QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Volley, la Coppa Italia resta fra le mani di Modena: Diatec Trentino sconfitta in tre set in finale

domenica, 7 febbraio 2016

Assago – Il sogno di tornare ad alzare la Del Monte® Coppa Italia proprio ad Assago, dove a fine dicembre 2012 aveva conquistato l’ultima vittoria in questa manifestazione, svanisce in finale per la Diatec Trentino. Come successo tredici mesi fa a Bologna, anche in questa edizione i Campioni d’Italia si sono infatti dovuti inchinare ai Campioni uscenti della DHL Modena nel match decisivo del Mediolanum Forum. Urnaut fermato a muro da Modena trento volley

Gli emiliani hanno bissato la vittoria della precedente edizione, dominando dall’inizio della partita grazie ad un gioco corale ben distribuito da Bruno ed ottimamente finalizzato da Vettori (mvp e best scorer con 19 punti, due muri ed il 63% in attaco), Ngapeth (16 col 78%)  e Saatkamp (11 col 67%), fra l’altro sbagliando pochissimo a rete (un solo errore). Di fronte a questa onda d’urto, Trento ha provato a replicare principalmente nella prima parte del set e d’apertura e in tutto il secondo, perso solo per 22-25, prima di lasciare spazio agli avversari nel terzo e conclusivo periodo, vinto a mani basse dalla DHL. Fra le fila dei tricolori in doppia cifra solo Djuric (11 palloni a terra col 43%), segno evidente di come Modena abbia saputo mettere grande pressione agli attaccanti della Diatec. Aver giocato un’altra finale del massimo trofeo nazionale dopo aver eliminato dalla corsa una formazione come la Lube – che ad inizio stagione e anche alla vigilia della Final Four godeva indiscutibilmente di maggiore considerazione – va in ogni caso visto come un merito specifico per Lanza e compagni, che da martedì si concentreranno solo su SuperLega e Champions League.
La cronaca della finale. I due allenatori non cambiano di una virgola i propri starting six rispetto alla semifinale del giorno precedente: Stoytchev getta nella mischia quindi sin dal via Giannelli in regia con Djuric opposto, Urnaut e Lanza in posto 4, Van de Voorde e Solé al centro della rete, Colaci libero; Lorenzetti gli risponde schierando Bruno alzatore, Vettori opposto, Ngapeth e Petric laterali, Piano e Saatkamp al centro, Rossini libero. L’impatto migliore sul match ce l’ha Trento che scappa subito sul 5-2 con un ace di Urnaut ed un errore di Saatkamp; Modena non si scompone e riparte con lo stesso brasiliano che con il suo turno al servizio ribalta la situazione (5-7). Gli emiliani acquistano progressivamente vantaggio (10-7, 14-10, 19-14) grazie ad una fase break decisamente più efficace, in cui Vettori e Ngapeth brillano. Stoytchev interrompe il gioco due volte nel giro di pochi minuti ma non riesce a trovare la chiave per invertire la situazione; lo schiacciatore francese giganteggia e conduce i suoi verso il 25-19 che arriva dopo un errore al servizio del neoentrato Bratoev.

Nel secondo set la Diatec Trentino ritrova efficienza in fase di cambiopalla (5-5) e passa a condurre sul 10-9 grazie alla progressiva crescita delle percentuali in attacco di Djuric. Nella parte centrale della frazione però Modena torna a fare la voce grossa con Vettori (15-15) e poi scappa approfittando di due invasioni quasi consecutive di Urnaut (15-18, tempo richiesto da Stoytchev). La DHL si tiene stretto però il vantaggio (18-21), senza concedere nulla sino in fondo grazie ad una grande fase di cambiopalla in cui Bruno esalta Ngapeth e Vettori (22-25).

Modena vuole chiudere subito il discorso e nel terzo periodo parte a razzo (1-5 e poi sul 2-7) grazie al proprio servizio; Trento reagisce con Djuric (6-9) ma Ngapeth non ci sta. A suon di attacchi la spinge di nuovo lontana (8-14). Il 3-0 è nell’aria e arriva in fretta sul 13-25; chiude un attacco di Vettori.

Partite come queste occorre analizzarle bene e non dimenticarle mai - ha spiegato a fine gara l’allenatore della Diatec Trentino Radostin Stoytchev . Capire le ragioni di una sconfitta come questa può rivelarsi come un’occasione di crescita per poter lavorare ancora meglio in futuro in palestra. Modena stasera è stata quasi perfetta e non ci ha permesso praticamente mai di giocare, complimenti ai nostri avversari. Dal canto nostro abbiamo battuto male, non riuscendo mai ad esprimere la pallavolo che sappiamo mettere in campo; siamo andati in difficoltà troppo presto. Ci restano altri obiettivi importanti in questa stagione e proveremo a centrarli tornando ad allenarci duramente sin dalla prossima settimana”.

Curiosamente le due squadre si ritroveranno contro già giovedì 11 febbraio al PalaPanini di Modena per il posticipo del diciassettesimo turno di regular season SuperLega UnipolSai 2015/16: fischio d’inizio programmato per le 20.30, anche in quel caso con diretta RAI Sport 1 e Radio Dolomiti. I Campioni d’Italia inizieranno a preparare quell’appuntamento a partire da martedì mattina al PalaTrento; il match casalingo più vicino è invece quello di domenica 14 febbraio (ore 17, sfida all’Exprivia Molfetta – biglietti in vendita su http://www.vivaticket.it/index.php?nvpg[evento]&id_show=81364).

Di seguito il tabellino della Finale di Del Monte® Coppa Italia 2016 giocata questa sera al Mediolanum Forum di Assago.

TABELLINO
DHL Modena-Diatec Trentino 3-0
(25-19, 25-22, 25-13)
DHL: Piano 2, Bruno 2, Ngapeth 16, Saatkamp 11, Vettori 19, Petric 2, Rossini (L); Nikic. N.e. Donadio, Soli, Casadei, Sartoretti, Bossi, Sighinolfi. All. Angelo Lorenzetti.
DIATEC TRENTINO: Solé 4, Djuric 11, Urnaut 8, Van de Voorde 5, Giannelli 1, Lanza 6, Colaci (L); Bratoev, De Angelis, Antonov. N.e. Nelli, Antonov, Mazzone T., Mazzone D.. All. Radostin Stoytchev.
ARBITRI: Sobrero di Carcare (Savona) e Puecher di Padova.
DURATA SET: 23’, 24’, 20’; tot  1h e 7’.
NOTE:  11.200 spettatori per un incasso di 119.000 euro. DHL: 6 muri, 5 ace, 15 errori in battuta, 1 errore azione, 63% in attacco, 76% (33%) in ricezione. Diatec Trentino: 4 muri, 1 ace, 14 errori in battuta, 2 errore azione, 45% in attacco, 64% (28%) in ricezione. Mvp Vettori.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136