QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Volley, Cev Cup: Trento in semifinale, successo al tie break a Roeselare

giovedì, 12 marzo 2015

Roeselare – Fra le migliori quattro squadre della 2015 CEV Cup c’è anche l’ENERGY T.I. Diatec Trentino. I gialloblù hanno conquistato per la quinta volta nella storia della Trentino Volley l’accesso alla semifinale di una coppa europea superando nuovamente al tie break il Knack Roeselare nella gara di ritorno del Challenge Round giocata stasera in Belgio.FILIPPO LANZA DIATEC 1

A distanza di sei giorni dal successo del PalaTrento, la squadra di Stoytchev ha ribadito la propria superiorità soffrendo se possibile ancora di più ma centrando l’impresa riuscita in precedenza in questa stagione solo al Tomis Costanta: espugnare la caldissima e rumorosissima Schiervelde Hall di Roeselare. Il risultato è stato firmato nuovamente in rimonta; sul 2-1 per i padroni di casa, dopo tre set molto differenti fra loro in cui Trento aveva iniziato meglio per poi smarrire il proprio gioco in quelli successivi, il pass per la semifinale sembrava essere indirizzato verso le mani dei belgi. La veemente reazione d’orgoglio che ha permesso ai gialloblù di ribaltare la situazione è arrivata sicuramente per meriti specifici di Kaziyski (best scorer con 25 punti ed il 66% in attacco) e Solé (strepitoso a muro con 6 punti diretti) ma soprattutto è passata per un risveglio corale di tutta la squadra, che con carattere e gioco ha messo all’angolo il Roeselare nel quinto set dopo aver vinto allo sprint il quarto periodo. Le statistiche raccontano di un attacco trentino che nella seconda parte del match ha viaggiato su percentuali vertiginose, ben guidato in regia da Zygadlo, e di un muro che ha realizzato otto dei suoi dodici punti complessivi della serata proprio negli ultimi due parziali, mettendo frenando prima Tuerlinckx e poi Verhanneman (il migliore dei suoi).

Nel doppio confronto di semifinale, che andrà in scena fra il 24 e 28 marzo (andata in trasferta, ritorno al PalaTrento) i gialloblù se la vedranno con i polacchi del Kedzierzyn-Kozle, già sfidati quattro volte in Champions League fra 2012 e 2013.

La cronaca della gara. Gli starting six presentano una sola novità rispetto a quelli scelti dagli allenatori nella gara d’andata del 5 marzo al PalaTrento. Radostin Stoytchev riconsegna le chiavi della regia dell’ENERGY T.I. Diatec Trentino a Zygadlo, preferito a Giannelli, mentre il resto dello schieramento è invariato con Nemec opposto, Kaziyski e Lanza in posto 4, Birarelli e Solé centrali, Colaci libero; Emile Rousseaux, allenatore del Knack Roeselare, risponde con i sette titolari già visti in Trentino: Tervaportti al palleggio, Tuerlinckx opposto, il figlio Tomas e Verhanneman schiacciatori, Coolman e Paulides centrali, Dejonckheere libero. I gialloblù entrano subito in clima partita con Kaziyski scatenato in attacco e Birarelli ottimo a muro: in un attimo è 8-4 e poi 11-6. Rousseaux spende un time out discrezionale ma in campo c’è solo l’ENERGY T.I. Diatec Trentino che con Nemec doppia gli avversari (16-8), lanciandosi verso una semplicissima chiusura di primo set (25-16 con Solé in bella mostra).
Il Knack reagisce in avvio di secondo parziale, guidata Verhanneman che firma lo 0-4 iniziale, poi corretto in 2-8 quando Paulides e lo stesso Matthijs fermano a muro due volte rispettivamente Birarelli e Nemec. Sul 2-12 (ace di Tuerlinckx), Stoytchev corre ai ripari inserendo Fedrizzi per Kaziyski; Trento prova a risalire la china (7-14) ma Paulides protegge il cospicuo vantaggio in attacco (8-16). L’allenatore bulgaro allora getta nella mischia anche Nelli (resterà in campo sino alla fine) per Nemec, ma non bastano gli spunti al servizio ed in attacco del toscano per cambiare volto al parziale. Verhanneman continua a fare il bello ed il cattivo tempo (13-22, 16-24) guidando i locali al 17-25 che rimette la situazione in parità.

