QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Volley: il Mondiale per Club inizia con una sconfitta per la Trentino Diatec

martedì, 6 maggio 2014

Belo Horizonte (Brasile) - La sesta avventura nel Mondiale per Club inizia con una sconfitta per la Trentino Diatec. Nella gara d’esordio dell’edizione 2014, giocata stasera al Mineirinho di Belo Horizonte, i gialloblù sono infatti caduti per 0-3 al cospetto dell’Al-Rayyan, trovando la terza sconfitta di sempre nella manifestazione in ventisei gare giocate dal 2009 ad oggi.

Il ko contro la formazione di punta del Qatar mette già a repentaglio le possibilità di qualificazione alle semifinali di venerdì: per centrare tale obiettivo ora Birarelli e compagni non dovranno più perdere colpi nei prossimi due appuntamenti della Pool B della prima fase; il prossimo, in programma mercoledì contro gli argentini dell’UPCN, rappresenta di fatto già una partita da dentro o fuori. Per vincerla bisognerà riuscire ad esprimere una pallavolo più continua di quella mostrata stasera; al cospetto delle tante individualità di spicco in forza all’Al-Rayyan, i gialloblù hanno infatti dato l’impressione di poDiatec Trentinotersela giocare alla pari vanificando però in ogni singolo parziale quanto di buono fatto nella prima parte dello stesso. E’ andata così nel primo set sul 16-14 gialloblù, ma anche sull’8-5 del secondo e del terzo, vantaggi che non sono stati confermati in seguito anche per meriti specifici degli avversari. I qatarini hanno messo sul piatto un ottimo Simon (best scorer con 20 punti ed il 68% in primo tempo), sempre decisivo nei finali di frazione e, più in generale un attacco ben guidato da Raphael, bravo a smarcare bene pure Kaziyski (11 punti ed il 40% per la sua prima partita contro Trento) e Sanche Bozhulev (18). Trento ha risposto principalmente con Lanza (migliore dei suoi) e Sokolov (15 punti) e, quando la ricezione lo ha consentito, al centro della rete con Solé (78%) e Birarelli (88%), pagando però a caro prezzo la scarsa incisività di servizio e muro, fondamentali direttamente a segno rispettivamente solo due e quattro volte in tre set.

LA CRONACA DELLA GARA

La Trentino Diatec affronta l’esordio nel torneo con uno schieramento in cui Serniotti preferisce Sintini a Suxho, piazzandolo in diagonale a Sokolov; Lanza-Ferreira schiacciatori, Birarelli-Solé centrali e Colaci libero gli altri cinque. Igor Arbutina, tecnico dell’Al-Rayyan risponde con Sanchez Bozhulev opposto, Al-Oui schiacciatore, Simon e Mubarak al centro, Alan libero e la coppia Raphael-Kaziyski alla prima partita contro la squadra con cui hanno giocato per più di un lustro. In avvio di gara gli arabi provano subito a fare la voce grossa scattando meglio (1-4); i gialloblù recuperano però subito terreno con Sokolov al servizio (4-4) e poi passano a condurre in corrispondenza del primo time out tecnico grazie ad un errore di Al-Oui in attacco (8-7). Il margine aumenta (13-10) quando Solé trova un ace su Kaziyski e lo stesso posto 4 viene fermato a muro dal connazionale Sokolov; l’Al-Rayyan  prova a rispondere con un break point di Al-Oui (14-13) e trova la parità sul 16-16 con un primo tempo di Simon. Un errore di Ferreira da posto 2 consegna il vantaggio ai qatarini (17-18), che poi allungano con un muro di Kaziyski a uno sullo stesso Sokolov (19-21). E’ lo strappo decisivo, nonostante Serniotti spenda i suoi due time out: a chiudere il conto ci pensa Simon che firma i punti del 21-24 e 22-25.

