QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Universiade, pattinaggio: il cinese Nan Song al comando. Snowboard, disputate le qualificazioni

mercoledì, 11 dicembre 2013

Monte Bondone - Apertura all’insegna dei colpi di scena per il pattinaggio artistico alla Winter Universiade Trentino 2013, con il favorito numero uno della prova maschile, il vicecampione del mondo Denis Ten, costretto al forfait a causa di un infortunio alla caviglia patito durante il warm-up. Il pattinatore kazako spera ora di poter recuperare in fretta in vista dell’appuntamento imminente delle Olimpiadi di Sochi 2014 (Foto Enrico Pretto).
pattinaggio Enrico Pretto
In sua assenza è stato il cinese Nan Song ad imporsi nell’odierno short program, in cui grazie ad una prova priva di errori ha totalizzato un punteggio di 81.56. Alle spalle del pattinatore cinese, già vicecampione del mondo junior nel 2010, si è classificato il russo figlio d’arte Gordei Gorshov: i suoi genitori infatti sono stati medaglia di bronzo nelle coppie di artistico alle Universiadi di Belluno 1985 nella gara delle coppie di artistico. Con un punteggio di 70.73, il campione russo ha staccato il giapponese Yoji Tsuboi, fermo a 69.47, al termine di una prova comunque molto positiva. Alla luce della classifica odierna, in corsa per un posto sul podio rimangono anche il cinese Jinlin Guan (69.45), il russo Moris Kvitelashvili (69.40 nonostante una caduta nella difficilissima combinazione quadruplo toeloop-triplo toeloop) e il giapponese Akio Sasaki (67.69).

In gara anche tre atleti italiani, fra i quali il migliore è stato Paolo Bacchini, veterano azzurro già sesto alle Universiadi 2009, incappato purtroppo in una caduta sul triplo rittberger. Meglio, invece, la combinazione triplo flip/triplo toeloop ed anche gli elementi di trottola, che non gli hanno però permesso di andare oltre il sedicesimo posto. Per il programma libero di domani si è qualificato anche Saverio Giacomelli, ventitreesimo. Molta delusione nel team azzurro ha destato invece la prova di Maurizio Zandron che, protagonista di una prova incolore, è stato eliminato, concludendo al ventiseiesimo posto. Dei 32 atleti oggi al via i primi 24 parteciperanno al programma libero di domani, in una gara che assegnerà le prime medaglie del pattinaggio artistico.

CAPITOLO SNOWBOARD CROSS  (foto Daniele Mosna)
Eva Samkova (Repubblica Ceca) e Nikolay Olyunin (Russia) hanno fatto registrare il miglior tempo nelle qualificazioni dello snowboardcross nella giornata inaugurale dell’Universiade Trentino 2013 sul campo di gara del Monte Bondone. Samkova, 20 anni, è reduce dalla vittoria in Coppa del Mondo a Montafon (Austria) ed è la grande favorita per l’oro, soprattutto dopo il forfait dell’austriaca Maria Ramberger.SNOWBOARDING foto Daniele  Mosna629

Alla Samkova, che ha fermato il cronometro sul tempo di 45.72, è bastata la prima delle due manche in programma per mettere in riga le avversarie, nell’ordine Katerina Chourova (Repubblica Ceca), seconda in 48.18, e Zuzanna Smykala (Polonia), terza in 48.30. Quarta la giapponese Karen Iwadare, seguita a 2 centesimi di distacco dalla russa Irina Kovaleva. Le due italiane in gara, ovvero la 25enne Giulia Manfrini (Cus Torino) e l’altoatesina Greta Felder, hanno chiuso rispettivamente in undicesima posizione (51.49) e tredicesima posizione (51.72), entrambe qualificate per le finali di domani.

In campo maschile, invece, la sfida sarà tra alcuni degli attesi protagonisti alle Olimpiadi di Sochi. Olyunin, 22 anni, è stato il più veloce in entrambe le discese (miglior tempo 43.68). Piazza d’onore provvisoria per uno dei favoriti, l’austriaco Hanno Douschan (44.55), e terza posizione per il polacco Dawid Wal, il più giovane del trio con i suoi 21 anni, grazie alla seconda discesa (44.65). Emil Novak (Repubblica Ceca) ha fatto registrare il quarto tempo (1.18), mentre il migliore degli italiani è Federico Ghezze, 23 anni di Cortina d’Ampezzo, qualificato con il 14° tempo (46.65). Giorgio Varesco, studente di scienze motorie a Verona ma nato a Tesero in Val di Fiemme, è 20° (47.43), anche lui qualificato. Domani le batterie ad eliminazione diretta che assegneranno le medaglie. Il via verrà dato alle 10.30.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136