali (25-14 – altro muro di Solé su pipe di Fedrizzi).

Nel terzo set Trento si conferma sui livelli del parziale precedente in fase di break e scrive subito la differenza con Padova, travolta dall’onda d’urto gialloblù con servizio e muro (4-2, 10-4), fondamentali in cui brillano quasi tutti i giocatori locali. Stokr si esalta in attacco ed in battuta e trascina la squadra sul 15-8, poi corretto in 18-9 dalla coppia Lanza e Solé. Il monologo della squadra di Lorenzetti è interrotto solo da una bella serie al servizio di Fedrizzi (19-14), condita da un paio di ace; ci pensa ancora una volta l’opposto ceco a sistemare le cose (23-15) e la Diatec Trentino vola sul 2-1 concludendo sul 25-18.

Nel quarto set a fare la voce grossa è Giannelli, che firma tre break che fanno volare i locali già sul 5-1, trovando anche un ace ed un muro sull’omologo Shaw. Il PalaTrento si esalta per una squadra che diventa sempre più sicura dei propri mezzi e che, con difesa, servizio e contrattacco, vola sulle ali dell’entusiasmo (9-2, 14-4), mettendo all’angolo l’avversario che non riesce più a replicare. Stokr si guadagna il titolo di mvp trasformando in punti tutti i palloni che passano dalle sue parti (17-5 e 20-8). Il 3-1 viene confezionato già sul 25-12.

“L’approccio alla gara non è stato positivo, ma dal secondo set ci siamo sciolti giocando una pallavolo più convincente grazie ad un cambiopalla efficace e ad un muro che ha lavorato bene – ha dichiarato nel post partita l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti – . Dobbiamo crescere ancora molto, perché non sempre riusciamo a trasferire in partita quanto di buono facciamo in allenamento durante la settimana. In battuta, ad esempio, abbiamo iniziato a lavorare come dovremmo solo dal terzo set in poi. Ci serve ancora più convinzione e continuità per lottare ad alti livelli”.

Fra tre giorni, giovedì 29 dicembre, il prossimo impegno di campionato – l’ultimo del 2016. I gialloblù saranno in quel caso di scena a Latina per la sfida con la Top Volley valevole per il quarto turno del girone di ritorno.

Di seguito il tabellino della gara della sedicesima giornata di regular season SuperLega UnipolSai 2016/17, giocata stasera al PalaTrento.

Diatec Trentino-Kioene Padova 3-1
(18-25, 25-14, 25-18, 25-12)
DIATEC TRENTINO: Van de Voorde 4, Giannelli 10, Urnaut 8, Solé 12, Stokr 24, Lanza 7, Colaci (L); Chiappa, Mazzone T.. N.e. Burgsthaler, Antonov, Blasi, Mazzone D.. All. Angelo Lorenzetti.
KIOENE: Shaw 4, Maar 7, Koncilja 2, Milan 14, Fedrizzi 10, Volpato 2, Balaso (L); Sestan, Averill 3, Bassanello, Zoppellari. N.e. Link. All. Valerio Baldovin.
ARBITRI: Bartolini di Firenze e Pozzato di Padova.
DURATA SET: 24’, 21’, 26’, 23’; tot 1h e 34’.
NOTE: 3.991 spettatori per un incasso di 30.166 euro. Diatec Trentino: 10 muri, 7 ace, 19 errori in battuta, 7 errori azione, 61% in attacco, 52% (31%) in ricezione. Kioene: 5 muri, 7 ace, 16 errori in battuta, 10 errori azione, 33% in attacco, 55% (36%) in ricezione. Mvp Stokr.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136