QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Volley, Cev Champions League: Trentino Diatec vince con Maaseik 3-1 e si qualifica

mercoledì, 22 gennaio 2014

Trento - Dopo solo una stagione di assenza, la Trentino Diatec torna fra le migliori sette squadre d’Europa grazie alla qualificazione per i Playoffs 6 di 2014 CEV DenizBank Volleyball Champions League. L’importantissimo traguardo – che consente al club gialloblù di ritrovare il gotha del volley continentale – è stato conquistato per mano del successo per 3-1 ottenuto stasera al PalaTrento sul Noliko Maaseik nel match di ritorno dei Playoffs 12.Muro a tre della Diatec Trentino su Zaytsev

Bissata la vittoria di otto giorni prima in Belgio con la sostanziale differenza che in questa occasione la squadra di Serniotti ha disposto dell’avversario con ancora maggiore autorità nei primi due parziali, per poi lottare punto a punto dal terzo in poi, quando Serniotti – a qualificazione acquisita – ha giustamente deciso di far ruotare gli effettivi in campo.

La risposta dell’intero organico gialloblù è stata positiva: nella prima parte di gara Suxho ha confermato di poter gestire il fronte d’attacco su ottimi livelli percentuali (62% nel primo set, 56% il secondo), come accaduto domenica sera con Ravenna, poggiandosi molto sugli ispirati Sokolov (13 punti col 50%) e Lanza (60%). Nella seconda metà invece buone cose le hanno fatto in particolar modo Szabò in battuta (3 ace), Fedrizzi a rete (57%), Burgsthaler a muro (3) e Sintini in regia. Costante anche l’apporto di Ferreira, efficace in tutti i fondamentali.

Il Maaseik ha provato a condurre la partita al tie break affidandosi a Pereyra (24 punti), fermato sovente però da Solé, alla fine mvp soprattutto per i 5 punti realizzati a muro.

La cronaca del match. La Trentino Diatec si propone in formazione tipo; Serniotti offre quindi nuovamente spazio a Ferreira nello starting six, con il portoghese che agisce in diagonale a Lanza, Suxho in regia, Sokolov opposto, Birarelli e Solé al centro, Colaci libero. Il Maaseik si presenta al PalaTrento con Devany al palleggio, Pereyra opposto, Menzel e Lecat schiacciatori, Raymaekers e Parkinson centrali, Derkoningen libero. In avvio di gara i padroni di casa mettono in mostra subito Lanza (tre punti) ed il muro (di Solé e Ferreira), fattori che consentono il primo allungo già sul 6-3. Verstraten, tecnico del Maaseik spende subito un time out discrezionale ma la sua squadra non ottiene break point e allora spetta a Sokolov l’occasione per incrementare il vantaggio (+4, 12-8). Birarelli si scatena in battuta (ace per il 14-9) e viene imitato successivamente in attacco da Ferreira (16-10). Il Maaseik è già alle corde e continua a non realizzare ricostruite, almeno sino al 19-12 quando Parkinson realizza un muro sullo stesso capitano e Menzel mette a segno un ace: sul 19-16 Serniotti interrompe il gioco e i suoi giocatori ripartono con Sokolov (21-16), ma per chiudere il parziale bisogna soffrire sino in fondo perché Pereyra entra in partita, proietta i belgi al 24-23. Decide ancora l’opposto bulgaro in attacco da posto 4 (25-23).

Trento parte forte, in maniera speculare al primo, anche nel secondo set, trascinata dai servizi di Sokolov che va in battuta sul 4-3 e vi rimane sino al 7-4 realizzando anche due ace. Dopo il primo time out tecnico Menzel fa registrare un passaggio a vuoto, subendo un ace, un muro e sbagliando un attacco: i gialloblù ne approfittano per allungare sul 12-6, poi corretto in 14-6 e 16-8 da Solé. Come accaduto nella parte finale della prima frazione, i gialloblù allentano di nuovo la presa: Pereyra ne approfitta per firmare un paio di buoni servizi che costringono Serniotti ad interrompere la contesa sul 19-16. La Trentino Diatec riparte subito con Sokolov e Solé e chiude il discorso qualificazione suò 25-19 con un errore di Raymaekers.