Nel secondo set la Trentino Diatec parte a spron battuto con Sokolov che capitalizza subito tre occasioni di break point consecutive, facendo scappare via i suoi dal 4-4 al 7-4. Arbutina interrompe il gioco ed ottiene la reazione desiderata, che si materializza nei muri di Sanchez Bozhuelv (due consecutivi su Lanza) e su nella riscostruita vincente di Kaziyski (10-10). Serniotti si rifugia a sua volta in un time out ma gli avversari prendono ancora maggior convinzione e passano a condurre con gli spunti di Simon, di nuovo Kaziyski e l’errore a rete di Ferreira (12-15). Il secondo time out tecnico sul 12-16 è una sosta provvidenziale perché alla ripresa del gioco i gialloblù con Lanza e Sokolov in bella evidenza risalgono sino al 16-18; gli avversari fiutano il pericolo e con una buona fase di cambiopalla tengono sempre a debita distanza Trento sino al 21-23, quando poi sale in cattedra Solé che con un primo tempo ed un muro su Sanchez Bozhulev confeziona prima il pareggio e poi il sorpasso (24-23). L’Al-Rayyan risponde proprio al centro della rete con Simon che annulla la palla set e capitalizza la prima in proprio favore sul 24-26.
Nel terzo Serniotti avvicenda i registi (in campo c’è Suxho per Sintini) ma a trascinare la Trentino Diatec alla riscossa è Pippo Lanza, a segno subito quattro volte (tre attacchi ed un ace) per l’iniziale 6-3. Il servizio gialloblù, sin lì molto falloso e poco incisivo, inizia a colpire con maggiore efficacia ma l’Al-Rayyan ha molte risorse a cui attingere e con Sanchez Bozhulev prima pareggia i conti sul 10-10 e poi mette la freccia con Simon (ace per il 10-11). La fase centrale della frazione è equilibrata: Birarelli firma il primo tempo che vale il 14-14, ma a breve distanza gli risponde Kaziyski con un ace che vale l’allungo sul 18-21, dopo che Sanchez Bozhulev aveva in precedenza prodotto un altro piccolo strappo sul 16-18. Proprio l’opposto cubano firma l’ulteriore allungo (18-22) che di fatto chiude il match: 22-25 con Simon ancora una volta risolutore.
Per lunghi tratti abbiamo giocato una buona partita ma tutto ciò non è bastato per vincerla perché l’Al-Rayyan ha dimostrato che individualità come quelle che può vantare nella propria formazione sono in grado di fare la differenza anche senza avere alle spalle molti allenamenti assieme – ha dichiarato Roberto Serniotti in mixed zone al termine della sfida - . Il rammarico sta tutto nel non aver saputo chiudere positivamente almeno un set, cosa che avrebbe potuto cambiare le carte in tavola. Siamo stati troppo contratti nei momenti decisivi e siamo stati puniti ma abbiamo ancora chance per passare il turno e accedere alle semifinali”.
Per la Trentino Diatec una giornata senza gare, prima di affrontare il secondo impegno del proprio torneo sfidando gli argentini dell’UPCN San Juan domani (mercoledì 7 maggio) alle 19 italiane (diretta tv FoxSport2 HD).
Il tabellino Pool B di Fivb Club World Championship

Trentino Diatec-Al-Rayyan 0-3
(22-25, 24-26, 22-25)
TRENTINO DIATEC: Ferreira 5, Solé 10, Sokolov 15, Lanza 14, Birarelli 8, Sintini 1, Colaci (L); Van Dijk, Burgsthaler, Suxho. N.e. Thei e Mazzone, All. Roberto Serniotti.
AL-RAYYAN: Al-Oui 2, Simon 20, Raphael 1, Kaziyski 11, Mubarak 7, Sanchez Bozhulev 18, Alan (L); Bairami. N.e. Hassan Asadi, Hachdadi, Abdulla, Hsamed Yaqub. All. Igor Arbutina.
ARBITRI:
 Loderus (Olanda) e Casamiquela (Argentina).
DURATA SET: 24’, 31’, 25’; tot  1h e 20’.
NOTE: 500 spettatori. Trentino Diatec: 4 muri, 2 ace, 13 errori in battuta, 3 errori azione, 47% in attacco, 48% (26%) in ricezione. Al-Rayyan: 9 muri, 3 ace, 9 errori in battuta, 4 errori azione, 51% in attacco, 60% (21%) in ricezione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136