QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Volley, Semifinale Playoff: in gara 2 Diatec Trentino sconfitta 3-1 a Perugia

sabato, 25 marzo 2017

Perugia – Il Palaevangelisti respinge l’assalto della Diatec Trentino in gara 2 playoff: Perugia vince 3-1 e riporta la serie in parità.

Il fattore campo si conferma elemento fondamentale anche in gara 2 della serie di Semifinale Play off Scudetto UnipolSai 2017. Come era accaduto al PalaTrento domenica, è stato quindi il PalaEvangelisti di Perugia a far valere la propria legge in occasione della seconda partita del confronto al meglio delle cinque: trascinata da quasi 4.000 spettatori, la Sir Safety Conad ha conquistato il successo per 3-1 sulla Diatec Trentino, riportando in parità le sorti del confronto e regalando come minimo un’altra partita casalinga (gara 4 del 19 aprile) ai propri sostenitori.Giannelli e Sole volley diatec

Come accaduto regolarmente negli ultimi due anni e mezzo, l’Umbria ha quindi respinto l’assalto dei gialloblù che, dopo le ottime cose messe in mostrate sei giorni prima, in questo caso hanno invece fatto segnare un passo indietro non solo in termini del risultato finale, ma anche di continuità di prestazione.

Il match però era iniziato bene per i colori gialloblù: con un servizio affilato e una buona continuità in fase di cambiopalla, in cui Stokr ha fatto sempre la voce grossa (alla fine il migliore dei suoi con 16 punti ed il 62% a rete), la squadra di Lorenzetti si era portata avanti anche per 21-18, prima di subire la veemente reazione dei padroni di casa, che ai vantaggi si imponevano per 28-30. Il riscatto trentino nel successivo set (conquistato per 20-25) rimaneva l’unico vero acuto della serata, perché poi – pur lottando per lunghi tratti alla pari con gli avversari – Lanza e compagni non riuscivano a comandare con lucidità il gioco, lasciando i successivi parziali agli avversari. Fra le note positive da sottolineare il buon impatto avuto sul match da Daniele Mazzone (entrato in corso d’opera ed autore del 67% in primo tempo con 1 muro e 1 ace) e l’iniziale verve mostrata da Solé, a segno con tre block ed il 75% in attacco. Per tornare in vantaggio nella serie bisognerà però limitare maggiormente il numero degli errori (11 in attacco e 26 al servizio) e riuscire a contenere meglio Atanasijevic, autentico mattatore del match con 22 punti, il 58% a rete e 3 muri.

La cronaca di gara 2. Lo starting six della Diatec Trentino ricalca perfettamente quello presentato in campo da Lorenzetti sei giorni prima al PalaTrento: Gianelli agisce in regia, Stokr nel ruolo di opposto, Urnaut e Lanza in posto 4, Solé e Van de Voorde al centro, Colaci libero. Senza Russell (infortunatosi seriamente in settimana), Lorenzo Bernardi dà fiducia a Berger nel sestetto di partenza della Sir Safety Conad, mettendolo in diagonale a Zaytsev; Birarelli, Podrascanin, De Cecco, Atanasijevic e Bari gli altri cinque titolari. L’impatto sul match degli ospiti è ottimo, specialmente a muro, fondamentale in cui si esalta Solé: Trento tiene l’iniziale vantaggio di 5-3, grazie ad una buona continuità nella fase di cambiopalla (9-7, 12-10) e poi accelera ulteriormente, capitalizzando un errore di Atanasijevic, che concede il +3 (15-12). I gialloblù arrivano al massimo vantaggio (18-14) con una ricostruita di Solé, ma poi subiscono il contro break firmato da Zaytsev e Atanasijevic, che rimettono in bilico l’andamento del set (22-21 e poi 23-23). Allo sprint la spunta effettivamente Perugia, che annulla tre palle set e poi alla quarta chiude il contro, approfittando di un errore di Solé e poi di un muro di Podrascanin su Urnaut per il 28-30 che manda le squadre al cambio di campo.

La Diatec Trentino non subisce il colpo e riparte di slancio nel secondo set, in cui ben presto Lorenzetti alterna Daniele Mazzone a Solé; proprio il centrale torinese firma i punti che consentono agli ospiti di accelerare da 11-11 a 15-12 con anche un ace diretto. Bernardi chiama time out e i suoi sfiorano la parità con Zaytsev al servizio (15-14). Trento fiuta il pericolo e riparte con Stokr (18-14), ben spalleggiato in questo caso da Lanza, che con i suoi attacchi difende il cospicuo vantaggio sino in fondo (23-19). L’1-1 arriva sul 25-20 con un primo tempo di Van de Voorde.

