QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vela, O’Pen Bic: Under 13 Coutts tiene la testa; Under 17 Herbet primo, Bona terzo

venerdì, 4 agosto 2017

Arco – A un giorno dalla chiusura delle competizioni la Nuova Zelanda difende le prime posizioni con Herbert (U17) e l’erede di Russell Coutts (U13) primi nelle rispettive categorie. Nella lotta per il podio per gli U17 s’inserisce il Giappone con l’agonista Lisa Nukui che scalza dalla seconda posizione l’arcense Giorgio Bona, vicinissimo e saldo in terza posizione.

Vela O'Pen Bic

Dopo un giorno di pausa, sono riprese con grande entusiasmo le prove per il Mondiale. Si continua nella lotta agonistica Italia contro Nuova Zelanda ma a lottare per i primi posti ci sono anche Giappone e Spagna. Si distanziano Francia e Australia. Nella prima posizione per la categoria U17 si conferma il neozelandese Sean Herbert, inseguito dalla giapponese Lisa Nukui che nelle prove di ieri riesce a fare meglio dell’italiano Giorgio Bona che non molla la presa e resta vicinissimo alla seconda piazza, sicuro nella sua terza posizione. Negli U13 continua il dominio Coutts che dovrà guardarsi le spalle nell’ultima tornata di prove dal sempre più vicino Pol Font Reyero, spagnolo distante solo due punti. Il terzo piazzamento va alla prima femmina australiana Jenna Everett. In quarta posizione l’italiano della Fraglia Vela Malcesine, Zeno Valerio Marchesini.

Si tratta del quinto giorno di mondiale «O’Pen Bic al Circolo Vela Arco» nelle acque del nord del lago di Garda in cui domina l’Ora del Garda, il vento tipico che si propaga con forza in tutto il lago e nelle valle limitrofi, ideale per la navigazione. Sono 187 i giovanissimi atleti in gara, per 13 nazioni coinvolte nella prestigiosa competizione, Italia compresa. In palio c’è titolo di campione del mondo di «O’Pen Bic 2017».

Per gli U17 nelle prime dieci posizioni oltre alla Nuova Zelanda e all’Italia forte è la presenza di americani e australiani. La terza posizione di Bona e la nona di Marco Gradoni (Tognazzi Marine Village), se confermate anche nella giornata conclusiva, non potranno che essere motivo di orgoglio per l’Italia.

Impeccabile in questi giorni l’organizzazione del Circolo Vela Arco che ha saputo gestire in modo egregio una fitta e complicata sequenza di partenze. Dieci prove per più batterie il tutto senza intoppi o incroci di sorta che avrebbero inficiato la correttezza delle procedure di arrivo. L’efficientissima organizzazione del Circolo arcense è sostenuta dalla Federazione Italiana Vela (Fiv), dalla World Sailing e da numerosi sponsor tra cui Rigoni di Asiago. Questo mondiale rappresenta un passo importante per la classe O’Pen Bic che sempre più negli ultimi anni sta ottenendo grande successo e riscontro a livello internazionale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136