QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Trentino Volley, arriva Van Dijk per scacciare la crisi. Intervento del presidente Mosna

venerdì, 21 febbraio 2014

Trento – Come anticipato stamattina dal Presidente Diego Mosna, la Trentino Volley ha individuato e concluso l’operazione per rinforzare il parco di opposti dell’attuale rosa che deve fare i conti con la duplice assenza di Sokolov e Szabò. Questo pomeriggio a Trento è infatti arrivato il ventinovenne olandese Kay Van Dijk, direttamente dalla formazione russa dello Yaroslavich Yaroslavl dove aveva sin qui giocato durante l’attuale stagione.Kay Van Dijk con la maglia della Diatec Trentino

Si tratta di un giocatore fisicamente prestante (215 cm) ed esperto, avendo alle spalle una bagaglio internazionale di spessore (ha giocato in Olanda, Belgio, Corea del Sud e Russia) e precedenti stagioni anche in Italia, fra Serie A1 (Loreto) e A2 (Sora e Molfetta). Proprio con i pugliesi nella scorsa annata ha conquistato la promozione in massima serie durante i Playoff chiudendo come terzo best scorer della fase post season.

L’opposto, classe 1984, ha firmato un contratto sino al termine di questa stagione e vestirà la maglia numero 18; la Società gialloblù spera di potergliela far indossare già a partire da domenica nella trasferta sul campo di Città di Castello valida per il diciottesimo turno di Serie A1 ma per l’effettivo tesseramento bisognerà attendere la conclusione di tutte le procedure del caso ed il superamento delle visite mediche (da svolgere entro stasera).

Nella Trentino Volley ritroverà l’allenatore Roberto Serniotti (che ha incontrato spesso e volentieri da avversario nelle Coppe Europee), che potrà averlo a disposizione in gruppo a partire da sabato mattina. Van Dijk sarà ufficialmente il secondo giocatore olandese della storia della Trentino Volley dopo Wytze Kooistra, centrale che ha vestito il gialloblù fra il 2005 e 2006.

In Russia stavo vivendo una situazione difficile e poco piacevole; non ho avuto nemmeno un dubbio nell’accettare quindi la proposta di Trento – sono state le prime parole da giocatore della Trentino Volley di Kay Van Dijk - . So che la situazione nel ruolo di opposto si è complicata con gli infortuni patiti nell’ultimo periodo e sono arrivato qui per dare una mano. Ho grandissimo rispetto di Sokolov, è un grande giocatore e cercherò di sostituirlo al meglio in questo periodo giocando tutte le mie chance nel miglior modo possibile. Credo di essere cresciuto molto rispetto alla mia prima esperienza in Serie A1 ai tempi di Loreto, anche solo grazie agli ultimi mesi vissuti in Russia contro giocatori fortissimi e muri molto alti. Sono qui per mettere a disposizione tutto quello che so fare”.

Sono sicuro che Kay potrà darci una grossa mano a superare questo momento difficile – ha commentato il suo arrivo l’allenatore Roberto Serniotti - ; stiamo parlando di un giocatore ha voluto fortemente essere dei nostri, che conosce bene la lingua italiana e pure la nostra Serie A. Spero quindi che si possa ambientare in pochissimo tempo e mettere in risalto le sue caratteristiche peculiari che non sono solo la fisicità. Van Dijk possiede anche un buon bagaglio tecnico ed è un serio professionista, come mi è stato descritto anche dai dirigenti dello Yaroslavl da cui l’abbiamo prelevato e in cui ho avuto qualche anno fa un’esperienza sulla loro panchina”.