Perugia si scuote in avvio di terzo parziale, sfruttando al massimo qualche errore diretto degli avversari. Gli attacchi out di Stokr e Urnaut proiettano gli umbri sul +3 (7-10), costringendo Lorenzetti ad interrompere il gioco. Con Solé, di nuovo in campo al posto di Mazzone da inizio set, in attacco i gialloblù si riportano immediatamente in carreggiata (10-10) ma è una situazione instabile perché Perugia con Atanasijevic riaccelera (12-15). Lorenzetti rigetta allora nella mischia Daniele Mazzone (stavolta per Van de Voorde), ma stavolta l’avvicendamento non porta i frutti desiderati, perché Perugia difende il vantaggio (15-19, 19-23) e chiude agevolmente con un errore a rete di Lanza (19-25).

La Diatec Trentino non si arrende e nel quarto parziale trova immediatamente la risposta che le serviva; con Lanza al servizio (un ace diretto) si porta sul 8-4, approfittando di una pausa in ricezione degli avversari. Perugia prova a risalire la china con Buti e Podrascanin; arriva sino al 12-11, poi Stokr ricomincia il suo show in attacco permettendo ai gialloblù di conservare due lunghezze di vantaggi (18-16). Perugia serra allora il ritmo in fase di break point e con Zaytsev (attacco e muro) ribalta la situazione (19-21). E’ lo strappo decisivo perché poi la Sir Safety Conad non concede più nulla e chiude i conti su 22-25.

“Peccato per il risultato, ma resto dell’opinione che abbiamo espresso una buona pallavolo per una fetta consistente del match – ha dichiarato al termine del match l’allenatore di Trentino Volley Angelo Lorenzetti – . Ovviamente all’interno di questa prestazione ci sono aspetti più e meno buoni; stasera è andata bene la ricezione, piuttosto costante per tutto l’arco del match, mentre non mi ha soddisfatto il nostro servizio, ma soprattutto non abbiamo trovato il modo per risolvere le difficoltà mostrate in contrattacco. Non abbiamo sfruttato alcune occasioni importanti e alla fine le abbiamo pagate a caro prezzo. Ora dobbiamo pensare a gara 3; sapevamo che sarebbe stata una serie molto difficile e Perugia anche stasera ce lo ha confermato”.

Gara 3 della serie si giocherà solo domenica 9 aprile al PalaTrento (ore 18), per lasciare spazio nei prossimi sette giorni al doppio confronto di semifinale di 2017 CEV Cup, che la Trentino Diatec sosterrà contro i turchi del Fenerbahce. L’andata è programmata già per martedì 28 marzo alle ore 20.30 nell’impianto di via Fersina, mentre il ritorno si giocherà a Istanbul fra sette giorni (sabato 1 aprile, ore 18). Prevendite biglietti attive su www.vivaticket.it.

Il tabellino

Sir Safety Conad Perugia- Diatec Trentino 3-1 (30-28, 20-25, 25, 19, 25-22 )
SIR SAFETY CONAD: Berger 11, Birarelli 3, De Cecco, Zaytsev 10, Podrascanin 9, Atanasijevic 22, Bari (L); Buti 6, Tosi (L); Della Lunga, Mitic. N.e. Paris, Franceschini, Chernokozhev. All. Lorenzo Bernardi.
DIATEC TRENTINO: Van de Voorde 8, Giannelli 4, Urnaut 8, Solé 12, Stokr 16, Colaci (L); Nelli 2, Mazzone T. 1, Chiappa, Mazzone D. 4.. N.e. Burgsthaler, Blasi. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Pasquali di Ascoli Piceno e Bartolini di Firenze.
DURATA SET: 38’, 26’, 27’, 29’; tot 2h.
NOTE: 3.938 spettatori; incasso non comunicato. Sir Safety Conad: 11 muri, 3 ace, 25 errori in battuta, 5 errore azione, 53% in attacco, 45% (25%) in ricezione. Diatec Trentino: 7 muri, 6 ace, 26 errori in battuta, 11 errori azione, 49% in attacco, 46% (16%) in ricezione. Mvp Atanasijevic.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136