QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sci-Orienteering: ai Mondiali in Norvegia l’azzurra Lia Patscheider è quinta

sabato, 14 febbraio 2015

Norvegia – L’azzurra Lia Patscheider, è quinta a 2’05″ dalla prima, ai Campionati Mondiali di Sci-Orienteering che oggi vedevano lo svolgimento della gara Middle Distance con partenza in massa. Si è trattato di una gara combattuta fino all’ultimo metro, ma l’altoatesina è riuscita, con grinta, ha strappare un piazzamento storico. Mai nessuna azzurra aveva ottenuto tanto in una competizione iridata. Il podio di giornata è tutto svedese con Isabel Salen (23′:20″) su Ellen Sarenmark (+01:06″) e Hanna Eriksson (+01:07″).

Immensa la gioia all’arrivo per tutto il team italiano che si è precipitato sulla lineaLia Patscheider d’arrivo per esultare con Lia Pathscheider (a destra nella foto con Alice Ventura). “Sono partita nella pancia del gruppo senza esagerare rimontando una concorrente dopo l’altra. Essendo una gara Middle il tracciato era abbastanza complesso dal punto di vista tecnico e tattico con poche possibilità di scelta. Sono molto felice della mia gara. Raggiungere la top 5 é un sogno che si avvera e una ricompensa per tutti gli allenamenti sostenuti nel corso degli anni. Sicuramente questo risultato è un’iniezione di fiducia per tutto il movimento in vista della prossima stagione, quando avverrà l’esordio nella massima categoria. Voglio ringraziare tutti quelli che hanno creduto in me e che mi hanno sostenuto: la mia famiglia e il mio allenatore”.

Tocca proprio al coach degli azzurri, Nicolò Corradini, l’ultima parola: “Un piazzamento meritato e cercato da tempo. Va sottolineato il fatto che questo é il miglior risultato individuale di sempre nella categoria Junior per l’Italia”. In questa prova era impegnata anche l’altra azzurra, Stefania Corradini, 33^. Tra i pari età, al maschile, gli azzurri non hanno brillato con il 32°, 33° e 34° posto di Francesco Corradini, Davide Comai e Luca Ventura.

Il titolo assoluto uomini è andato a Staffan Tunis un campione che è ormai da anni al vertice della specialità. Il finlandese ha vinto in 40:31″, davanti al bulgaro Stanimir Belomazhev, a 13”, ed al norvegese Lars Moholdt, a 19”. Al femminile tripletta finlandese con Milka Reponen (36:46”), su Marjut Turunen, Marjut, a 3 centesimi, e Mervi Pesu 1”. 26^ Alice Ventura.

 

CLASSIFICA W20:

1 Salen, Isabel Sweden 23:20,4 10:37:20
2 Sarenmark, Ellen Sweden 24:27,0 +01:06,6 10:38:27
3 Eriksson, Hanna Sweden 24:27,4 +01:07,0 10:38:27
4 Ahlsand, Anine Norway 25:20,4 +02:00,0 10:39:20
5 Patscheider, Lia Italy 25:25,9 +02:05,5 10:39:26
6 Nazyrova, Assem Kazakhstan 25:29,0 +02:08,6 10:39:29


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136