QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Volley, SuperLega: la Diatec Trentino passa al tie break a Padova. Al Mondiale per Club dopo la bella rimonta della Kioene Arena

sabato, 15 ottobre 2016

Padova – La Diatec Trentino chiude imbattuta la prima parte di SuperLega UnipolSai 2016/17, violando la Kioene Arena di Padova. Al Mondiale per Club 2016, che prende il via a metà della prossima settimana, la formazione gialloblù giungerà con alle spalle un percorso quasi perfetto in campionato (tre vittorie in altrettante partite) e la convinzione di una crescente condizione di forma, confermata coi fatti dal preziosissimo 3-2 colto in rimonta stasera in terra veneta.

Espugnare il campo dei patavini non era infatti impresa semplice; la Diatec Trentino è riuscita a confermare la propria tradizione favorevole contro i bianconeri portando a quota quindici le vittorie consecutive nello scontro diretto grazie ad una prestazione sì altalenante, ma decisamente importante dal punto di vista del carattere. Solo col cuore e la grinta, d’altronde, si poteva pensare di risalire dall’1-2 nel computo del set e dal 4-9 nel quinto e decisivo parziale. Con le spalle al muro, Lanza e compagni sono riusciti a ritrovare lucidità ed incisività al servizio, riscrivendo la storia di un tie break che sembrava compromesso. Ci ha pensato proprio il capitano, alla fine mvp con 21 punti e due dei cinque ace personali siglati proprio sul 13-13 dell’ultima frazione, a indirizzare i due punti verso il versante gialloblù.

