QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Vela, a Torbole un’affollatissima Halloween Cup

domenica, 29 ottobre 2017

Torbole sul Garda – Un campo di regata, cinque batterie divise dai colori blu, giallo, rosso, verde e bianco, 365 giovani velisti, 234 Juniores e 131 Cadetti, sono i “numeri” di questa affollatissima “Halloween Cup” che vede il più alto numero di partecipanti di tutte le sue edizioni.

Vela Torbole Optimist

Purtroppo rimasti inutilmente per un paio d’ore a bordo dei loro piccoli gusci sulle acque del lago di Garda trentino ad attendere l’arrivo dell’Ora, il vento da sud motore della vela agonistica sul Garda trentino. In verità attorno alle 15.30 qualcosa è arrivato a increspare la superficie del lago, e il Comitato è riuscito a dare una partenza, ma poi tutto si è spento per il mesto traino in porto dei giovani “optimisti”.

Una sola batteria, i gialli, dunque, è riuscita a chiudere il percorso, ma non c’è classifica per questo, dunque è tutto rinviato a domani mattina per l’uscita in acqua alle 8 precise. Si proverà a recuperare grazie al vento da nord le tre prove che erano in programma oggi.

“Dispiace che il primo giorno sia andato così – afferma il presidente del Circolo Vela Torbole Gianpaolo Montagni – perché questa è la regata che registra il più alto numero di partecipanti. Mai si era vista una così alta partecipazione di ragazzi alla Halloween Cup, ma non disperiamo perché ci sono ancora due giorni per recuperare e chiudere in bellezza”.

Questa mattina mescolato tra i giovani partecipanti c’era Norberto Foletti, segretario nazionale di classe, al quale abbiamo chiesto un paio di cose. ”Questa affluenza di regatanti deve far ragionare tutti i Circoli del Garda trentino su come la vela agonistica, ormai, debba essere presa in serissima considerazione. Serve una regia unica, serve qualcuno che si occupi di posizionare i campi di regata, un luogo dove ospitare i carrelli delle barche, esperti insomma, perché se fino ad oggi siamo andati avanti col volontariato, della cui forza non potremo mai fare a meno questo sia chiaro, è altrettanto chiaro che l’indotto che ruota attorno alla vela agonistica sul Garda esige una gestione professionistica”.

Il Comitato di Regata era presieduto da Carla Malavolta e composto da Carmelo Paroli, Ulrich Fischer (D), Helmuth Gelmini (A), Anna Benamati, Pietro Benamati, Gianni Lucchi ed Ermindo Miniati.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136