QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Val di Fassa, successo di Oberbacher e Kutlikova alla Trirace Dolomites

lunedì, 25 settembre 2017

Canazei – In Val di Fassa la prima edizione infreddolita ma di successo: Oberbacher beffa nel finale Debertolis e vince la gara. La slovacca Kutlikova prima tra le donne .

In Val di Fassa la Trirace Dolomites doveva essere un triathlon atipico autunnale con skiroll, ciclismo e running, è stato invece un vero e proprio evento invernale… con una bella spruzzata di neve che nella notte ha ammantato le splendide Dolomiti trentine, costringendo gli organizzatori dell’ASD Pellegrin Cycling Team ad un cambio di programma.

La frazione di skiroll è rimasta immutata, 14,5 km da Soraga a Canazei partita alle 10.30, quella di ciclismo, dopo lo spettacolare cambio in piazza Marconi a Canazei, si è conclusa dopo 8 km in zona Belvedere, con l’ultima frazione di corsa a concludersi dopo 2,5 km a Passo Pordoi.

Originariamente l’arrivo era previsto in cima al Sass Pordoi, ma la nevicata ed una fitta nebbia hanno costretto alla variazione del percorso. In una fredda giornata si è distinto nella gara a squadre il «Team Eurostandard» con un fotofinish al cardiopalma tra i due Simone, Daprà e Manfroi, e nella prova individuale uno strepitoso Alex Oberbacher che nel finale ha «sverniciato» Bruno Debertolis.

Il maltempo, è vero, ci ha messo lo zampino, ma questa prima edizione della “Trirace Dolomites” è decisamente da incorniciare. Il freddo pungente, dopo la neve della notte, ha portato qualche defaillance tra le fila dei partecipanti, divisi tra quanti avrebbero affrontato le tre frazioni in sequenza, autentici ironmen, e quanti avrebbero condiviso la fatica in team di tre elementi.

Partenza a Soraga, sede anche del gruppo organizzatore dell’ASD Pellegrin Cycling Team, posticipata di mezz’ora sul programma originario per consentire lo spostamento del traguardo dal Sass Pordoi al Passo Pordoi, con gli skirollisti ad infilare subito la pista ciclabile in direzione Canazei e con Riccardo Mich, chiamato in extremis a sostituire l’influenzato Loris Frasnelli, a fare l’andatura tallonato dall’individuale Bruno Debertolis e da Giacomo Gabrielli.

Sono stati loro i protagonisti della prima frazione, col primierotto ad animare il gruppetto dei fuggitivi ed allungare con vigore dopo il traguardo volante, appannaggio di Mich, tanto da presentarsi tutto solo al cambio di Canazei. Debertolis aveva già un buon vantaggio al cambio sull’altoatesino Alex Oberbacher.

Tra i team il primo a piombare al cambio di Canazei era Giacomo Gabrielli, dietro alle spalle Riccardo Mich, come detto sostituto dell’ultima ora, non conosceva bene il compagno di team Seeber, il quale a sua volta attendeva il cambio da Frasnelli.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136