QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Volley, Play Off UnipolSai: impresa Diatec Trentino in gara 3, espugnato il PalaPanini. La serie di semifinale torna al PalaTrento

giovedì, 21 aprile 2016

Trento – Straordinaria impresa della Diatec Trentino al PalaPanini in gara 3 di semifinale Play Off Scudetto UnipolSai 2016. Di fronte ad oltre 5.000 spettatori pronti a far partire la festa per l’eventuale vittoria della DHL e conseguente qualificazione alla Finale Scudetto, la squadra Campione d’Italia ha ribadito tutta la propria classe, carattere e capacità assicurandosi per 3-1 l’incontro e riportando la serie al PalaTrento per gara 4 di lunedì 25 aprile.trentino diatec trento volley pallavolo

Il primo e forse più ghiotto match ball in favore degli emiliani per chiudere il conto è stato annullato offrendo una prova ai confini della realtà, commovente per dedizione e volontà e tremendamente pratica: solo in questa maniera si poteva pensare di violare l’impianto geminiano, riscattando le prime due sconfitte della serie e rialzando le proprie quotazioni. Il secondo posto in CEV Champions League conquistato domenica sera a Cracovia è stato quindi immediatamente trasformato in energia positiva dalla squadra di Stoytchev, che per vincere si è affidata, come il tecnico aveva anticipato prima della gara, ad alcune sostanziali ed importanti novità – evidentemente in grado di scompaginare le carte in tavola a Modena.

Con l’intera coppia di opposti non al meglio, il tecnico bulgaro ha infatti utilizzato Kaziyski nel ruolo di opposto, proponendo Antonov e Van de Voorde a completare i reparti di posto 4 e posto 3. La mossa ha sortito gli effetti desiderati, perché Matey ha dimostrato di essere ancora una volta un fuoriclasse immenso (18 punti col 42% che gli rendono solo in parte il merito che invece ha avuto in questa occasione), ben spalleggiato proprio dall’italo-russo (prezioso in tutti i fondamentali) e dal centrale belga (4 muri con l’88% in primo tempo). Il successo è arrivato poi anche grazie alla splendida prestazione offerta in regia da Giannelli (premiato mvp) e dalla consistenza gialloblù mostrata fra muro e difesa dove Solé e Colaci hanno saputo davvero esaltarsi. Di fronte ad una Diatec Trentino così energica, Modena ha sofferto in attacco e a muro, pagando a caro prezzo la serata negativa di Ngapeth e quella troppo nervosa di diversi suoi elementi.

La cronaca di gara 3. Gli starting six riservano novità solo nella metà campo della Diatec Trentino, dove Stoytchev deve fare a meno di Djuric (nemmeno a referto per una tendinopatia acuta al ginocchio sinistro) e, con Nelli ancora non al meglio ma comunque recuperato, decide di schierare a sorprese Kaziyski nel ruolo di opposto in diagonale a Giannelli, mentre in banda c’è Antonov assieme ad Urnaut e Van de Voorde con Solé al centro, Colaci libero. Lorenzetti conferma invece la formazione vincente delle prime due gare della serie: Bruno al palleggio, Vettori opposto, Ngapeth e Nikic in posto 4, Bossi e Saatkamp al centro, Rossini libero. L’inizio di partita è vibrante; Modena con Vettori e Nikic trova subito due punti di vantaggio (3-5 e poi 6-8) ma il muro trentino è attento e ricompone lo strappo già sul 9-9. Proprio un block di Van de Voorde su Nikic  ed un’invasione a rete di Vettori offrono il primo vero spunto dei tricolori nel match (14-12, time out Lorenzetti). Alla ripresa è ancora il centrale belga a fare la differenza, ben spalleggiato da Kaziyski (18-13); il tecnico della DHL inserisce allora Petric e grazie al suo ingresso i padroni di casa si rianimano, arrivando sino al 19-18 con il serbo subito a segno due volte. La Diatec Trentino non perde sicurezza e riparte di nuovo con Antonov ed Urnaut (23-20); un errore al servizio di Bruno chiude il primo parziale in favore dei trentini sul 25-21.

Nel secondo set Modena prova a prendere immediatamente le operazioni del gioco in mano con Petric confermato in campo al posto di Nikic. Saatkamp passa con regolarità ma Trento non demorde e con Urnaut resta in scia (7-8, 10-12).

