QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pallavolo Del Monte Junior League: l’Itas Trentino batte Macerata e vince lo scudetto Under 19

domenica, 25 maggio 2014

Loreto – Un successo insperato. A distanza di un anno l’Itas Assicurazioni Trentino Under 19 riscrive la storia della Del Monte Junior League assicurandosi il titolo del principale campionato giovanile organizzato dalla Lega Pallavolo Serie A. I giovani gialloblù nel pomeriggio odierno al PalaSerenelli si sono infatti aggiudicati lo scudetto di categoria, superando in finale proprio quella Macerata che nella precedente edizione aveva sbarrato la strada alla Trentino Volley sulla linea del traguardo. (Nella foto sotto a destra, scattate da Marco Trabalza, la premiazione dopo la finale del PalaSerenelli di Loreto). Simone Giannelli mvp

LA RIVINCITA

In questa circostanza invece la musica è stata completamente diversa: la formazione di Conci ha messo il miglior sigillo possibile su una cavalcata trionfale (sei vittorie in altrettante partite della fase finale, lasciando agli avversari appena due set) superando la Lube per 3-1 e riportando a Trento il Trofeo Serenelli che la Società di via Trener aveva già vinto nel 2011, quando in campo c’erano – fra gli altri – Lanza, Fedrizzi e Thei (tutti e tre nella rosa della prima squadra di questa stagione).

Il settimo titolo nazionale conquistato dal Settore Giovanile incorona ulteriormente una squadra che ha saputo farsi valere durante l’anno con molti elementi in Serie B1 ed col il resto in Serie C; per lo stesso Conci e per ben cinque giocatori (Giannelli, Cristofaletti, Bosetti, De Angelis, Hueller) si tratta addirittura del quarto scudetto tenendo conto anche dei precedenti successi conquistati in Under 16 (due) ed Under 17. Tutto ciò a conferma della qualità di un gruppo che negli anni ha saputo ribadire più volte la propria superiorità a livello nazionale. Conquistare la Del Monte Junior League non è stato però semplice come potrebbe far presupporre il punteggio finale; la Lube ha infatti provato inizialmente a sorprendere i gialloblù dimostrandosi più fredda. Sotto 0-1, l’Itas Assicurazioni Trentino non si è smarrita e ha ripreso a giocare la propria pallavolo fatta di tanto lavoro fra muro e difesa e pochi errori. Trascinata da Cavuto (best scorer con 24 punti con 4 muri e 2 ace) e Polo, ben guidata in regia da Giannelli (alla fine ancora mvp) ed in difesa da De Angelis, la squadra di Conci ha prima risalito la china e poi è dilagata chiudendo per 3-1 con grandissima personalità. Macerata ha dovuto alzare bandiera bianca e lasciare quindi spazio ai festeggiamenti gialloblù.
La cronaca della finale. L’Itas Assicurazioni Trentino si propone con lo stesso sestetto che il giorni prima ha superato per 3-0 Monza in semifinale: Giannelli al palleggio, Cristofaletti opposto, Mazzone e Cavuto in posto 4, Polo e Codarin al centro, De Angelis libero. Rosichini, tecnico di Macerata, risponde con Sitti in regia, Di Silvestre opposto, Bulfon e Vecchi schiacciatori, Vitelli e e Fabi centrali, Provvisiero libero. L’inizio di partita è nel segno di Cavuto; con tre punti in attacco ed un muro su Vecchi lo schiacciatore gialloblù spinge i suoi sul 6-3 che costringe i marchigiani a rifugiarsi subito in un time out discrezionale. Alla ripresa Di Silvestre con un contrattacco e un invasione di Polo riavvicinano le due squadre (7-6); si gioca a strappi: l’Itas Assicurazioni Trentino riguadagna un certo margine già sull’11-8 ma lo perde immediatamente, trafitta da Bulfon (11-11). Nella seconda metà del parziale l’equilibrio cresce (14-14), rotto solo da un muro di Vitelli su Polo e dal successivo errore in attacco del centrale trentino (14-16); Conci ferma il gioco ma i suoi ragazzi faticano a riprendere la Lube (17-19). Serve allora una ricostruita vincente di Mazzone per agguantare la nuova parità sul 20-20; due muri Lube su Mazzone (di Bulfon e Fabi) rispingono l’ago della bilancia in favore dei biancorossi (20-23), ma i gialloblù hanno la forza di annullare tre palle set, impattando sul 24-24. Ai vantaggi decide ancora un muro di Vitelli su Cavuto per il 26-28 che manda le squadre al cambio di campo col vantaggio per 0-1 di Macerata.
Nel secondo parziale è di nuovo Cavuto a menare le danze, permettendo a Trento di scappare via prima 5-3 e poi 10-7 con un suo ottimo turno al servizio condito anche da due ace non consecutivi. La Lube prova a replicare con Di Silvestre (13-12) ma i gialloblù in questo caso hanno più alternative e trovano un nuovo importante break ispirato da Polo (muro) e dagli errori della squadra di Rosichini (18-13). Anche Mazzone trova maggiore efficacia in attacco, Giannelli si scatena a muro; così la squadra di Conci archivia in fretta il secondo set (25-13) anche grazie ad una lunghissima serie al servizio del neoentrato Hueller.
Sull’onda dell’entusiasmo l’Itas Assicurazioni Trentino domina la scena anche in apertura della terza frazione, in cui Polo continua a fare ottime cose a muro, spalleggiato in attacco da Cristofaletti (6-3, 8-4). Sul 10-5 Rosichini spende un time out, imitato poco dopo dal collega Conci perché nel frattempo con un paio di muri di Vitelli e Bulfon Macerata si è rifatta pericolosamente sotto (11-9). A riallargare la forbice ci pensa ancora Cavuto (14-10), che poi passa il testimone a Mazzone (17-13); la Lube con grande orgoglio risale sino al 19-19 con Vecchi e Bulfon sugli scudi ma dopo aver prodotto il massimo sforzo si disunisce. Trento scappa quindi di nuovo via sfruttando i troppi errori degli avversari, con Cavuto sale sino al 24-21 prima di chiudere sul 25-23 con un primo tempo di Polo.
Nel quarto set mister Francesco Conci conferma in sestetto Galassi al posto di Codarin, come già accaduto nella parte finale del precedente periodo, e proprio un suo muro garantisce il primo spunto ai gialloblù (4-2). Trento conserva il margine acquisito per buona parte del parziale, mettendo in mostra un’ottima fase di cambiopalla (6-4, 8-6, 12-10) in cui Giannelli varia molto la distribuzione del suo gioco. Un muro di Vitelli su Cavuto riporta in parità il punteggio sul 13-13, ma poi è lo stesso centrale marchigiano con un errore ad offrire il nuovo tentativo di fuga di Trento (15-13) che poi allunga sul +3 (19-16). Nel finale i gialloblù dilagano (22-17), chiudendo sul 25-17 con uno slash di Cristofaletti.
“Questa è ancora una vittoria del gruppo che ha saputo soffrire, sacrificarsi durante la stagione ma anche giocare benissimo la fase finale di Del Monte Junior League 2014 – ha spiegato l’allenatore Francesco Conci – . Durante questi ultimi giorni siamo cresciuti tanto come idea di gioco e abbiamo meritato il successo; oggi abbiamo anche saputo soffrire perché Macerata ci ha messo in grossa difficoltà nel primo e terzo set, ma abbiamo trovato il modo per reagire e venirne a capo. A maggior ragione sono quindi soddisfatto di questa vittoria ma, per come sono fatto, guardo già al prossimo appuntamento che per questo gruppo è la finale nazionale del campionato federale”.
Per l’Under 19 non si è trattato comunque dell’ultimo impegno stagionale: fra poco meno di due settimane si tornerà in campo per le finali nazionali Fipav di categoria, da giocare a Chianciano Terme (5-8 giugno). Già a partire da metà della prossima settimana il Settore Giovanile dell’Itas Assicurazioni Trentino vivrà però altri importanti appuntamenti, come la finale tricolore 3×3 della categoria Under 13 (ad Ascoli Piceno) e la finale regionale Under 17 (1 giugno).

