QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Tour de France, 14a tappa: vittoria ‘sudafricana’ nel Mandela Day, Froome guadagna ancora. Ordine d’arrivo e classifica generale

sabato, 18 luglio 2015

Mende – Nel Mandela Day vince Stephen Cummings. Il corridore britannico del team sudafricano MTN-Qhubeka s’impone nella 14a frazione. La Rodez-Mende, 178,5 km, si disputa nella giornata dedicata a Nelson Mandela per celebrare la battaglia politica del leader sudafricano: a trionfare un ciclista della squadra sudafricana, che per l’occasione ha fatto indossare ai propri corridori speciali caschi arancioni.

E’ la prima vittoria di una squadra africana al Tour de France. Il team MTN Qhubeka onora così e festeggia nel migliore dei modi il Mandela Day (il 18 luglio 1918 nacque Nelson Mandela, poi scomparso il 5 dicembre 2013).cummings

Cummings ha trionfato con un acuto nel finale: beffati Pinot e Bardet. Dietro la bagarre tra gli uomini di classifica: a provarci Nibali e Quintana, il sudamericano mette in difficoltà Froome ma il padrone del Tour recupera mette le ruote ancora una volta davanti rispetto agli avversari.

Quintana e Froome guadagnano secondi su Nibali, Contador e Van Garderen. L’italiano appare però in recupero in vista delle Alpi. Sulle strade del Tour oggi anche il presidente della Repubblica Francois Hollande.

Ordine d’arrivo
1. Stephen Cummings
2. Thibaut Pinot a 2″
3. Romain Bardet 3″
4. Rigoberto Uran 20″
5. Peter Sagan 29″

Classifica generale
1. Chris FROOME   Team SKY 56H 02′ 19”
2. Nairo QUINTANA  Movistar +03′ 10”
3. Tejay VAN GARDEREN  BMC  +03′ 32”
4. Alejandro VALVERDE Movistar  +04′ 02”
5. Alberto CONTADOR  Tinkoff-Saxo +04′ 23”
6. Geraint THOMAS Team SKY +04′ 54”
7. Robert GESINK Team LOTTO  +06′ 23”
8. Vincenzo NIBALI Astana +08′ 17”
9. Tony GALLOPIN  Team LOTTO +08′ 23”
10. Bauke MOLLEMA  TREK +08′ 53”

LA TAPPA
La 14esima frazione è stata segnata da una fuga da lontano: Andriy Grivko (Astana), Romain Bardet e Jan Bakelants (Ag2r), Thibaut Pinot, Matthieu Ladagnous e Jérémy Roy (Fdj), Peter Sagan (Tinkoff), Jonathan Castroviejo (Movistar), Greg Van Avermaet (Bmc), Koen de Kort (Giant-Alpecin), Simon Yates (Orica), Michal Golas e Rigoberto Uran (Etixx), Cyril Gautier (Europcar), Bob Jungels (Trek), Ruben Plaza (Lampre), Kristjian Koren (Cannondale), Jarlinson Pantano (Iam), Pierre-Luc Périchon (Bretagne) e Stephen Cummings (Mtn). Poi nel finale si è scatenata la bagarre con scatti e controscatti, Bardet sembrava a un passo dalla vittoria ma poi Cummings con un numero ha beffato lui e l’altro transalpino Pinot.

Nella prima parte della tappa saliscendi con un gpm di quarta categoria, poi un lungo falsopiano prima della salita della Cote de Sauveterre, gpm di 2a categoria. Nel finale Cote de Chabrits e ascesa conclusiva a Mende (gpm di 2a categoria lungo 3 km con pendenza media al 10,1%).


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136