QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Rampa con i campioni: l’evento in Val di Fiemme vinto da Laura Orgué e Toni Escher

domenica, 8 gennaio 2017

Val  di Fiemme – “Rampa con i campioni” a Toni Escher. Laura Orgué vince con gli sci della Confortola.  In mattinata si è svolto in Val di Fiemme (Trento) l’evento promozionale di 9 chilometri in tecnica libera “Rampa con i Campioni” ha riscaldato l’atmosfera in vista delle sfide dei più quotati atleti di Coppa del Mondo nell’ultima tappa del Tour de Ski.

Ad aggiudicarsi la sfida per amatori ed ex campioni che hanno voluto cimentarsi con l’impegnativa scalata all’Alpe Cermis è stato il tedesco Toni Escher (nella foto sotto), con una prova maiuscola dall’inizio alla fine: “Gara durissima, mi sono allenato un po’ a casa mia per poterla disputare, ma sul Cermis è un’altra cosa, una pista speciale, è la mia seconda gara in due giorni. La Final Climb è sempre emozionante, la pista perfetta e le condizioni meteo ideali, nella parte in piano la neve era molto veloce e siamo rimasti in gruppo prima di riuscire a fuggire via”. Seconda posizione per Emanuel Moser e terza per Egor Sorin.

escher-val-di-fiemme-1

Per quanto riguarda la contesa al femminile, ha trionfato la spagnola Laura Vila Orgué, forse anche grazie agli sci di Antonella Confortola, prestati dalla campionessa trentina in vista della gara: “L’ultima volta che sono stata qui è stato per partecipare al Tour de Ski, nella stagione 2014-2015. Oggi ho fatto più fatica non essendo allenata come prima, con tanti minuti in più rispetto all’ultima volta, ma sono semplicemente felice di esserci. Ho gli sci di “Anto” perché siamo state compagne di gare e di sponsor per tanti anni, quando lei ancora gareggiava sugli sci da fondo, ma ci conosciamo anche per la nostra passione per la corsa in montagna, le ho chiesto se mi lasciava gli sci ed ora posso dire che erano davvero ottimi”. Sul secondo gradino del podio si è invece piazzata l’austriaca Liudmila Uzik davanti alla svizzera Tanja Beumler.

Stanco ma visibilmente felice Giovanni Vignoli, il più giovane al traguardo con soli ventuno anni: “Sempre divertente, è la terza volta che mi cimento in questa salita terribile, ma non ci si ricorda mai quanto sia dura ed impegnativa. Non bisogna alzare lo sguardo altrimenti ci si spaventa, testa bassa e spingere. La sensazione una volta arrivati è unica. Sulle due gare del pomeriggio dico Weng e Ustiugov, sono i due atleti che in questo momento ne hanno più degli altri”.

Il secondo posto al maschile è stato invece ottenuto da Egor Sorin, ski-man facente parte dello staff di allenatori di Sergej Ustiugov: “Ero qui anche lo scorso anno per testare la pista, ci ho provato ma è una gara durissima, non ti lascia il tempo per respirare. Per oggi pomeriggio spero ovviamente in una vittoria russa e credo che, se Sergej sarà in buona condizione e se si sentirà bene, potrà farcela ma nessuno potrà dire cosa succederà”. Chiudiamo con un altro pronostico in vista dalla Final Climb dell’11° Tour de Ski, direttamente da uno dei fratelli Aukland, Fredrik, ex allenatore dell’italo-svizzero Dario Cologna: “Credo che Heidi Weng possa vincere, è nettamente più forte di Stina Nilsson sulle salite, mentre fra Ustiugov e Sundby il divario è troppo importante, non prevedo stravolgimenti” (nella foto accanto Laura Orgué).orgue-val-di-fiemme-1


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136