QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Volley, la Diatec si inchina sul parquet di casa a Calzedonia Verona

mercoledì, 8 gennaio 2014

Trento – Sconfitta casalinga per la Diatec. Si è concluso al PalaTrento la gara valevole per l’undicesimo turno di Serie A1 2013/14. Inatteso lo stop per il team di Serniotti.

Diatec Trentino 2

LA CRONACA

Nessuna sorpresa negli starting six del match: recuperati Ferreira e Sokolov, la Diatec Trentino li schiera subito in campo rispettivamente in diagonale all’altro posto 4 Lanza e al palleggiatore Suxho, mentre Birarelli e Solé compongono la coppia di centrali, con Colaci libero. Andrea Giani, tecnico della Calzedonia Verona, risponde con Boninfante al palleggio, Gasparini opposto, White e Ter Horst in posto 4, Zingel e Anzani al centro, Pesaresi libero. L’avvio di partita è tutta di marca tricolore, con i padroni di casa che scappano via subito sul 6-1 sfruttando la buona vena in attacco di Sokolov e i frequenti errori ospiti. Gli scaligeri faticano anche in posto 4 con Ter Horst che in ricezione commette diversi errori a tutto vantaggio del servizio di Birarelli che aumenta ulteriormente il divario (12-3, ace del capitano). Dopo il time out tecnico Ferreira dimostra tutte le sue qualità a muro firmandone altri due per il 14-3 che costringe Giani a interrompere di nuovo il gioco. Zingel con due ace diretti sullo stesso portoghese prova a portare in partita la Calzedonia (15-7), ma è solo un sussulto perché poi Trento riprende in mano le operazioni del gioco e chiude comodamente sul 25-15, senza apparente sofferenza.

La Calzedonia reagisce in avvio di secondo set sfruttando il ritorno nel match di Ter Horst (1-4); Serniotti spende subito un time out che chiarisce le idee ai suoi giocatori, bravi a risalire la china con Sokolov al servizio (anche un ace diretto) sino al 9-10. La parità arriva sul 14-14 quando Gasparini spedisce out una seconda linea senza muro; è un equilibrio precario perché due errori consecutivi dei tricolori (Lanza e Solé) per fruttano il 14-17 esterno. L’allenatore della Diatec Trentino interrompe di nuovo il gioco e Sokolov riporta a stretto contatto le due squadre (18-18); da lì in avanti le due squadre viaggiano a braccetto sino al 22-22; Verona accelera grazie ad un errore del bulgaro ma non riesce a chiudere per un muro del neoentrato Fedrizzi. Trento a sua volta non sfrutta una palla set e poi cede sul 25-27 con due muri di Anzani.

Nel terzo set Fedrizzi resta in campo al posto di Ferreira, dolorante in panchina; il posto 4 cembrano è però in palla tant’è vero che la Diatec Trentino tiene il cambiopalla regolare sino al 7-7. In seguito Verona trova uno spunto con Gasparini (8-12); i gialloblù non riescono a reagire (10-16) e allora Serniotti si gioca tutte le proprie carte dalla panchina (dentro Sintini, Szabò e Burgsthaler al posto di Suxho, Sokolov e Solè) senza però trovare risposte positive. Gli ospiti dominano a rete ed in battuta e chiudono in fretta i conti (17-25) con un’ottima prova di squadra in fase di cambiopalla.

Nel quarto periodo Serniotti conferma in campo Burgsthaler per Solé e rispedisce in campo la diagonale palleggiatore-opposto titolare ma i padroni di casa faticano troppo in ricezione per tenere il ritmo degli avversari che scappano via subito (2-4) grazie ad un servizio sempre incisivo. Sokolov prova a reagire con l’attacco ma è il solo ad offrire qualche buono spunto; dall’altra parte White diventa infermabile favorendo l’allungo (8-12). Anzani commette due errori consecutivi e Trento torna sotto (12-13, time out di Giani). I tricolori però devo sempre inseguire nel corso di questo set (16-18, 20-22) senza mai trovare lo spunto decisivo e lascia spazio a Verona che con Zingel chiude sul 23-25.

 

IL TABELLINO 

Diatec Trentino-Calzedonia Verona 1-3
(25-15, 25-27, 17-25, 23-25)
DIATEC TRENTINO: Solé 4, Sokolov 17, Lanza 4, Birarelli 8, Suxho 4, Ferreira 9, Colaci (L); Fedrizzi 11, Sintini, Szabò 1 e Burgsthaler 3. N.e. Thei, De Paola. All. Roberto Serniotti.
CALZEDONIA: White 16, Anzani 7, Gasparini 12, Ter Horst 14, Zingel 15, Boninfante 2, Pesaresi (L); Bellei, Blasi. N.e. Coali, Gabriele, Gonzalez. All. Andrea Giani

ARBITRI: Satanassi di Porto Fuori (Ravenna) e Zucca di Trieste
DURATA SET: 21’, 32’, 23’, 27’; tot 1h e 44’.
NOTE: 2.560 spettatori per un incasso di 21.520 euro. Diatec Trentino: 11 muri, 6 ace, 14 errori in battuta, 11 errori azione, 42% in attacco, 56% (24%) in ricezione. Calzedonia: 14 muri, 8 ace, 17 errori in battuta, 10 errori azione, 41% in attacco, 55% (24%) in ricezione. Cartellino giallo a Serniotti sul 25-24 del secondo set.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136