QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Volley, Diatec Trentino bella e vincente all’esordio in SuperLega: Vibo Valentia cede in tre set

domenica, 2 ottobre 2016

Trento – Tre punti per cominciare bene il nuovo corso e lasciarsi subito alle spalle il precedente weekend di Supercoppa Italiana avaro di soddisfazioni. Superando per 3-0 questa sera al PalaTrento la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia, la Diatec Trentino ha iniziato col piede giusto la propria corsa in SuperLega UnipolSai 2016/17, rompendo subito il ghiaccio in campionato e cogliendo la prima vittoria assoluta della gestione di Angelo Lorenzetti. trento-diatec-trentino-volley-pallavolo

La bella pallavolo mostrata nell’amichevole di giovedì sera con Padova si è rivista in parte anche stasera, pur con qualche pausa di troppo, offrendo però al pubblico di casa un’ora e ventiquattro di gioco piacevole. In particolare, l’ottimo lavoro svolto fra muro e difesa ha garantito ai padroni di casa numerose occasioni di break point e la costante opportunità di scappare via nel punteggio di tutti i parziali; qualche errore di troppo e una Vibo che si è aggrappata spesso al centrale Costa (il migliore dei suoi) hanno reso meno agevole un successo comunque indiscutibile.

Fra i migliori, il capitano Filippo Lanza, autore di 14 punti col 63% in attacco, il centrale Daniele Mazzone (preferito a Van de Voorde e autore di numeri interessanti come l’80% in primo tempo e 3 muri) e Tine Urnaut, giudicato mvp non tanto per i punti realizzati (11) ma per la capacità di risolvere situazioni complicate nel momento in cui – come primo e terzo parziale – i calabresi si stavano rifacendo sotto.

La cronaca del match. Per la sua prima ufficiale di fronte al PalaTrento, Angelo Lorenzetti si affida ad una formazione molto simile a quella vista più volte in campo nella scorsa stagione; l’unica novità è la presenza nel ruolo di opposto di Stokr, che torna a tre anni di distanza a giocare nel campionato italiano; gli altri titolari sono Giannelli in regia, Lanza e Urnaut schiacciatori, Solé e Daniele Mazzone al centro, Colaci libero. Waldo Kantor, nuovo allenatore di Vibo Valentia, risponde con Coscione al palleggio, Michalovic opposto, Thiago Alves e Gelier in banda, Barone e Costa al centro, Marra libero. In avvio di gara la Diatec Trentino prova a fare subito la voce grossa con Lanza (3-0), ma Michalovic dimostra di avere già il braccio caldo e nel giro di pochi minuti ribalta il punteggio (5-6). I gialloblù non demordono e con Urnaut ripartono di nuovo 12-10, costringendo Kantor ad interrompere il gioco; alla ripresa Giannelli e Mazzone costruiscono il +4 (14-10), poi Lanza mura l’opposto slovacco e consegna il massimo vantaggio (16-11). Geiler e Michalovic hanno però ancora benzina e, quasi da soli, ricuciono lo strappo (17-15, time out Lorenzetti) che è viene ricomposto con un errore in attacco di Solé sul 18 pari. Il finale è quindi allo sprint, con le squadre che vanno ai vantaggi, risolti in favore dei padroni di casa da Antonov (26-24).

Molto equilibrata anche la parte iniziale del secondo set, con le due squadre che si alternano al comando sino al 9-9, mettendo in mostra una buona regolarità nella fase del cambiopalla. Giannelli è attivo anche in attacco (12-10) e Stokr entra definitivamente in partita firmando il 14-11. Il cospicuo vantaggio stavolta non viene intaccato (18-15), perché la Diatec Trentino è più attenta in ricezione ed in attacco Urnaut si fa sentire eccome (20-15). Il 2-0 nel computo dei set arriva quindi in fretta (23-20 e 25-21), con un attacco finale dello stesso Tine.

Nella terza frazione cresce l’intensità di Trento fra muro e difesa e le occasioni per le ricostruite fioccano; così i gialloblù diventano subito padroni della scena (5-1 e 10-5) con Stokr e Lanza sugli scudi. Anche Daniele Mazzone dimostra di meritare la fiducia accordatagli da Lorenzetti e quasi da solo firma il +7 (14-7). Vibo dimostra però ancora carattere ed orgoglio, risale sino al 16-13 e poi 18-16 (ace di Barreto, subentrato a Gelier), ma poi deve rialzare la definitivamente la testa quando al centro della rete si scatena Solé e quando l’opposto Rejek (in campo per tutto il set al posto di Michalovic) comincia a sbagliare troppo (23-18): 25-22 e 3-0 finale con muro di Daniele Mazzone.

Volevamo vincere e i ragazzi sono stati bravi a centrare l’obiettivo – ha dichiarato l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match - . Sotto alcuni aspetti siamo migliorati rispetto alle ultime partite, mentre sotto altri dobbiamo continuare a lavorare sodo perché non abbiamo denotato progressi apprezzabili. In ricezione, ad esempio, siamo stati molto efficienti per buona parte della partita, peggiorando solo nella parte finale. La voglia di giocare e di sacrificarsi però c’è sempre ed è un aspetto importante, che ho notato sin dalle prime volte in cui ho allenato questa squadra”.

Per la squadra un giorno di riposo, per poi riprendere gli allenamenti in vista del prossimo impegno in SuperLega: domenica 9 ottobre la Diatec Trentino affronterà la prima trasferta di regular season facendo visita alla neopromossa Biosì Indexa Sora nel match che prenderà il via alle ore 18 e verrà raccontato in diretta da Radio Dolomiti e www.sportube.it/volley.

Di seguito il tabellino della gara della prima giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2016/17 giocata questa sera al PalaTrento.

Diatec Trentino-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-0
(26-24, 25-21, 25-22)
DIATEC TRENTINO: Stokr 12, Urnaut 11, Mazzone D. 7, Giannelli 6, Lanza 14, Solé 5, Colaci (L); Antonov 1, Van de Voorde. N.e. Nelli, Burgsthaler, Mazzone T., Blasi, Chiappa. All. Angelo Lorenzetti.
TONNO CALLIPO CALABRIA: Thiago Alves 1, Barone 4, Coscione 1, Gelier 10, Costa 10, Michalovic 6, Marra (L); Diamantini, Rejlek 6, Barreto 3. N.e. Buzzelli, Torchia, Maccarone e Corrado.
ARBITRI: Satanassi di Ravenna e Zucca di Trieste.
DURATA SET: 27’, 26’, 31’; tot 1h e 24’.
NOTE: 2.622 spettatori, per un incasso di 18.938 euro. Diatec Trentino: 8 muri, 3 ace, 15 errori in battuta, 9 errori azione, 55% in attacco, 49% (29%) in ricezione. Tonno Callipo Calabria: 7 muri, 4 ace, 14 errori in battuta, 3 errori azione, 42% in attacco, 42% (20%) in ricezione. Mvp Urnaut.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136