QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Volley, Finale Playoff SuperLega: Trento cade al Palapanini e Modena si porta sull’1-1

mercoledì, 6 maggio 2015

Modena – La bestia nera del Trentino Volley si è fatta ancora sentire. Il fattore campo si conferma anche in gara 2 di Finale Play Off SuperLega UnipolSai 2015.

Come era accaduto al PalaTrento giovedì scorso, è stato quindi il PalaPanini a far valere la propria legge in occasione della seconda partita: trascinata da 5.028 spettatori, la Parmareggio ha conquistato il successo per 3-1 sull’ENERGY T.I. Diatec Trentino ed il punto del pareggio nella serie.

Il tabù gara 2 di finale rimane quindi tale per la Trentino Volley, ma pur privi del proprio tecnico in panchina (Stoytchev per squalifica ha dovuto seguire il match dalla tribuna), Birarelli e compaFedrizzi Diatec 1gni hanno dimostrato ugualmente carattere, grinta e cuore, lottando alla pari per lunghi tratti contro una Modena che rispetto al precedente match è apparsa molto più in palla pur non riducendo di molto il numero di errori diretti. Proprio approfittando dell’eccessiva fallosità degli emiliani, Trento aveva fatto registrare un’ottima partenza vincendo il primo set a mani basse anche grazie ad un Mitar Djuric incontenibile.

La riscossa di Modena è iniziata nel secondo set, vinto allo sprint dopo aver sempre condotto, ed è proseguita in quelli successivi in cui la squadra di Lorenzetti ha dimostrato di aver più freddezza degli ospiti, spesso a stretto contatto con gli avversari ma mai in grado di cambiare la tendenza. Fra le fila della Diatec Trentino positiva la prova dell’opposto greco Djuric, best scorer dei suoi con 20 punti ed il 62% in attacco, fondamentale in cui invece hanno faticato tutti gli altri giocatori (49% di squadra), a cominciare dai centrali che però sono stati coinvolti poco (Solé si è riscattato realizzando però quattro muri personali).

 

La cronaca di gara 2 di finale scudetto

Stoytchev, squalificato, è fra gli oltre cinquemila spettatori che seguono il match in tribuna: a sostituirlo in panchina c’è l’Assistant Coach Dario Simoni che conferma lo starting six visto in campo nei primi due set di gara 1 con Zygadlo in regia, Djuric opposto, Kaziyski e Lanza in banda, Solé e Birarelli al centro e Colaci libero. Per la prima gara di finale casalinga dopo dodici anni di assenza da un evento di questo tipo, Lorenzetti sceglie Bruno in regia, Vettori opposto, Ngapeth e Petric schiacciatori, Verhees e Piano centrali, Rossini libero. L’inizio è piuttosto falloso per Modena al servizio, ma ugualmente i padroni di casa riescono a scappare con Ngapeth da 5-4 a 5-7; Trento non si disunisce e con Solé a muro (due vincenti consecutivi su Verhees) pareggia i conti sull’11-11. Il primo vero vantaggio degli ospiti arriva grazie ad un muro di Kaziyski su Vettori ed al successivo errore dell’opposto azzurro (15-12); Lorenzetti interrompe il gioco ma alla ripresa è ancora la Trentino Volley a fare la voce grossa con Djuric (17-13) e poi a trovare anche il +5 grazie ad un errore a rete del martello francese (21-15).

Nel finale di set Birarelli e compagni controllano il cospicuo vantaggio (23-18) e chiudono sul 25-19 sfruttando un errore di Verhees al servizio.

Nel secondo set la Parmareggio prova a ripartire ma la Diatec Trentino non le concede fughe (1-3, 3-3, 8-8). Petric alza i giri del motore emiliano offrendo lo spunto prima del time out tecnico (8-11); Trento ricompone lo strappo con Djuric ma poi sono ancora i padroni di casa a trovare nuovo margine (11-15) con un redivivo Ngapeth. Vettori con i suoi servizi difende il vantaggio dei geminiani dopo che Djuric aveva nuovamente riportato sotto i suoi sino al 17-18.

