Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Sci, Mondiali Junior: record di nazioni a Val di Fassa 2019

domenica, 10 febbraio 2019

Pozza di Fassa – Record di nazioni iscritte a “Val di Fassa 2019″, con al via dei Mondiali Junior atleti da 56 Paesi. Mancano ancora quasi due settimane ma prima di iniziare, i Mondiali Junior Val di Fassa 2019 hanno fatto registrare un record. È quello del numero delle nazioni iscritte alla 38esima edizione della rassegna iridata under 21 dello sci alpino, che vedrà scendere in pista 550 sciatori provenienti da ben 56 nazioni.

Val di Fassa 2019Si tratta di un record storico in termine di presenze per il Mondiale giovanile, raggiunto grazie all’iscrizione dell’ultima ora del team Lituania, a cui ha fatto seguito anche quella della Romania, che ha portato il computo finale addirittura a quota 56. Un dato che la dice lunga sull’interesse che ruota attorno alla manifestazione, favorito dagli alti standard qualitativi garantiti dallo staff del comitato organizzatore e dal richiamo esercitato tanto dalla località che dai tracciati proposti per le gare iridate, spesso scelti come sede d’allenamento da tante squadre nazionali – quella italiana su tutte, che ha nella Val di Fassa il proprio training center dal 2006 – e già teatro di tanti eventi di carattere internazionale.

Dal 18 al 27 febbraio prossimi, dunque, raggiungeranno la Val di Fassa le rappresentative di 56 Paesi, provenienti da tutti e cinque i continenti. Oltre a tutte le maggiori nazionali europee, guidate dalle big Austria, Svizzera, Francia, Italia, Germania, Norvegia, Svezia e Finlandia, ci saranno le sudamericane Argentina, Brasile, Cile e Colombia, le nordamericane Stati Uniti, Canada e Portorico, così come Australia e Nuova Zelanda e le africane Kenya e Madagascar.

Il programma gare si svilupperà su 10 giorni, con 11 titoli di campione del mondo e 33 medaglie in palio, assegnate nelle due location di Pozza di Fassa (per le prove tecniche) e San Pellegrino (per le prove veloci).

Proprio a Passo San Pellegrino e all’Alpe di Lusia, ha ripreso gli allenamenti dopo l’infortunio che l’aveva bloccata a inizio stagione l’azzurra Sofia Goggia, che dalla Val di Fassa ha spiccato il volo verso il podio ai Mondiali di Are, subito medaglia d’argento in superG. Anche le altre punte della squadra italiana Federica Brignone, Marta Bassino e i velocisti Dominik Paris e Christof Innerhofer hanno affinato la preparazione sulle nevi fassane, che hanno ospitato i training anche di alcune atlete di spicco del panorama mondiale come la slovena Ilka Stuhec, la medaglia olimpica Frida Hansdotter, le autriache Julia Scheib (campionessa mondiale junior in carica) e Katharina Liensberger e lo scorso anno pure la statunitense Lindsey Vonn.

La presenza di 56 team nazionali, garantirà una ancor maggiore visibilità a livello internazionale all’evento, che verrà trasmesso dalle tv e dai media di tutto il mondo. Per Val di Fassa 2019 sono previste tre dirette televisive sulle principali emittenti internazionali, oltre che agli highlights di tutte le competizioni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136