IL TABELLINO

Cucine Lube Banca Marche Macerata-Itas Assicurazioni Trentino 1-3 (28-26, 13-25, 23-25, 17-25)

CUCINE LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Di Silvestre 13, Bulfon 13, Fabi 4, Sitti 3, Vecchi 12, Vitelli 11, Provvisiero (L); Martinez, Alfieri, Pizzichini, Lalloni. N.e. Genevrini. All. Gianni Rosichini.
ITAS ASSICURAZIONI TRENTINO: Giannelli 4, Mazzone 14, Codarin 3, Cristofaletti 11, Cavuto 24, Polo 12, De Angelis (L); Hueller 1, Tomasi, Galassi 7. N.e. Bosetti e Dainese. All. Francesco Conci.
ARBITRI: Giardini di Verona e Cerra di Bologna.
DURATA SET: 31’, 20’, 27’, 24’; tot. 1h e 42’.
NOTE: Cucine Lube Banca Marche Macerata: 14 muri, 2 ace, 12 errori in battuta, 12 errori azione, 36% in attacco, 38% di positività in ricezione. Itas Assicurazioni Trentino: 15 muri, 8 ace, 16 errori in battuta, 8 errori azione, 43% in attacco, 44% di positività in ricezione. Mvp Giannelli.

LA ROSA DEI CAMPIONI D’ITALIA

La rosa dell’Itas Assicurazioni Trentino Volley Under 19: Mattia Bosetti, Simone Giannelli, Andrea Hueller (palleggiatori); Mirco Cristofaletti (opposto); Oreste Cavuto, Tiziano Mazzone e Andrea Tomasi (schiacciatori); Lorenzo Codarin, Gianluca Galassi e Alberto Polo (centrali); Davide Dainese e Carlo De Angelis (liberi). Allenatore Francesco Conci, vice allenatore Antonio Albergati, dirigente Florian Kushi, fisioterapista Daniele Dalsass, medico Francesco Mattedi, preparatore atletico Giorgio Bertotti.

Nelle foto in allegato, scattate da Marco Trabalza, alcuni momenti della finale del PalaSerenelli di Loreto


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136