Nel terzo set spazio a Sintini, Burgsthaler, Szabò e Fedrizzi, in campo sin dal via del periodo rispettivamente al posto di Suxho, Birarelli, Sokolov e Lanza. I muri di Burgsthaler (due consecutivi su Pereyra) fanno subito capire al Maaseik che anche la Trentino Diatec 2 ha fame di break point (4-1). Il Noliko prova ad abbozzare una reazione col solito Pereyra (8-7) ma poi deve lasciare spazio alla foga al servizio di Ferreira (tre ace consecutivi per il 12-7). Un nuovo calo di tensione gialloblù consente al Noliko la risalita sino al 15-13 con Pereyra che vende carissima la pelle. I belgi trovano la parità sul 18-18 grazie ad un errore in attacco di Szabò e poi passano a condurre con Menzel (18-20); Serniotti chiede time out. I gialloblù risalgono sino al 23-23 con uno spunto di Szabò, annullano due palle set, non ne sfruttano due e poi cadono sul 26-28 grazie ad un muro di Lecat sullo stesso opposto magiaro.

Nel quarto set l’allenatore della Trentino Volley tiene in campo gli stessi effettivi; la partita prosegue sul filo dell’equilibrio (4-4, 7-7), poi dopo il primo time out tecnico i padroni di casa accelerano col muro (di Sintini e Solé) per il 12-9 subito però contratto dagli ospiti per il 14-14 con Pereyra. Si torna a giocare sul punto a punto, prima che Szabò faccia segnare un’altra scossa (muro e ace) sul 22-19. Il Maaseik non replica più e si chiude sul 25-23 con un errore al servizio di Pereyra.

Siamo molto contenti di ritrovare i Playoffs 6 dopo un solo anno di assenza perché non era assolutamente un risultato scontato -  ha commentato al termine della sfida l’allenatore della Trentino Diatec Roberto Serniotti – ; ci siamo guadagnati il pass con una buona prestazione di squadra nell’arco dell’intero doppio confronto. Martedì scorso in Belgio è stato importante vincere pur soffrendo e stasera abbiamo giocato con attenzione e precisione i primi due set. Dopo aver ottenuto il risultato ho ruotato volentieri gli effettivi perché c’erano giocatori che meritavano di trovare spazio e ritmo gara. Tutti hanno dimostrato di essere in buona condizione e per me contava molto anche vincere la partita, che non era scontato avendo cambiato così tanto la nostra formazione. Tutte le risposte che ho ottenuto sono state estremamente positive, ma adesso è già il momento di guardare avanti: ci sono campionato, Coppa Italia e Playoff 6 che ci attendono”.

In Europa il cammino della Trentino Diatec proseguirà con la doppia sfida coi russi del Belgorod nei Playoffs 6 – ultimo turno prima della Final Four. Le date e gli orari del confronto verranno ufficializzati nel giro di pochi giorni. L’impegno più vicino in Serie A1 per i gialloblù è invece programmato per domenica 26 gennaio in Puglia sul campo dell’Exprivia Molfetta per il quattordicesimo turno di regular season (ore 18).

Di seguito il tabellino della gara di ritorno dei Playoffs 12 di 2014 CEV DenizBank Volleyball Champions League giocata questa sera alla PalaTrento.

Trentino Diatec-Noliko Maaseik 3-1

(25-23, 25-19, 26-28, 25-23)
TRENTINO DIATEC: Ferreira 12, Solé 13, Sokolov 13, Lanza 6, Birarelli 5, Suxho 3, Colaci (L); Sintini 1, Szabò 11, Fedrizzi 10, Burgsthaler 4. N.e. De Paola. All. Roberto Serniotti.
NOLIKO MAASEIK: Devany, Menzel 19, Parkinson 6, Pereyra 24, Lecat 7, Raymaekers 11, Derkoningen (L); Valkiers 4, Nilsson. N.e. Hoho, Van der Venden, Henderikx. All. Erik Verstraten.
ARBITRI: Dikmentepe di Izmir (Turchia) e Barnstorf di Berlino (Germania).
DURATA SET: 27’, 24’, 30’, 27’; tot 1h e 48’.
NOTE: 2.031 spettatori circa. Trentino Diatec: 16 muri, 12 ace, 12 errori in battuta, 10 errori azione, 50% in attacco, 57% (28%) in ricezione. Noliko Maaseik: 8 muri, 7 ace, 18 errori in battuta, 5 errori azione, 52% in attacco, 47% (27%) in ricezione. Mvp Solé.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136