QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Volley: la Diatec Trentino vince il derby dell’Adige. Da giovedì play off scudetto

domenica, 23 marzo 2014

Verona – La regular season 2013/14 di Serie A1 si chiude con una convincente affermazione esterna per la Diatec Trentino. I Campioni d’Italia si sono assicurati la ventitreesima edizione del derby dell’Adige, confermando la tradizione positiva delle ultime sei stagioni al PalaOlimpia di Verona (ultima sconfitta il 5 ottobre 2008).
Vendicata con il 3-0 ottenuto in terra scaligera di fronte ad oltre quattromila spettatori il ko patito all’andata al Palatrento; pur non risultando fondamentale per la propria classifica finale (chiusa al quarto posto) la vittoria odierna è promettente in vista degli imminenti play off Scudetto dove, a partire da giovedì, sfiderà di nuovo Casa Modena (già avversaria in Coppa Italia) nei quarti di finale al meglio delle tre gare.
Finalmente di nuovo al completo, la squadra di Roberto Serniotti è riuscita ad esprimere un gioco più continuo ed efficace, che ha messo alle corde Verona nella seconda parte di ogni set. La differenza nella fase di break point, guidata da un Sokolov in attacco e dalla ottima correlazione muro-difesa di tutta la squadra, ha infatti scavato un solco profondo fra le due squadre dopo tutti i time out tecnici delle tre frazioni; oltre a sfoderare un opposto bulgaro già in forma playoff (17 punti col 58% in attacco), la squadra di Serniotti si è poggiata anche su un servizio molto incisivo (a segno con cinque giocatori differenti) e su un muro che si è confermato il migliore del campionato.

IL MATCH
La cronaca del match. Roberto Serniotti recupera Lanza e Ferreira e schiera nuovamente il sestetto tipIl muro a tre della Diatec Trentinoo con la presenza di Suxho in regia, Sokolov opposto, Birarelli e Solé al centro e Colaci libero. Giani spedisce subito in campo il neoacquisto Kovacevic (in panchina resta White) non variando poi il resto del suo assetto tradizionale. L’avvio di gara è nel segno del centrale di casa Anzani, che nel giro di pochi minuti firma tre muri e due primi tempi che proiettano Verona avanti 5-9; Trento replica con Sokolov e Birarelli (9-11) e passa a condurre dopo il time out tecnico grazie a due muri (di Ferreira su Gasparini e dello stesso bulgaro su Ter Horst) e ad un errore dello stesso olandese (15-14). Il margine dei gialloblù cresce con un altro block di Lanza sempre sull’opposto scaligero e con un ace di Sokolov per il 21-18; Giani chiama time out ma la sosta non arresta la marcia dei tricolori che proprio con l’opposto chiudono il primo parziale sul 25-20.

Molto equilibrata la prima parte di secondo set: la Calzedonia prova a reagire ma la Diatec Trentino non la lascia mai scappare (6-6, 10-10) prima di mettere la freccia con Lanza (12-11). Un ace di Ferreira su Kovacevic e un errore di Ter Horst consentono agli ospiti di allargare la forbice (+3, 17-14) e costringono Giani a spendere un time out; alla ripresa del gioco Gasparini prova a ricucire con la battuta lo strappo (17-16) ma Trento è molto in palla a muro e con il neoentrato Burgsthaler (per Suxho) ne trova subito uno che vale il 21-18. E’ lo spunto decisivo perché poi alla squadra di Serniotti basta tenere regolare la fase di cambiopalla per volare sul 2-0 (25-21, attacco di Solé).
Il terzo periodo è contraddistinto da un avvio sprint da parte dei Campioni d’Italia, che con Ferreira e Sokolov scappano via subito (7-4, 9-5) anche approfittando di un ace fortunoso di Suxho. Verona denuncia difficoltà in ricezione ed in attacco; gli ospiti ne approfittano per allungare (15-9, muro di Birarelli e break point di Sokolov) e chiudere in fretta sul 25-15.
“In spogliatoio ce lo eravamo detti, i Play Off Scudetto per noi iniziavano stasera a Verona e con questo spirito battagliero abbiamo affrontato l’appuntamento – ha spiegato nel post partita l’allenatore trentino Roberto Serniotti – . Sono soddisfatto del risultato ma soprattutto del gioco che abbiamo saputo esprimere; non era così scontato riuscire a vincere anche attraverso una buona pallavolo: ci siamo riusciti riprendendo il nostro ritmo dopo una buona settimana di allenamento. Abbiamo ingranato sin dal via, battendo in generale abbastanza bene; ora ci attende il quarto di finale con Modena, squadra contro cui recentemente abbiamo dato vita a partite molto combattute. Ci prepareremo al meglio, sperando di poter contare sul massiccio apporto del nostro pubblico”.

IL TABELLINO 

Calzedonia Verona-Diatec Trentino 0-3
(20-25, 21-25, 15-25)
CALZEDONIA: Gasparini 14, Ter Horst 4, Zingel 2, Boninfante 1, Kovacevic 4, Anzani 9, Pesaresi (L); Bellei, Blasi, White. N.e. Coali, Centomo e Gonzalez. All. Andrea Giani.
DIATEC TRENTINO: Solé 9, Sokolov 17, Lanza 9, Birarelli 7, Suxho 3, Ferreira 9, Colaci (L); Burgsthaler 1, Fedrizzi 1. N.e. Sintini, Thei, De Paola, Van Dijk. All. Roberto Serniotti.
ARBITRI: Gnani di Ferrara e Simbari di Milano.
DURATA SET: 22’, 27’, 23; tot 1h e 12’.
NOTE: 4.194 spettatori. Calzedonia: 5 muri, 2 ace, 10 errori in battuta, 6 errori azione, 46% in attacco, 47% (38%) in ricezione. Diatec Trentino: 7 muri, 6 ace, 15 errori in battuta, 5 errori azione, 61% in attacco, 58% (46%) in ricezione. Mvp Sokolov.

PLAY OFF SCUDETTO

Per la Diatec Trentino ora tre giorni di preparazione prima dell’esordio nei Play Off Scudetto 2014, che avverrà di fronte al pubblico del PalaTrento giovedì 27 marzo alle 20.30.

 

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136