La scheda
KAY VAN DIJK
nato a Oosterbeek (Olanda), il 25 giugno 1984

215 cm, ruolo opposto
2002/03 Labdstede Zwolle – Olanda
2003/04 Labdstede Zwolle – Olanda
2004/05 Omniworld Almere – Olanda
2005/06 Noliko Maaseik – Belgio
2006/07 Noliko Maaseik – Belgio
2007/08 Noliko Maaseik – Belgio
2008/09 LIG Greater – Corea del Sud
2009/10 Esseti Carilo Loreto  A1
2010/11 ACH Volley Bled – Slovenia
2011/12 Globo Banca del Frusinate Sora A2
2012/13 Exprivia Molfetta A2
2013/14 Yaroslavich Yaroslavl – Russia
feb 2014 Diatec Trentino A1
 

Palmares
1 Mevza Cup (2011)
1 Campionato Belga (2008)
1 Campionato Sloveno (2011)
2 Coppe di Belgio (2007 e 2008)
1 Coppa di Slovenia (2011)
1 Promozione in Serie A1 (2013)
Best scorer e best attacker Top Teams Cup 2005

In nazionale
150 presenze con l’Olanda

LA CARICA DEL PRESIDENTE
Dopo la sconfitta, la quarta consecutiva in campionato, contro Piacenza e alla vigilia della trasferta a San Giustino il Presidente Diego Mosna interviene sul difficile momento della Diatec Trentino, affidando le sue considerazioni al sito ufficiale della Società.

Non mi piace cercare alibi, li ho sempre odiati, e non lo farò nemmeno in questa circostanza anche se il periodo che stiamo vivendo è sicuramente reso più complicato dagli infortuni – esordisce il numero uno della Società di via Trener - . Le tante e contemporanee assenze hanno condizionato il nostro cammino facendoci perdere rapidamente automatismi e fiducia nei nostri mezzi. Ai tifosi e a tutti quelli che in questi primi quattordici anni di attività si sono affezionati, anche da lontano, alle vicende della Trentino Volley chiedo però di avere pazienza e di continuare a supportare la squadra. A tutti, invece, chiedo di non dimenticare quanto è riuscita a fare la Diatec Trentino nei precedenti mesi di questa stagione. Siamo ripartiti nella scorsa estate con un budget ridimensionato ma con la forza delle idee e di un progetto nuovo e giovane. I risultati ci hanno subito aiutato a credere nella nuova strada intrapresa, facendoci raccogliere soddisfazioni che forse alla vigilia nemmeno osavamo pensare, come la vittoria della Supercoppa Italiana (trofeo che in precedenza avevamo conquistato solo una volta), il prestigioso terzo posto al Mondiale per Club e l’approdo ai Playoffs 6 di Champions League dove siamo stati eliminati da quella che oggi è una delle squadre più forti del Mondo, il Belgorod. In questa fase stiamo sicuramente pagando un calendario che non ci ha mai dato tregua: abbiamo già giocato trentacinque partite nel giro di cinque mesi, siamo stati l’unica squadra a disputarne una anche nella pausa del campionato. Il tutto allenandoci ovviamente meno degli altri; chiedere di più o valutare le ultime sconfitte senza ricordare il precedente cammino sarebbe assolutamente fuorviante. Sokolov è una pedina fondamentale per la nostra squadra, stiamo parlando di un giocatore che nelle ultime stagioni, al pari di Birarelli, non si è mai fermato prendendo parte a tutte le manifestazioni di club e con la Nazionale. La nostra principale sfortuna è stata quella di aver perso subito dopo anche il suo naturale sostituto, Szabò, per un problema fisico che francamente era impossibile da prevedere”.

Ho chiesto all’allenatore, allo staff e soprattutto alla squadra di tenere duro in questo difficile periodo e di non farsi prendere da troppi pensieri negativi– conclude il Presidente - . La nostra situazione non è semplice ma nemmeno disperata; oltretutto la Società, pur in un quadro economico non semplice e senza poter avere ampi margini di scelta, sta preparando le sue mosse per poter intervenire sul mercato, in modo da offrire una alternativa in più nel ruolo di opposto. A breve se ne saprà di più, ma mi preme far sapere a tutti che il Club non è sfiduciato né rassegnato in questa situazione. Siamo pronti a ripartire per vivere un finale di stagione all’altezza di quanto fatto sino a gennaio che, lo ribadisco, è andato ben oltre ogni più rosea aspettativa”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136