L’ENERGY T.I. Diatec Trentino ha però ancora le forze per risalire prima sul 20-21 e poi sino al 23-24 annullando con Kaziyski una palla set prima di cedere 23-25 sul muro decisivo di Verhees su Lanza.

Trento non si fa intimorire e ritrova il comando delle operazioni nel terzo set grazie agli ace di Kaziyski e alla continuità di Djuric in attacco: 5-3, 8-6 e poi 12-9. Modena con Vettori al servizio trova la parità in due casi (15-15 e poi anche 20-20 dopo che era stato sotto nuovamente di due) prima di mettere la freccia con altri due ace del suo opposto sullo stesso Matey. Trento non si riprende più e cede 21-25 con un errore di Djuric in attacco e uno al servizio di Lanza.

Nel quarto set è ancora la Parmareggio a trovare un paio di break point utili a prendere subito in mano le redini del gioco: Ngapeth picchia a rete prima per il 4-6 e poi per il 9-12. Simoni inserisce Giannelli per Zygadlo e grazie al muro di Solé Trento trova la parità sul 13-13. Un errore di Birarelli al palleggio permette a Modena di tornare avanti di due (15-17); ci pensa Giannelli in attacco prima e a muro poi a fornire la parità (19-19). Si va allo sprint; Modena non sfrutta due match ball (due errori di Ngapeth sul 22-24) ma chiude alla terza occasione con Petric (24-26).

Gli spogliatoi

“Ci è mancata la lucidità nei momenti finali del terzo e quarto set – ha spiegato al termine del match l’Assistant Coach della Trentino Volley Dario Simoni, stasera in panchina al posto di Stoytchev – . Riuscendo a gestire meglio anche dal punto di vista mentale quelle situazioni probabilmente avremmo concluso il match con un risultato differente, ma sapevamo che vincere al PalaPanini sarebbe stato comunque difficilissimo. Ripartiamo da quanto di buono abbiamo fatto nei primi set, siamo una squadra che lotta sempre e anche stasera lo ha dimostrato. La mia partita in panchina? Ho cercato di dare una mano la squadra e di aiutarla a vincere questa gara 2 ma non è bastato. Adesso dobbiamo pensare già a gara 3”.

Fra quattro giorni, domenica 10 maggio, squadre di nuovo in campo al PalaTrento per gara 3: fischio d’inizio alle 12 con diretta RAI Sport 2 e Radio Dolomiti. Si riparte dalla 1-1.
Di seguito il tabellino di gara 2 di Finale Play Off SuperLega UnipolSai giocata questa sera al PalaPanini.

Parmareggio Modena-ENERGY T.I. Diatec Trentino 3-1
(19-25, 25-23, 25-21, 26-24)
PARMAREGGIO: Piano 7, Bruno 5, Ngapeth 24, Verhees 6, Vettori 11, Petric 19, Rossini (L); Casadei, Boninfante. N.e. Donadio, Sala, Kovacevic. All. Angelo Lorenzetti.
ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Kaziyski 12, Birarelli 4, Zygadlo 2, Lanza 8, Solé 8, Djuric 20, Colaci (L); Giannelli 2. N.e. Nemec, Thei, Mazzone, Fedrizzi, Burgsthaler. All. Radostin Stoytchev.
ARBITRI: Pasquali di Venarotta (Ascoli Piceno) e Puecher di Rubano (Padova).
DURATA SET: 26’, 30’, 24’, 35’; tot 1h e 55’.
NOTE: 5.028 spettatori per un incasso di 75.180 euro. Parmareggio: 8 muri, 6 ace, 23 errori in battuta, 9 errore azione, 52% in attacco, 65% (40%) in ricezione. ENERGY T.I. Diatec Trentino: 9 muri, 4 ace, 16 errori in battuta, 8 errore azione, 49% in attacco, 62% (27%) in ricezione. Mvp Vettori.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136