QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vela, Garda Trentino Olympic Week: domani la Medal Race. Si chiude con la finalissima tra i Top 10 di ogni classe: assegnate le medaglie nelle paralimpiche

sabato, 10 maggio 2014

Riva del Garda - Ennesima fantastica giornata alla Garda Trentino Olympic Week, ad un giorno dalla conclusione di questa prima tappa dell’EUROSAF Champions Sailing Cup. Stessi ingredienti dunque anche sabato con il vento oscillato tra i 10 nodi iniziali ai 20 e più delle ultime prove. Non sono mancate rotture, scuffie, ritiri per le condizioni impegnative.Vela Garda 0

Grande soddisfazione per questa prima fase di regate di qualificazione da parte di tutti i circoli velici riuniti in Vela Garda Trentino, che hanno contribuito all’organizzazione tecnica: Fraglia Vela Riva, Lega Navale Italiana, Circolo Vela Arco, Circolo Surf Torbole e Fraglia Vela Malcesine, sono stati impegnati in 5 campi di regata per soddisfare le esigenze tecniche sempre più professionistiche di atleti e allenatori, provenienti da quasi 50 nazioni e dai 5 continenti. Il pool di circoli ha funzionato ottimamente, coordinandosi con i diversi Comitati di Regata, la Giuria Internazionale, i volontari a terra e in acqua: un dispiego di forze al servizio dello sport d’eccellenza, quello olimpico.

Domani conclusione con la medal race, la finalissima giocata tra i primi 10 di ogni classe: spettacolo atteso soprattutto per i 49er e 49rer FX (femminili), unici oltre alla classe Nacra 17 a confrontarsi in 3 regate finali, contro la prova secca delle altre classi. I 49er inoltre regateranno in un campo di regata delimitato da corsie galleggianti: da non perdere la diretta web, che permetterà di seguire l’evento da tutto il mondo, portando così l’immagine del lago di Garda e della vela olimpica, nei 5 continenti.

Nacra 17, 3 prove di giornata – 12 prove totali – locations Fraglia Vela Malcesine
Velocità, destrezza, preparazione, affinità: il catamarano misto affascina sempre di più. Tre equipaggi italiani in medal race.
Alla Fraglia Vela Malcesine vento meno intenso, ma sicuramente divertente e impegnativo con 15 nodi costanti, come due giorni fa. Tre prove anche oggi e per di più nelle ultime due sono stati fatti fare tre giri di percorso. Tornati perfettamente in range Bissaro-Sicouri, che con due primi e un secondo sono in testa con una vantaggio stratosferico di 24 punti sui francesi Vaireaux-Audinet. Entrano in medal race Porro-Banti Chicca Salvà con a prua Francesco Bianchi.

2.4 – Sonar – Skud 18, 3 prove di giornata – 9 prove totali – locations Fraglia Vela Malcesine
Vittoria italiana nei Sonar con Cristiano D’Agaro. Argento di Squizzato nei 2.4 e di Gualandris-Zanetti negli Skud 18.
Alla Fraglia Vela Malcesine assegnate le prime medaglie di questa edizione 2014 della Garda Trentino Olympic Week 2014: nelle classi paralimpiche zampata finale italiana nei Sonar con il terzetto timonato da Cristiano D’Agaro (Società Triestina della Vela), che dopo 3 giorni di classifica molto equilibrata ha piazzato due belle vittorie, sufficienti per allungare e vincere con 5 punti di distacco dal tedesco Kern. L’olandese Barend ha stravinto nei 2.4, vincendo 8 prove su 9. Argento per Antonio Squizzato, che ha preceduto con buon vantaggio il tedesco Bodler. Senza stravolgimenti la classifica nel misto Skud 18 con la vittoria confermata degli inglesi Rickam-Birrell e l’argento degli azzurri Gualandris- Zanetti. Bronzo agli olandesi Voorbach- Van Essenveld.

