QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Volley, Superlega: Trento sconfitta in casa da Cucine Lube Civitanova

domenica, 14 gennaio 2018

Trento - La striscia di nove successi consecutivi in SuperLega della Diatec Trentino si interrompe proprio contro la Cucine Lube Civitanova. Il remake della Finale Scudetto 2017, andato in scena questa sera al PalaTrento, ha infatti visto prevalere i Campioni d’Italia in una partita che ha offerto equilibrio e spettacolo nei due set centrali della stessa. Il 3-1 esterno firmato dai cucinieri ha vissuto momenti di suspense nel secondo e terzo periodo, quando i padroni di casa sono riusciti a contenere il servizio avversario e a rispondere colpo su colpo principalmente grazie all’efficacia a rete di Kovacevic (il migliore dei suoi con 17 punti ed il 52% a rete) e agli spunti in battuta di Eder. Negli altri due periodi il dominio della Lube è stato invece nettissimo, perché la squadra di Medei ha lavorato ottimamente in fase di break point col muro (17 vincenti), ben aiutato da un servizio molto pungente. Il rimpianto della Diatec Trentino sta però tutto nel non aver sfruttato un promettente vantaggio conquistato nel secondo set (16-12 e poi anche 21-19), lasciando spazio al ritorno dei biancorossi con gli ex di turno Sokolov (mvp del match con 21 punti, 5 muri, il 60% a rete e 1 ace) e Juantorena (17) sugli scudi. La contemporanea sconfitta di Verona a Modena non allontana comunque ulteriormente il quarto posto, sempre a due punti di distanza e con lo scontro diretto da giocare fra sette giorni (foto @Trabalza).volley-diatec

La cronaca del match - La Diatec Trentino proposta inizialmente da Angelo Lorenzetti per il remake della Finale Scudetto 2017 conta su Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Lanza e Kovacevic in posto 4, Eder e Zingel al centro, Chiappa libero. La Cucine Lube Civitanova risponde con Christenson, Sokolov opposto, Juantorena e Kovar schiacciatori, Stankovic e Cester centrali, Grebennikov libero.

L’inizio di match è equilibrato sino al 6-6, poi gli ospiti accelerano con il muro di Stankovic e con le invenzioni di Christenson, producendo un parziale di 0-4 che costringe Trento a rifugiarsi in un time out sul 6-10. Alla ripresa è sempre la Lube a dettare il ritmo in fase di break point, guadagnando ulteriore terreno (7-13) con Juantorena; Trento accusa il colpo, fatica a mettere la palla a terra da qualsiasi posizione e va in rottura prolungata (7-17) anche per meriti specifici di Sokolov, che difende e mura da campione. Sul 9-20 il set è di fatto già concluso; ai cucinieri basta tenere alta l’attenzione in fase di cambiopalla per portarsi velocemente sullo 0-1 (13-25).

La Diatec Trentino prova a scuotersi in avvio di seconda frazione (5-3), ma la Lube reagisce subito (5-7) senza perdere troppi colpi in cambiopalla (9-9). Nella parte centrale i gialloblù affondano il colpo col muro di Giannelli ed i primi tempi di Eder (11-9, 14-10); i marchigiani non si disuniscono e piano piano recuperano terreno (16-15), approfittando anche delle difficoltà a rete di Vettori (dentro al suo posto Teppan). Proprio il neoentrato con un muro ed un paio di buoni attacchi riesce ad offrire un nuovo spunto (18-16 e 20-18); Juantorena riporta in linea di galleggiamento i suoi (21-21). Si va allo sprint, dove Civitanova passa a condurre sul 23-24; Trento le annulla tre palle set e poi chiude i conti sul 26-28 con un errore in attacco di Lanza.

