QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Short track: medaglia di bronzo per le azzurre e terzo podio di Arianna Fontana

martedì, 18 febbraio 2014

Sochi –  Altra medaglia per lo Short track: arriva un bronzo dalla staffetta femminile 3.000 metri, dopo la squalifica della Cina, in una gara emozionante e dalle cadute. Le azzurre (Valcepina, Peretti, Viviani e Fontana) sono giunte quarte, ma con la squalifica della Cina hanno centrato il podio e Arianna Fontana è la star della disciplina. In questa Olimpiade dopo l’argento nei 500 metri e il bronzo narianna-fontanaei 5.000  ha conquistato il terzo bronzo. Sesta medaglia dell’Italia, superata Vancouver come numero di podi, e terza per lo short track che stavolta si identifica non solo nella 23enne valtellinese, ma anche nelle tre compagne di squadra allenate dai canadesi Bedard e Gouadec: Martina Valcepina, Elena Viviani e Lucia Peretti.  La prima fase della gara è stata promettente, pilotata all’inizio dalla Valcepina, 21enne di Cepina,  una sorella pattinatrice che l’ha spinta verso lo short track a sei anni. Regolari i cambi con Lucia Peretti, 23enne di Bormio, ed Elena Viviani, 21enne di Isolaccia, poliglotta e appassionata di libri. “Eravamo partite bene e volevamo giocarcela sino alla fine” assicura la Fontana. Poi l’incidente, Arianna cade quando è ancora attaccata a Cina, Corea e Canada, riesce in qualche modo a dare una pacca a Lucia Peretti prima di scivolare via, ma ormai le azzurre hanno perso quasi mezzo giro e non rientrano più. “Non abbiamo mollato – dice Arianna Fontana – e abbiamo continuato in una gara che ci ha portato sul podio”. Adesso c’è l’ultima gara, quella dei  1000″ Il primo turno è stato passato, quarti, semifinali, finale sono rimandati a venerdì sera. E la speranza è in una nuova medaglia. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136