QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Volley, Serie A1: la Diatec Trentino domina in casa, 3-0 su Ravenna

domenica, 19 gennaio 2014

Trento - La Diatec Trentino inanella la terza vittoria consecutiva del 2014 superando la CMC Ravenna al PalaTrento per 3-0 nel match valido per il secondo turno del girone di ritorno, il tredicesimo assoluto di regular season di Serie A1. Una vittoria convincente per i Campioni d’Italia che, dopo la sconfitta casalinga con Verona di undici giorni prima, hanno confermato di aver invertito decisamente la rotta come già peraltro mostrato negli ultimi sette giorni fra Latina e Maaseik.La grinta della Trentino Diatec

La presenza dell’ex di turno Andrea Bari nella metà campo avversaria (il libero e recordman di presenze gialloblù, alla prima al PalaTrento dall’altra parte della rete, è stato premiato con una targa ricordo assieme a Beppe Cormio, altro ex) non ha fatto allentare la presa ai gialloblù, apparsi sin dal via concentrati e carichi. Ravenna ha così dovuto incassare l’ennesimo 3-0 di questo singolo confronto (sesta vittoria in tre set per la Trentino Volley in altrettanti incontri ufficiali giocati contro i romagnoli), piegata dalla efficacissima prova in attacco dei padroni di casa, che hanno chiuso il match con il 64% di squadra ottimamente ispirati da Suxho in regia.

Nemmeno l’uscita di scena immediata di Ferreira (pallonata al volto fortunatamente senza particolari conseguenze) ha condizionato la prestazione dei gialloblù, dimostratisi paradossalmente ancora più in palla soprattutto grazie all’ottimo impatto sul match di Michele Fedrizzi. Lo schiacciatore cresciuto nel settore giovanile della Trentino Volley ha sfruttato ottimamente l’occasione, mettendo a segno 12 punti, con 2 muri e l’83% e soprattutto risolvendo sempre il problema del cambiopalla dei tricolori quando chiamato in causa. Assieme a lui, giustamente mvp, ottima anche la prestazione di Sokolov (60% con otto break point) e dei due centrali Birarelli-Solé, entrambi su ottimi livelli in primo tempo col capitano che poi ha aggiunto pure tre muri personali. La CMC ha provato a rispondere col solo Klapwijk, lasciato però troppo solo da un Cebulj in difficoltà contro il muro trentino e da un Tillie troppo a corrente alternata.

La cronaca del match. Gli starting six non riservano sorprese: Serniotti propone il sestetto tipo, che prevede Suxho in regia, Sokolov opposto, Ferreira e Lanza in posto 4, Birarelli e Solé al centro, Colaci libero. Bonitta (in tribuna per squalifica) risponde con Toniutti al palleggio, Klapwijk opposto, Tillie e Cebulj in banda, Cester e Mengozzi centrali, Bari libero. L’inizio di Trento è nel segno di Sokolov: un suo muro su Cebulj ed un attacco in fase di break proiettano i gialloblù subito sul +3 (9-6), corretto in +4 al time out tecnico da un paio di sbavature romagnole. In campo c’è già Fedrizzi al posto di Ferreira che, colpito al volto da una pallonata, deve lasciare spazio al cembrano per epistassi; il neoentrato regge però bene in ricezione e fa viaggiare il braccio in attacco permettendo ai gialloblù di mantenere intatto il proprio promettente vantaggio (17-13, 20-15) sino in fondo anche grazie all’incisività su ricostruita dello stesso opposto bulgaro. Chiude con un primo tempo capitan Birarelli sul 25-19.

La Diatec Trentino parte bene anche nel secondo parziale con Sokolov e Fedrizzi in bella evidenza (9-6); Ravenna stavolta però risale la china grazie ad un paio di muri e ad un ace di Klapwijk (12-12). I gialloblù ripartono con un ace di Sokolov (14-12) ed un contrattacco di Fedrizzi (16-13); i romagnoli chiamano time out ma non riescono a fermare la continuità a rete di Trento, che accelera ancora (21-17) volando verso il 2-0 che arriva sul 25-19 (errore di Klapwijk al servizio).

I Campioni d’Italia vogliono chiudere in fretta sul 3-0 e partono alla grande anche nella terza frazione (5-3, 9-7, 11-7) con Solé autore anche di ace. I gialloblù calano di intensità e vengono immediatamente ripresi sull’11-11 da Ravenna che sfrutta uno dei rari passaggi a vuoto di Sokolov (muro subito dal neoentrato Cricca e attacco out). La parità dura sino al 15-15, poi la squadra di Serniotti pigia di nuovo sull’acceleratore con Birarelli e Fedrizzi (muro su Klapwijk per il 18-15). Il capitano in fase di break è letale anche in attacco ed ispira un nuovo allungo (23-17) che spinge i suoi al 25-19 finale e ai primi tre punti casalinghi del 2014.

“Abbiamo giocato una buona gara, pur con qualche sbavatura ma va bene così perché non siamo alla ricerca della partita perfetta – ha dichiarato nel post partita Roberto Serniotti – . Mi è piaciuto come la squadra ha saputo adattarsi ad alcune varianti tattiche proposte da Ravenna nel corso del match e poi come abbiamo dato continuità alla nostra prestazione, cosa che nel recente passato qui al PalaTrento non ci era riuscita spesso. Sono segnali di crescita importanti che mi fanno ovviamente ben sperare anche perché stasera abbiamo fatto bene anche in ricezione e a muro. Ferreira è stato sfortunato a prendere quella pallonata in faccia, poteva rientrare subito ma mi è sembrato giusto lasciare in campo Fedrizzi perché aveva avuto un ottimo impatto sul match, confermato poi anche dalle statistiche finali”.

Mercoledì sera i Campioni d’Italia torneranno in campo al PalaTrento per il ritorno dei Playoffs 12 di 2014 CEV DenizBank Volleyball Champions League contro i belgi del Noliko Maaseik (ore 20.30). In Serie A1, invece, l’impegno più vicino è programmato in trasferta fra una settimana (domenica 26 gennaio, ore 18) sul campo dell’Exprivia Molfetta.

Di seguito il tabellino della gara della tredicesima giornata di regular season di Serie A1 2013/14 giocata questa sera al PalaTrento.

Diatec Trentino-CMC Ravenna 3-0
(25-19, 25-19, 25-19)
DIATEC TRENTINO: Ferreira, Solé 9, Sokolov 16, Lanza 8, Birarelli 10, Suxho 1, Colaci (L);  Fedrizzi, De Paola, Burgsthaler. N.e. Sintini, Thei e Szabò. All. Roberto Serniotti.
CMC: Tillie 6, Mengozzi 5, Klapwijk 15, Cebulj 5, Cester 4, Toniutti, Bari (L); Koumentakis, Patriarca 1, Cricca 2. N.e. Kauliakamoa, Jeliazkov, Scarpi. All. Marco Bonitta (squalificato, in panchina Fabio Dalla Fina).
ARBITRI: Santi di Città di Castello (Perugia) e Sampaolo di Treia (Macerata).
DURATA SET: 25’, 24’, 26’; tot  1h e 15’.
NOTE:  2.479 spettatori per un incasso di 18.768 euro. Diatec Trentino: 7 muri, 3 ace, 13 errori in battuta, 4 errori azione, 64% in attacco, 74% (41%) in ricezione. CMC: 5 muri, 3 ace, 13 errori in battuta, 6 errori azione, 42% in attacco, 68% (31%) in ricezione. Cartellino giallo alla panchina di Ravenna sul 16-15 del terzo set. Mvp Fedrizzi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136