QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Volley: la Supercoppa Italiana 2015 alla DHL Modena, la Diatec Trentino cede a testa alta solo al tie break

domenica, 25 ottobre 2015

Modena – Il PalaPanini respinge solo all’ultimo l’assalto alla Del Monte Supercoppa Italiana 2015 di una Diatec Trentino che centosessantaquattro giorni dopo la vittoria dello scudetto ha fatto di tutto per guastare la festa ai padroni di casa. Il primo trofeo della nuova stagione, che metteva come vuole la tradizione di fronte i vincitori del tricolore a quelli della Coppa Italia delle precedente annata, è invece restato alla fine in Emilia e va ad arricchire la bacheca dei padroni di casa della DHL Modena, capace di imporsi al tie break dopo quasi due ore e mezza di pura battaglia.muro trento modena volley, pallavolo

Al cospetto di un impianto ancora una volta vicino tutto esaurito, i Campioni d’Italia hanno venduto carissima la propria pelle contro una formazione come quella di casa che, pur avendo meccanismi di gioco più rodati, ha dovuto sudare sino in fondo per avere la meglio.

I tricolori tornano a casa senza trofeo ma con tante indicazioni utili in vista della stagione iniziata proprio oggi. Per lunghi tratti la squadra messa in campo da Stoytchev ha infatti mostrato una pallavolo già ordinata e piacevole, fatta di tanto agonismo e dello spirito giusto per giocare partite così importanti: i 29 punti di Djuric uniti ai 22 di Antonov (schierato titolare per tutta la gara e bella sorpresa della serata) e ai positivi ingressi in corso d’opera di Lanza (13 col 57%) e di Daniele Mazzone (3 muri vincenti in quattro set) hanno messo sovente alle corde Modena e sono le principali note positive da cui ripartire. La DHL alla fine ha alzato il trofeo sfruttando la grande serata di Vettori (32 punti con 4 muri e 3 muri, mvp del match) e la verve di Ngapeth; è stato l’opposto azzurro a togliere le castagne dal fuoco in una partita che per i padroni di casa si era complicata enormemente dopo le rimonte portate a termine dagli ospiti nel primo e quarto set.

La cronaca del match. In un PalaPanini vicino al tutto esaurito, Radostin Stoytchev propone per la prima volta la formazione tipo recuperando in extremis almeno Urnaut: nello starting six spazio quindi a Giannelli in regia, Djuric nel ruolo di opposto, lo sloveno e Antonov in banda, Solé e Van de Voorde al centro e Colaci libero. Angelo Lorenzetti risponde con lo schieramento più rodato che prevede solo due novità rispetto alla scorsa stagione: Bruno al palleggio, Vettori opposto, Ngapeth e Nikic (al posto di Petric) schiacciatori, Piano e Saatkamp centrali, Rossini libero. L’inizio di partita è nel segno di Saatkamp, che con tre muri quasi consecutivi fa schizzare i padroni d casa dal 6-6 al 6-9. Urnaut risponde fermando Vettori (9-11) riportando sotto i suoi ma è solo un attimo perché dopo il time out tecnico Modena accelera ancora con Vettori e lo stesso centrale brasiliano volando sul +6 (13-19). Djuric non ci sta e coi suoi attacchi firma il meno tre (18-21, time di Lorenzetti), ma non è finita perché il greco, aiutato da Giannelli (muro su Ngapeth) fissa la parità a quota 23-23. Si va ai vantaggi, dove le due squadre si alternano spesso al comando: Modena non sfrutta 8 palle set, Trento chiude alla settima grazie ad una grande difesa di Colaci trasformata in punto dal solito Djuric (11 punti solo nel primo parziale).