RS:X M/F 3 prove di giornata – 12 prove totali – locations Circolo Surf Torbole
Al Circolo Surf Torbole classifica invariata per gli RS:X maschili: restano fuori dalla medal race Oman e Slovenia. Altra giornata incredibile per Marcantonio Baglione, che con grinta sta cercando di recuperare il tutto e per tutto. DOpo un primo e un terzo odierni, nell’ultima regata di giornata è partito malissimo, ma uno ad uno ha recuperato e superato gli avvesari fino a tagliare per primo il traguardo. Grande prova di carattere dopo il difficile avvio. Domani medal race che vale punteggio doppio: il croato Mratovic è in testa con 6 punti di vantaggio nei confronti dell’italiano Camboni, un punto dietro il tailandese Boonsawad. Tra le donne matematica vittoria di Flavia Tartaglini: 13 punti dietro la giapponese Sunaga, terza l’azzurra Veronica Fanciulli, in costante crescita agonistica.

470 M/F 2 prove di giornata – 8 prove totali – locations Fraglia Vela Riva
Situazione prima delle proteste: in medal race gli italiani Desiderato-Trani, Capurro-Puppo, Sivitz Kosuta-Farneti. Tra le donne in medal race le azzurre Caputo-Sinno, Komatar-Carraro e Berta-Paolillo.
I croati olimpici Fantela-Marenic oggi non hanno sbagliato nulla e con un primo e un secondo si presentano alla medal race con 3 punti di vantaggio sui tedeschi Fernandez-Szymanshi. Hanno ceduto con un sesto e un OCS gli azzurri Desiderato-Trani, scivolati terzi, a 5 punti dai primi. Domani ci si gioca il podio. Assoluto equilibrio dal quarto al sesto posto con 3 equipaggi in 2 punti, tra cui Capurro-Puppo, sempre in quarta posizione. Ancora in testa le polacche Skrzypulec-Pogon, che con un primo e un terzo hanno due punti di vantaggio su Roberta Caputo (campionessa europea e del mondo 420 nel 2009) con a prua Alice Sinno, passate seconde grazie ad una giornata positiva (2-2).

49er e 49er FX, 3 prove di giornata – 12 prove totali – locations Fraglia Vela Riva
Situazione prima delle proteste: in medal race Dubbini-Dubbini passati secondi e Plazzi-Molineris in giornata no, ma sesti prima della finalissima.
Colpo di scena nel campo di regata dei 49er maschili con i leader della classifica Plazzi-Molineris che hanno disalberato finita la prima prova di giornata, in cui erano incappati in un OCS. Dopo il veloce rientro per sostituire l’albero in carbonio sono riusciti a prender parte alla terza prova di giornata, piazzando un quarto. In testa i francesi D’Ortoli-Delpech. I 49er disputeranno la medal race con tre regate molto brevi.
Tra le donne in testa sempre le neo-zelandesi Maloney-Meech, seguite dalle tedesche Meyer-Stoffers e dalle danesi Hansen-Salskov. Qualche problema con vento forte per la figlia d’arte Martine Grael, con a prua Kahena Kunze: dopo un 12- e un 11 hanno subìto una scuffia senza poi tagliare il traguardo nell’ultima regata. 8 nazioni diverse in medal race.

Laser Standard e Radial, 2 prove di giornata – 9 prove totali (8 i Radial)
- locations Circolo Vela Arco -
Italia in medal race con Alessio Spadoni (quarto); tra le donne con Silvia Zennaro.
Vertice senza novità nei Laser Standard con Robert Schiedt che non lascia alcuna possibilità agli avversari. Otto nazioni diverse in medal race e punteggi abbastanza distaccati.
Deciso allungo dell’irlandese Murphy nei Laser Radial, che è al comando con 16 punti di vantaggio sull’italiana Silvia Zennaro, che a sua volta ha 4 punti sulla danese Rindom.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136