QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trentino Volley, raduno da Campioni del Mondo e d’Italia

lunedì, 19 agosto 2013

Trento- Campioni del Mondo e d’Italia di nuovo al lavoro da questo pomeriggio al PalaTrento. A poco più di tre mesi dalla vittoria dello scudetto ottenuta proprio nell’impianto di via Fersina lo scorso 12 maggio, la Trentino Volley si è infatti ritrovata per iniziare la preparazione in vista della stagione 2013/14 e lo ha fatto ancora una volta di fronte ad un buon numero di  supporters gialloblù. Diatec Trentino volley

La presenza sin dal primo giorno di allenamento di ben più della metà dei giocatori della rosa (otto dei tredici che attualmente la compongono) e la curiosità di vedere all’opera tanti volti nuovi hanno infatti portato oltre un centinaio di sostenitori a tenere a battesimo l’inizio dell’attività.

Fra i più attesi il palleggiatore Donald Suxho e lo schiacciatore portoghese Alexandre Ferreira (al loro primo vero giorno trentino) ma l’entusiasmo è stato grande anche quando sono stati presentati tutti gli altri, a partire dalla vecchia guardia composta dal centrale Matteo Burgsthaler, dal libero Massimo Colaci e il palleggiatore Giacomo Sintini per continuare con i giovani Antonio De Paola, Michele Fedrizzi e Sebastiano Thei, tornati a Trento dopo pluriennali esperienze fra Serie A2 e A1. Assieme a loro in questa prima parte di preparazione saranno aggregati anche tre giocatori della Trentino Volley Under 20 di Nico Agricola, anche lui presente in palestra: gli schiacciatori Matteo Chiappa e Tiziano Mazzone ed il centrale Alberto Polo. Assente solo Mitar Djuric: l’atleta greco ha chiesto di poter giocare nel ruolo di opposto con continuità e la Società sta cercando di accontentarlo portando avanti alcune trattative di prestito che potrebbero concludersi nel giro di pochi giorni.
Quasi già al completo invece lo staff tecnico e medico che anche quest’anno sarà di primissimo livello e che sarà guidato da Roberto Serniotti, promosso da secondo a primo allenatore: a far sì che il lavoro dei gialloblù proceda nel migliore dei modi ci saranno ancora una volta il Team Manager Riccardo Michieletto, alla sua nona stagione fra campo e scrivania in Trentino Volley, il medico sociale Mauro Bertoluzza e il preparatore atletico Martin Poeder. A loro si uniranno in un secondo momento il vice-allenatore Simone Roscini, lo scoutman Matteo Levratto (impegnati sino  fine agosto con l’Italia Under 21 nei Mondiali di categoria) e il fisioterapista Davide Lama, che sino al 29 settembre sarà al seguito dell’Italia Seniores per l’Europeo 2013.

“Non vedevo l’ora di cominciare la preparazione per rendermi conto di quali potenzialità avesse la rosa allestita in estate dalla Società – ha dichiarato il nuovo allenatore Roberto Serniotti - . Tutto ciò ovviamente non può essere valutato sulla carta, ma solo sul campo. Saranno la palestra e gli allenamenti che quotidianamente svolgeremo quindi a stabilire quanto valiamo davvero. In questi primi giorni dovremo imparare a conoscerci, a stabilire delle regole di gruppo che mi auguro siano il più vicino possibile a quelle dell’anno scorso. Nessuno chiede a questa squadra di ottenere gli stessi risultati di quella precedente però mi aspetto molto dalle motivazioni e dalle maggiori responsabilità che ogni giocatore nuovo avrà in questo caso: solitamente questi fattori aiutano a crescere in fretta. Sapere di avere in calendario due impegni importanti già ad inizio ottobre come Supercoppa e Mondiale per Club sarà poi un’ulteriore stimolo per accelerare il nostro processo di maturazione e creare ancora più voglia di lavorare in palestra”.
Durante la prima settimana di preparazione, iniziata già questa mattina con i test fisici svolti in sala pesi, i gialloblù svolgeranno tutti i giorni una doppia seduta (mattina pesi o atletica, pomeriggio tecnica con palla) sino a venerdì ad eccezione di mercoledì, in cui è programmata una sessione mattutina presso la piscina Trento Nord di Gardolo. Sabato e domenica, invece, saranno dedicati al riposo e al recupero.

In via di definizione il programma delle amichevoli, che anche in questa stagione sarà composto da test match ufficiali ed allenamenti congiunti. Nella seconda metà di settembre sono in cantiere tre o quattro appuntamenti con differenti avversari; nei prossimi giorni verranno comunicati date ed orari precisi.