Modena prova a scuotersi con Vettori in apertura del secondo set: l’opposto della Nazionale torna ad essere efficiente in attacco e conduce i compagni sino al 7-10, anche sfruttando qualche sbavatura di troppo di Van de Voorde. Antonov non ci sta e riporta a meno due la Diatec Trentino (9-11); Lanza (in campo dall’inizio del periodo al posto di Urnaut) entra in partita e aiuta gli altri due uomini di palla alta a riavvicinare gli avversari (17-18). La DHL con Vettori a muro (su Antonov) apporta un altro strappo (18-22) che sembra essere decisivo; invece i canarini devono soffrire ancora (23-24 con Oleg scatenato) prima di trovare il cambiopalla con Ngapeth che porta la situazione dei parziali in parità.
Sul filo dell’equilibrio la prima parte della terza frazione, poi sull’8-8 Antonov trova un break, imitato da Daniele Mazzone (in campo dal precedente set al posto di Solé) che ferma a muro Vettori (10-8). Stoytchev manda in campo anche Solé per uno spento Van de Voorde ma Modena riemerge dai suoi errori e con i muri di Nikic e Piano ribalta la situazione (da 13-10 a 14-16). La DHL prova a scappare via (16-19) ma Solé mura Saatkamp per il 18-20; si va anche in questo caso allo sprint risolto in favore dei padroni di casa da un attacco di Vettori che il Video-Check giudica in campo per questione di millimetri (23-25).

Si gioca palla su palla anche nel quarto set con la DHL che tenta la fuga con Ngapeth (5-7) ma che poi subisce la replica a muro di Mazzone e Djuric (12-10). Vettori si erge ad assoluto protagonista e con servizio ed attacco prima pareggia i conti e poi fa mettere la freccia (19-18); Mazzone inverte la tendenza (20-21). Al fotofinish decide un altro block, quello vincente di Antonov sullo stesso Vettori per il 23-25: si va al tie break.

Nel quinto set decisiva la fiammata degli emiliani dal 6-6 al 10-6 grazie ad una grande presenza a muro del solito Vettori. E’ lo spunto che permette alla Supercoppa di restare in Emilia: chiude i conti Nikic sul 15-11 dopo oltre due ore e venti di battaglia.

Abbiamo giocato questa partita come potevamo, senza una adeguata preparazione alle spalle ma non cerchiamo scusanti – ha spiegato al termine l’allenatore della Trentino Volley Radostin Stoytchev - . Dobbiamo considerare quello che abbiamo fatto oggi come una buona base di partenza in vista del futuro; teniamo i piedi per terra e torniamo a lavorare in palestra perché questo è quello di cui abbiamo bisogno adesso. Sappiamo che il modo in cui abbiamo giocato stasera non è ancora sufficiente per vincere partite contro squadre così forti.  Il nostro obiettivo nel breve periodo deve quindi essere quello di recuperare un po’ alla volta tutti gli effettivi e poi crescere giorno dopo giorno e partita dopo partita”.

I Campioni d’Italia rientreranno a Trento già nella serata odierna, risposeranno domenica (giorno in cui inizia la regular season di SuperLega UnipolSai 2015/16) e da lunedì inizieranno a preparare il primo impegno in campionato, messo in calendario per mercoledì 28 ottobre al PalaIper di Monza (ore 20.30 – altra doppia diretta, RAI Sport e Radio Dolomiti) contro il Gi Group Monza. Di seguito il tabellino della Del Monte Supercoppa Italiana 2015 giocata questa sera al PalaPanini.

TABELLINO
DHL Modena-Diatec Trentino 3-2
(35-37, 25-23, 25-23, 23-25, 15-11)
DHL: Piano 8, Vettori 32, Nikic 16, Saatkamp 16, Bruno 7, Ngapeth 18, Rossini (L); Petric, Bossi 1, Soli. N.e. Donadio, Casadei, Sartoretti. All. Angelo Lorenzetti.
DIATEC TRENTINO: Solé 7, Giannelli 4, Urnaut 3, Djuric 29, Lanza 13, Van de Voorde 2, Colaci (L); Lanza 13, Mazzone D. 5, Nelli. N.e. Mazzone T., Bratoev, De Angelis. All. Radostin Stoytchev.
ARBITRI: 
Pasquali di Ascoli Piceno e Cesare di Roma.
DURATA SET:   41’, 28’, 29’, 29’, 18’; tot  2h e 25’.
NOTE: 4.864 spettatori per un incasso di 80.480 euro. DHL: 16 muri, 3 ace, 24 errori in battuta, 10 errore azione, 50% in attacco, 57% (38%) in ricezione. Diatec Trentino: 16 muri, 3 ace, 14 errori in battuta, 8 errore azione, 46% in attacco, 45% (26%) in ricezione. Mvp Vettori.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136