QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tour of The Alps/1 Grande successo della gara ciclistica transfrontaliera. Kompatscher, Rossi e Platter: “Evento che va oltre lo sport”

venerdì, 21 aprile 2017

Trento – Concluso il Tour of the Alps, nuova avventura per l’Euregio. “Una nuova avventura nello spirito dell’Euregio”, con queste parole Kompatscher, Rossi e Platter commentano la prima edizione del Tour of the Alps.

“La gara è stata molto dura, il tempo non sempre ottimale, ma gli organizzatori hanno fatto un buon lavoro, ed è stato davvero bello pedalare su queste splendide strade”. Queste le parole del ciclista britannico Geraint Thomas (Team Sky) appena sceso dal palco della premiazione del Tour of the Alps 2017. Partito da Kufstein in Tirolo il 17 aprile, transitato in Alto Adige, il tour si è concluso oggi in piazza Duomo a Trento dopo 5 tappe e circa 800 chilometri percorsi. A quello che può è essere considerato il più grande evento sportivo euroregionale hanno partecipato 138 ciclisti professionisti di 18 squadre. (Nella foto, il vincitore Geraint Thomas e il presidente Ugo Rossi).

Thomas -Rossi 0

Dopo 40 anni di storia del Giro del Trentino, con l’evento ciclistico internazionale Tour of the Alps “è nata una nuova avventura nello spirito dell’Euregio”, sottolineano I tre presidenti Arno Kompatscher, Ugo Rossi e Günther Platter, i quali si dicono certi che la corsa abbia le caratteristiche per diventare una classica del ciclismo.

Per il presidente altoatesino Arno Kompatscher l’improvviso cambio di temperature di questi giorni, e la necessità di cambiare percorsi, non hanno rovinato la festa: “Questo Tour of the Alps – afferma è stato un successo, ha riscosso grande attenzione sui media, dimostrandosi un ottimo veicolo per mostrare le bellezze naturali del nostro territorio attraverso uno splendido sport come il ciclismo. Tutto questo non può che rafforzare la comune intenzione di fare di questa gara ciclistica uno dei più importanti eventi sportivi europei proprio nel cuore delle Alpi”.

“Il Tour of the Alps è stato un esperimento che sicuramente ripeteremo – sottolinea il presidente Ugo Rossi – perché ha dimostrato come i tre territori lavorando insieme possono anche nel campo dello sport e della promozione territoriale fare grandi cose. Promuovere le nostre montagne, le nostre valli con i tre marchi è la prova che l’Euregio funziona. Certamente abbiamo ancora tanto da fare insieme, ma possiamo dire che questo è lo spirito giusto”.

Anche per il Capitano del Tirolo Günther Platter il Tour of the Alps rappresenta un buon esempio di quelli che sono i punti di forza dell’Euregio: “Il Tour of The Alps ha un grande significato e non solo sportivo, ma piuttosto simbolico, di legame transfrontaliero tra le tre regioni, Tirolo, Alto Adige e Trentino. Questa manifestazione sportiva ha fatto da apripista anche per momento nel quale il Tirolo diverrà palcoscenico del ciclismo internazionale ospitando i mondiali su strada per professionisti, il prossimo anno”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136