Nella seconda parte del parziale gli emiliani accelerano ancora con Vettori ed un ace di Sartoretti (14-17); Stoytchev spende due time out nel giro di pochi minuti ma servono un paio di invenzioni di Kaziyski per ritrovare la parità a quota 21. Il rush fine se lo aggiudica anche in questo caso Trentino Volley con Matey che si scatena e firma quasi da solo il 25-23 che vale il 25-23.

Sull’onda dell’entusiasmo Trento parte alla grande anche nel terzo periodo volando sul 7-5 e poi sul 12-11. Sul 15-14 Kaziyski e Bruno hanno qualcosa da ridirsi sottorete, l’atmosfera si anima e Saltalippi gli espelle sino a fine set; in un clima infuocato è Modena ad approfittare della situazione con Soli in campo al posto del brasiliano: Vettori sale in cattedra e ribalta la situazione (20-22) chiudendo con un ace sul neoentrato Lanza (22-25).

Nel quarto set tornano della partita Kaziyski e Bruno; è proprio il bulgaro a guidare all’immediato allungo (9-5); Bossi prova a rispondere (10-8) ma Antonov è ancora concreto e riporta nuovamente il +4 (12-8). Modena però ha ancora energie e con Vettori costruisce la parità già a quota 16 con un ace e attacchi in serie dell’opposto. Il time out di Stoytchev chiarisce le idee ai suoi che vanno a segno con Kaziyski e  con un muro di Solé su Ngapeth (19-16); il vantaggio è ampio ma il francese riesce a ricucire lo strappo sino al 22-22 poi ci pensa di nuovo Matey (25-22) e biglietto staccato per gara 4. Si torna al PalaTrento.

E’ stata una bellissima partita che abbiamo avuto la fortuna di fare nostra al cospetto di una grande squadra come Modena  – ha analizzato al termine della gara l’allenatore della Diatec Trentino Radostin Stoytchev . Parlo di fortuna perché effettivamente è andata anche così, ma questa vittoria ci serviva davvero perché arriva al termine di un periodo difficilissimo che deve ancora terminare. Sono contento per il carattere mostrato dai giocatori; per ottenere il risultato stasera hanno compiuto uno sforzo fisico e mentale titanico e si meritano di giocare un’altra gara al PalaTrento. Il vantaggio nella serie ed il pronostico è ancora tutto a favore della DHL ma proveremo in qualsiasi modo a pareggiare i conti. Non sarà assolutamente facile, lo sappiamo bene”.

I Campioni d’Italia rientreranno a Trento già nella notte e godranno di mezza giornata di riposo prima di riprendere già venerdì pomeriggio al PalaTrento gli allenamenti in vista di gara 4 della serie che si disputerà lunedì 25 aprile alle ore 19.15 nell’impianto di via Fersina. La prevendita biglietti per questo appuntamento scatta già venerdì mattina presso la sede di Trentino Volley in via Trener 2 e PromoEvent di via Suffragio 10 ma è attiva in qualsiasi momento su internet all’indirizzo www.vivaticket.it.

Di seguito il tabellino di gara 3 di semifinale dei Play Off Scudetto UnipolSai 2016 giocata stasera al PalaPanini di Modena.

TABELLINO
DHL Modena-Diatec Trentino 1-3
(21-25, 23-25, 25-22, 23-25)
DHL: Bruno 3, Ngapeth 16, Saatkamp 10, Vettori 23, Nikic 3, Bossi 5, Rossini (L); Petric 7, Sartoretti 1, Sens Thiago, Soli. N.e. Donadio, Casadei e Sighinolfi. All. Angelo Lorenzetti.
DIATEC TRENTINO: Giannelli 3, Urnaut 10, Solé 14, Kaziyski 18, Antonov 7, Van de Voorde 11, Colaci (L); Lanza. N.e. Nelli, Mazzone T., Bratoev, De Angelis, Mazzone D. All. Radostin Stoytchev.
ARBITRI: Saltalippi di Perugia e Santi di Città di Castello (Perugia)
DURATA SET:  26’, 29’, 35’, 34’; tot  2h e 4’.
NOTE: 5.016 spettatori per un incasso di 63.937 euro. DHL: 5 muri, 10 ace, 16 errori in battuta, 13 errore azione, 45% in attacco, 49% (27%) in ricezione. Diatec Trentino: 13 muri, 1 ace, 13 errori in battuta, 8 errore azione, 49% in attacco, 41% (23%) in ricezione. Cartellino giallo e rosso a Bruno e Kaziyski sul 14-15 del terzo set. Mvp Giannelli.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136