Le prime dichiarazioni stagionali di alcuni giocatori gialloblù, rilasciate alla stampa prima dell’inizio della preparazione.

Massimo Colaci: “Riparto da qui, dal parquet del PalaTrento, davvero molto carico e con maggiori responsabilità addosso rispetto a dodici mesi fa . Non sento addosso particolari pressioni perché in cuor mio aspettavo questo momento da un po’ di tempo: poter essere il primo libero della squadra per me è una sorta di promozione che mi sono conquistato sul campo. Siamo pronti per dire la nostra sino in fondo; abbiamo voglia di conoscerci, giocare assieme e capire che dimensione avremo. Sin da oggi cercheremo il giusto affiatamento in spogliatoio perché, se è vero che molti effettivi del gruppo sono cambiati, è altrettanto giusto pensare che i grandi risultati partano dalle motivazioni e dalla coesione che riusciremo a trovare fra di noi”.

Matteo Burgsthaler: “Mi fa piacere essere considerato uno delle vecchia guardia o comunque un riferimento per i compagni più giovani. Lo prendo come un complimento e una gratificazione particolare per quanto fatto nei precedenti anni. Per chi non conosce il metodo di lavoro in sala pesi di Poeder l’avvio di questa mattina coi test fisici può essersi rivelato davvero tosto; io ho il vantaggio di essere già abituato a questa quantità importante di lavoro. Due anni fa, d’altronde, quando la preparazione venne curata in prima persona proprio da Serniotti e da Martin tutti ne traemmo beneficio per tutto l’anno. Si lavorerà tanto in questo periodo ma lo si farà sempre con grande qualità. Mi aspetto di tornare a casa ogni sera stanchissimo ma soddisfatto di quello che ho fatto”.

Alexandre Ferreira: “Lo avevo detto già durante le scorse settimane e lo ribadisco volentieri oggi: essere qui per me è un sogno che si realizza, cercherò di non svegliarmi . Il mio obiettivo è crescere assieme alla squadra e grazie alla squadra, perché sono sicuro di poter apprendere qualcosa da tutti i compagni e dallo staff con cui condividerò questa esperienza. Trentino Volley è la miglior Società d’Italia, ho voluto fortemente venire a giocare qui; sono arrivato prima del tempo perché libero da impegni con la Nazionale. Sarà l’occasione per conoscere prima e meglio l’ambiente e la squadra, anche se sinceramente mi avrebbe fatto piacere giocare i playoff di qualificazione alla World League 2014 con il Portogallo. I miei obiettivi personali? Vincere con Trento, so che il club è sempre ambizioso e lo sono anch’io. Ai tifosi dico che darò ogni giorno il massimo per migliorare, li aspetto al PalaTrento”.

Antonio De Paola: “Torno a Trento felicissimo di far di nuovo parte di questo gruppo e della Società che negli ultimi sei anni ha dominato la scena nazionale ed internazionale. E’ l’occasione giusta per mettermi in mostra e riassaporare l’atmosfera del PalaTrento, della Serie A1. Dovremo cercare di fare subito gruppo; da questo punto di vista per me sarà più semplice perchè ritrovo giocatori con cui ho condiviso recenti esperienze nel Club Italia e prima nelle giovanili gialloblù come Lanza e Fedrizzi. Conosco bene anche Sintini, non vedevo l’ora di iniziare la preparazione”.

Michele Fedrizzi: “Finalmente si comincia; ero molto più ansioso degli altri anni di iniziare la preparazione. Sono curioso di capire quale sarà la nostra identità di squadra e dove ci collocheremo rispetto alle altre. Per me e per tanti di noi si tratta di un’occasione d’oro per confrontarsi con il massimo livello della pallavolo mondiale; a maggior ragione cercherò di fare grandi cose perchè questa è la squadra della mia città, dove sono cresciuto”.

Sebastiano Thei: “Parto con i migliori presupposti possibili per un’avventura che è riduttivo definire solo stimolante. E’ vero che rispetto al recente passato la rosa è cambiata molto ma la garanzia di avere una grande Società alle spalle e la sua rodata struttura organizzativa è sinonimo di sicurezza e qualità totale. So perfettamente che per me si tratta di una grande occasione per capire a che livello mi trovo, cercherò di sfruttarla al massimo tenendo conto del fatto di giocare a due passi da casa mia ed essere al massimo livello possibile”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136