QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vela, vittoria italiana al Mondiale Optimist: il rivano Norberto Foletti a capo della spedizione thailandese. I risultati

venerdì, 21 luglio 2017

Riva del Garda – Norberto Foletti in arrivo dalla Thailandia con il titolo mondiale Optimist conquistato da Marco Gradoni. Questa sera alle 20:00 la squadra azzurra Optimist attesa a Roma Fiumicino; per il rivano Norberto Foletti, segretario generale della Classe Italiana Optimist e a capo della spedizione in Thailandia, la soddisfazione di tornare iridati dopo 18 anni (foto di Matias Capizzano).

optimistPer l’Associazione Italiana Classe Optimist – che ha il suo quartier generale tra Riva ed Arco – l’orgoglio di essere tornati dopo ben 18 anni sul tetto del mondo della vela per i giovanissimi (ai mondiali solitamente quasi tutti a fine carriera Optimist, 14-15 anni), con tanto lavoro, impostato anche con un’attenta programmazione tecnica e agonistica, rivolta a fasce d’età sempre più basse.

Finalmente raggiunto l’obbiettivo: a Pattaya, Thailandia, Marco Gradoni campione del Mondo Optimist a soli 13 anni. Ha battuto 280 avversari provenienti da 62 nazioni. Nel 2013 il Mondiale si disputò a Riva del Garda.

Era nell’aria già dallo scorso anno, ma la medaglia di legno presa nel 2016 in Portogallo è servita per imparare molto dalle brucianti sconfitte. Durante questo 2017 Marco Gradoni (Roma, Tognazzi Marine Village) ha dimostrato in modo ancora più netto il suo talento e la sua meticolosa preparazione di regata in regata, dalle tappe del Trofeo Optimist Italia Kinder + Sport alle selezioni nazionali per raggiungere la convocazione a questo mondiale Optimist dorato. ”E’ un risultato che speravo; ho lavorato tanto per ottenerlo. Le condizioni non sono state facili, ma ho lottato duro fino alla fine per ottenere questo titolo. Il clima, l’umidità, la corrente forte, il vento mi hanno messo a dura prova, ma ero veloce e determinato. L’esperienza dell’anno passato (medaglia sfuggita per un punto) mi è servita molto!” - ha commentato Marco Gradoni poco prima della cerimonia di premiazione.
Al suo 21esimo mondiale il segretario dell’Associazione Italiana Classe Optimist Norberto Foletti – rivano doc e socio fin da ragazzino alla Fraglia Vela Riva, che con una infinita passione si dedica ai giovanissimi dell’Optimist da una vita:”Una grande giornata per la vela italiana giovanile e per la Classe italiana Optimist che dirigo insieme ad uno splendido staff che giorno dopo giorno è impegnato a gestire tutta l’organizzazione della classe nelle sue innumerevoli attività. Classe Optimist, che ha potuto in questi ultimi anni – grazie anche e soprattutto al sostegno di Kinder + Sport – realizzare molti importanti progetti didattici e agonistici  per la crescita dei nostri timonieri, che di anno in anno aumentano numericamente. Il tempo dedicato ad organizzare raduni, trasferte, regate, è tantissimo, ma quando si raggiungono queste grandissime soddisfazioni si è ripagati di tutto; vorrei condividere anche con tutto lo staff del consiglio direttivo, delegati zonali  e i collaboratori e coach del settore tecnico, questo meraviglioso risultato ottenuto grazie a Marco Gradoni, con un esemplare lavoro di Team”.

La vittoria di Gradoni è stata anche una vittoria di Team, un lavoro condiviso tra atleti, allenatori dei ragazzi, FIV-Federazione Italiana Vela, famiglie e naturalmente la classe italiana Optimist con il suo tecnico Marcello Meringolo – anche lui da anni residente a Riva del Garda, che ha così commentato il titolo iridato:”Una vittoria meritatissima, contro avversari di grandi valore. La giornata di finali (in cui sono state disputate 3 regate tra i migliori 71 della flotta), è stata una giornata molto difficile, ma la vittoria è il frutto di una settimana praticamente perfetta per Marco. Un grazie a tutta la squadra che ho avuto il privilegio di guidare per il mio quinto mondiale consecutivo. Marco diventa il più giovane campione mondiale per l’Italia, coi suoi 13 anni, dopo ben 18 anni dall’ultima vittoria azzurra di Mattia Pressich. Complimenti al club di appartenenza (Tognazzi Marine Village) e a Simone Ricci, allenatore del ragazzo, nonchè un grazie sentito alla famiglia di Marco Gradoni e a tutti i genitori dei ragazzi impegnati in questo mondiale. È stata una settimana intensa, emozionante e certamente difficile, ma alla fine è arrivato questo risultato splendido”.

Gradoni ha dato un distacco notevole al secondo, il malese Kaman Shah: 13 pesanti punti, frutto di una grande regolarità di prestazione (due primi, due secondi, un quarto, un quinto, due settimi e un tredicesimo scartato). Il malese è stato comunque bravissimo per un finale strepitoso, che nonostante una squalifica lo ha balzato dal settimo al secondo posto, grazie ad ottime regate finali. A due punti dal malese il costaricano (tedesco di origine) Mohr. Prima femmina la spagnola Marìa Perello, 24esima assoluta. Gli altri italiani: 48° Davide Nuccorini (CDV Roma), 56° Marco Genna, 88° Andrea Milano (CV Crotone), 118° Massimiliano Antoniazzi (YC Adriaco).

Analisi classifica top 15:Solo due europei (se si esclude il tedesco Mohr in regata per il Costarica) nei primi 15: l’azzurro Marco Gradoni, primo, e l’olandese Jaquet, ottavo. Per il resto 10 nazioni diverse nei primi 10, ma grande presenza di stati orientali nei primi 15, con un malese, 3 cinesi, due thailandesi e un atleta di Honk Kong; sicuramente una crescita veloce e di qualità degli Stati Uniti, vincitori del Miami Herald Trophy, la classifica per nazioni, davanti a Cina e Thailandia.

Classifiche finali: http://2017worlds.optiworld.org/uploaded_files/Document_6563_20170720093234_en.pdf


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136