Il Roeselare sull’onda dell’entusiasmo parte bene anche nel terzo parziale grazie ad un Coolman molto attento a rete (2-6), Trento, in cui trova di nuovo spazio in campo Kaziyski, non si lascia intimidire e risale sino al 7-7. Dopo il time out i belgi si affidano a Paulides per riaprire il margine (8-13); i gialloblù soffrono in ricezione ma con Kaziyski si rialzano ancora sino al 15-16, ma poi subiscono un altro parziale pesantissimo di 4-10 propiziato anche da qualche svista arbitrale che porta avanti il Roeselare 2-1 col 19-25.

Il quarto parziale mette con le spalle al muro la squadra trentina, che deve assolutamente vincerlo per non venire eliminata ancora prima del golden set: Kaziyski offre il primo spunto (7-5) subito contratto da Paulides (7-7). Nella parte centrale del set le due squadre procedono a braccetto (12-12, 16-15). Dopo il secondo time out tecnico arriva un nuovo allungo gialloblù (20-17) con Solé imperioso a muro. Sulle ali dell’entusiasmo la squadra di Stoytchev aumenta l’andatura e chiude sul 25-20 con due muri consecutivi (ancora Solé e Birarelli).
Nel tie break Trento prende il largo dopo un iniziale punto a punto che dura sino al 5-5, poi i gialloblù dilagano con un super Kaziyski e un Solé efficacissimo a muro: il parziale si chiude sul 15-6 con la Schiervelde Hall ammutolita dall’ENERGY T.I. Diatec Trentino.

“Siamo stati più forti di tutto e tutti – ha spiegato al termine della gara un Radostin Stoytchev visibilmente soddisfatto – . Questa vittoria è stata splendida non solo perché è arrivata con l’ennesima rimonta ma soprattutto perché è nata dal carattere e dalla voglia della squadra di reagire quando si è trovata sotto per 1-2 in una situazione non semplice dal punto di vista ambientale, tecnico ed arbitrale. Siamo stati bravi a ripartire, superando i limiti del nostro gioco che ci avevano condizionato sino a lì. E’ stato bellissimo perché i ragazzi sono stati eccezionali e col passare dei minuti si sono ritrovati sotto tutti i punti di vista. Abbiamo sofferto ma alla fine possiamo dire che vincere così dà ancora più gusto. Siamo felici per aver centrato il traguardo della semifinale ma non ci vogliamo fermare assolutamente qui”.

L’ENERGY T.I. Diatec Trentino rientrerà Trento nel primo pomeriggio di giovedì e dal giorno dopo inizierà a preparare la ripresa delle gare in SuperLega UnipolSai. Dopo aver osservato nello scorso weekend il secondo ed ultimo turno di riposo in regular season, i gialloblù saranno impegnati domenica 15 marzo alle ore 18 in casa contro l’Altotevere Città di Castello Sansepolcro dell’ex Dore Della Lunga.

Di seguito il tabellino della gara di ritorno del Challenge Round di 2015 CEV Cup, giocata questa sera alla Schiervelde Hall.

Knack Roeselare-ENERGY T.I. Diatec Trentino 2-3
(16-25, 25-17, 25-19, 20-25, 6-15)
KNACK ROESELARE: Tervaportti 4, Rousseaux 11, Coolman 12, Tuerlinckx 13, Verhanneman 20, Paulides 11, Dejonckheere (L); D’Hulst, Van Hirtum, Claes. N.e. Van de Velde, Dedeyne. All. Emile Rousseaux.
ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Kaziyski 25, Birarelli 6, Zygadlo 4, Lanza 14, Solé 11, Nemec 5, Colaci (L); Fedrizzi 1, Nelli 7, Burgsthaler. N.e. Giannelli, Mazzone. All. Radostin Stoytchev.
ARBITRI: Rydland di Oslo (Norvegia) e Sikanjic di Vaduz (Liechtenstein).
DURATA SET: 23’, 22’, 30’, 26’, 14’; tot 1h e 55’.
NOTE: 2.000 spettatori. Knack Roeselare: 8 muri, 4 ace, 12 errori in battuta, 11 errore azione, 51% in attacco, 60% (34%) in ricezione. ENERGY T.I. Diatec Trentino: 12 muri, 2 ace, 11 errori in battuta, 9 errore azione, 55% in attacco, 54% (32%) in ricezione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136