QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Paralimpiadi: gli studenti di Brescia in gara a Rio di Janeiro con una nuova barca a vela. Ecco il prototipo

mercoledì, 7 ottobre 2015

Gargnano – Gli studenti di Ingegneria di Brescia del dipartimento di Meccanica Industriale saranno in gara alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016.

Un loro progetto ottimizzerà la barca a vela della flotta dello Skud 18, il doppio misto per i velisti con disabilità in ambito motorio.

L’idea era salpata in primavera da Gargnano, lungo le rive del Garda, in occasione di Lea, il «Lakes Expo Access», incontro che aveva visto radunati al Circolo Vela Gargnano e al Marina di Bogliaco per un interessante meeting i velisti paralimpici, i ragazzi delle scuole medie del luogo, Docenti e studenti di Ingegneria di Brescia.

Iniziativa resa possibile grazie a Fondazione Asm – Gruppo A2A, dal progetto Hyak Onlus e dal Consiglio Regionale della Lombardia.barca a vela - paralimpiadi

I velisti paralimpici erano alla prese con una serie di migliorie per la loro imbarcazione, un seggiolino basculante più leggero e gestibile dall’equipaggio misto uomo-donna che gareggia nel circuito olimpico della vela Paralimpica (il progetto nella foto a lato).
Subito fatto e dopo meno di 5 mesi di lavoro ecco i disegni e lo studio realizzati dagli studenti bresciani Paola Freddi, Francesca Frialdi e Paolo Freddi, sotto l’attenta regia dei tecnici della nazionale paralimpica di vela, il professor Luigi Solazzi e l’ingegnere-velista professor Massimo Colotta.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136