Prima del rocambolesco finale, con utilizzo costante di video-check, c’era stato spazio per un match in cui Trento aveva stravinto il secondo parziale, perso ai vantaggi il primo e faticato nel terzo, per poi tornare a galla nel quarto, anche grazie agli azzeccati cambi del proprio tecnico in corso d’opera. Van de Voorde e Nelli, in campo per Mazzone e Stokr, sono stati infatti protagonisti della ripresa trentina assieme ad un costantissimo Urnaut e ad un Giannelli lucido per tutta la gara.
La cronaca del match. Rispetto alla partita di domenica scorsa a Sora, l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti apporta ulteriori modifiche al proprio starting six, scegliendo Giannelli in regia, Stokr opposto, Lanza e Urnaut in posto 4, Solé e Daniele Mazzone al centro, Colaci libero. Padova risponde con Shaw al palleggio, Giannotti opposto, Fedrizzi e Maar schiacciatori, Volpato e Averill centrali, Balaso libero. La partenza di Trento è sparata, grazie a due break point consecutivi di Lanza (6-3); Padova non demorde e un po’ alla volta ricuce lo strappo (10-8 e poi 13-13), sfruttando in cambiopalla i centrali e in contrattacco i propri giocatori di palla alta. La formazione di casa prende sempre più velocità, mette la freccia sul 14-13 e poi aumenta l’andatura con Fedrizzi (19-21) ed in seguito con un muro di Shaw su Urnaut (20-23, time out di Lorenzetti). Nelli, appena subentrato a Stokr, trova due ace consecutivi per il 23-23; si va ai vantaggi con la Kioene unica ad avere palle set a disposizione. Alla quarta (26-28) decide Fedrizzi con un attacco su ricostruita.
La Diatec Trentino reagisce in avvio di secondo set con Stokr (4-1); Baldovin interrompe subito il gioco e i suoi per qualche attimo danno l’impressione di poter tornare subito in partita (8-6). In realtà è l’ultimo momento di equilibrio, perché poi Giannelli va al servizio e, trovando anche due ace diretti, scava un solco profondissimo fra le due squadre (17-6) con la collaborazione a muro ed in attacco di Stokr e Mazzone. Il punto dell’1-1 nel computo dei parziali arriva quindi in fretta, già sul 25-12, dopo che anche Lanza ha conquistato due battute punto.
Nel terzo periodo la Kioene riparte senza particolari contraccolpi psicologici; Giannotti guida i padroni di casa prima al 3-5 e poi al 7-11, coadiuvato anche da un Fedrizzi positivo in ricezione e pungente in battuta. Padova arriva al massimo vantaggio sull’8-14, ma poi Trento si rimette in carreggiata con Stokr e Lanza (attacco e muro), giungendo sino al 14-15 prima che Baldovin interrompa il gioco. Alla ripresa i veneti riprendono da dove avevano interrotto precedentemente il proprio assolo (15-19) grazie ai colpi risolutori di Maar e Giannotti. Lanza e compagni non hanno la forza di reagire e cedono il primo punto in classifica sul 17-25 con un errore di Nelli, da poco subentrato a Stokr.
La riscossa di Trento nel quarto parziale passa per le mani di Lanza e quelle di Urnaut; i due schiacciatori di posti 4 mettono a terra la palla con regolarità (5-3, 9-6). Padova con Averill e Volpato ricuce lo strappo (11-11), ma poi Nelli e Solé aprono di nuovo la forbice (16-12). Nel momento migliore degli ospiti, la Kioene si ritrova di nuovo sfruttando la vena di Maar e Averill (17-16); Lanza offre un nuovo spunto (19-16), quasi colmato dall’ex compagno di diagonale Fedrizzi (21-20). Il finale è allo sprint; se lo aggiudica la squadra ospite, più brillante con Giannelli e Solé (tre muri nel parziale).
Il tie break è subito nel segno della Kioene (1-4, 3-8), ispirata dai servizi di Fedrizzi e da quelli di Maar. Il parziale non consente grandi margine di errori, Giannelli prova a riaprirlo sul 7-10, costringendo al time out Baldovin. Lanza firma l’incredibile parità a quota dieci; al fotofinish è Lanza con due ace a siglare il 15-13 definitivo.
Abbiamo vinto questa partita con il cuore ma dobbiamo tenere bene a mente che situazioni come quelle che sono successe nel tie break a noi, in futuro possono accadere anche per gli avversari – ha analizzato l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti nel post partita – . Nella pallavolo tutto è possibile, soprattutto in un campionato come questo. Ci resta il rammarico per non aver sfruttato bene la nostra fase di cambiopalla nel primo set e di non aver battuto in generale con continuità. Complimenti comunque ai ragazzi perché hanno vinto una partita che sembrava persa; è stata una bella dimostrazione di forza anche in vista dell’imminente avventura che ci attende in Brasile”.
La squadra rientrerà a Trento nella notte, per poi riprendere in mano le valigie già domenica pomeriggio quando sarà il momento di partire alla volta del Brasile. Il primo impegno del Mondiale per Club 2016 a Betim è infatti programmato per le ore 20.30 di mercoledì 19 ottobre contro i padroni di casa del Minas Tenis Clube (diretta Fox Sports HD). In SuperLega, invece, il match temporalmente più vicino sarà quello di giovedì 27 ottobre al PalaTrento contro Latina (ore 20.30 – recupero del quarto turno di regular season).

Di seguito il tabellino dell’anticipo della terza giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2016/17 giocato questa sera alla Kioene Arena di Padova.

Kioene Padova-Diatec Trentino 2-3
(28-26, 12-25, 25-17, 21-25, 13-15)
KIOENE: Giannotti 12, Fedrizzi 14, Volpato 9, Shaw 6, Maar 13, Averill 12, Balaso (L); Milan, Sestan, Bassanello. N.e. Zoppellari, Koncilja e Link All. Valerio Baldovin.
DIATEC TRENTINO: Mazzone D. 4, Stokr 16, Urnaut 13, Solé 10, Giannelli 7, Lanza 21, Colaci (L); Nelli 6, Antonov, Chiappa (L), Van de Voorde 5. N.e. Burgsthaler, Mazzone T. e Blasi. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: 
Sobrero di Carcare (Savona) e Braico di Torino.
DURATA SET: 33’, 20’, 25’, 24’, 26’; tot 2h e 8’’.
NOTE: 2.981 spettatori, per un incasso di 18.334 euro. Kioene: 6 muri, 8 ace, 22 errori in battuta, 3 errori azione, 51% in attacco, 34% (24%) in ricezione.  Diatec Trentino: 12 muri, 13 ace, 24 errori in battuta, 8 errori azione, 56% in attacco, 37% (26%) in ricezione. Mvp Lanza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136