La Diatec Trentino non si dà per vinta e nel terzo periodo parte a spron battuto, utilizzando il servizio di Eder come arma per offendere ed ottenere, seppur indirettamente, break point. Sul 6-1 Kovacevic e lo stesso brasiliano hanno già dato un bello spunto al punteggio. Anche in questo caso però la Lube dimostra tutta la sua stabilità tecnica e mentale, risalendo un po’ alla volta il punteggio (10-6, 11-9), con Sokolov e Juantorena sugli scudi. Con Eder al servizio i gialloblù ritrovano smalto e break point, allungando di nuovo (14-10, 16-11); Kovacevic passa con regolarità in attacco e anche Kozamernik, appena subentrato a Zingel, si fa sentire al centro (18-14 e 22-17). Gli ospiti dimostrano tutta la loro classe tornando a farsi minacciosi (22-20) con l’opposto bulgaro; un ace di Giannelli e un muro del centrale sloveno su Sander (appena entrato) permettono a Trento di aggiudicarsi il parziale sul 25-20 e di tenere in vita le proprie speranze.

La Cucine Lube Civitanova fiuta il pericolo e nel quarto set, spinta dal servizio e dal muro non concede più nulla. Gli ospiti scappano via subito con Juantorena (1-4) e Sokolov (3-8). Sul 6-11 Lorenzetti ha già esaurito entrambi i time out a disposizione, senza però ottenere in seguito risposte concrete (7-14). Solo uno sprazzo di Lanza al servizio (10-14) fa per un attimo rialzare la testa ai gialloblù, prima che i cucinieri tornino in pieno possesso del punteggio (11-19) e dell’intero match, che si conclude 1-3 già sul 14-25.

“Abbiamo faticato costantemente ad incidere con il servizio, ad eccezione delle rotazioni proposte da Eder, e tutto ciò ha consentito alla Cucine Lube di aver un cambiopalla sempre molto efficace per tutto il corso della gara – ha dichiarato l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match - . Le difficoltà mostrate nel primo set sono state determinate soprattutto dalla scarsa positività del nostro attacco; siamo riusciti a crescere nel corso dei successivi parziali anche se ci rimane il rammarico per non aver vinto il secondo parziale, in cui siamo andati in difficoltà in una rotazione ben precisa. La pressione che la Lube ti mette addosso è sempre notevole e non sempre si è in grado di sopportarla; è quello che è successo nel finale di partita”.

Per i gialloblù subito un altro impegno al PalaTrento, stavolta in 2018 CEV Champions League: giovedì 18 gennaio alle ore 20.30 la Trentino Diatec affronterà i turchi dell’Arkas Izmir nel terzo turno della Pool E della prima fase. Gara compresa in abbonamento; biglietti comunque già in vendita anche su internet al link http://www.vivaticket.it/ita/event/trentino-diatec-arkas-izmir/108475. In SuperLega invece la partita più vicina è prevista per domenica 21 gennaio alle ore 18 al PalaOlimpia di Verona contro la Calzedonia.

IL TABELLINO 

Diatec Trentino-Cucine Lube Civitanova 1-3 (13-25, 26-28, 25-20, 14-25)
DIATEC TRENTINO: Zingel 2, Vettori 4, Lanza 9, Eder 8, Giannelli 3, Kovacevic 17, Chiappa (L); Teppan 4, Kozamernik 6. N.e. Hoag, Cavuto, Partenio. All. Angelo Lorenzetti.
CUCINE LUBE: Cester 10, Christenson 4, Juantorena 17, Stankovic 5, Sokolov 21, Kovar 12, Grebennikov (L); Candellaro, Sander. N.e. Marchisio, Casadei, Milan e Zhukouski. All. Giampaolo Medei.
ARBITRI: Cesare di Roma e Tanasi di Siracusa.
DURATA SET: 19’, 31’, 27’, 21’; tot 1h e 38’.
NOTE: 4.023 spettatori, per un incasso di 39.294 euro. Diatec Trentino: 9 muri, 3 ace, 19 errori in battuta, 8 errori azione, 45% in attacco, 45% (27%) in ricezione. Cucine Lube: 17 muri, 5 ace, 19 errori in battuta, 4 errori azione, 57% in attacco, 50% (37%) in ricezione. Mvp Sokolov.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136