Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Pallanuoto, Serie A1: l’An Brescia supera Trieste

mercoledì, 2 novembre 2016

Mompiano – Nel quarto turno di campionato, un’An Brescia ancora da “lavori in corso” prevale su un avversario davvero tosto come la Pallanuoto Trieste: a Mompiano, il sette di Sandro Bovo s’impone per 13 a 8 (2-2, 5-2, 1-2, 5-2, i parziali) sulla formazione giuliana. Come pronosticato, Trieste scende in acqua ben decisa a vendere cara la pelle e, per tre quarti di match, gli ospiti si battono a viso aperto, facendo leva su una buona dose di grinta, su una più che discreta organizzazione di gioco e anche con spunti individuali di rilievo.

Condizionata dai tanti impegni importanti affrontati nelle ultime settimane, l’An fa rilevare un andamento intermittente, con sprazzi di gioco di qualità alternati a cali di tensione (soprattutto in riferimento a qualche gol evitabile, subito in parità): ma, anche in condizioni non ottimali, Presciutti e compagni, ancora una volta, non perdono la bussola riuscendo a piazzare l’allungo decisivo nella fase centrale dell’ultima frazione, grazie alle tre reti consecutive siglate da Muslim (in superiorità), da capitan Presciutti e Manzi (ancora con l’uomo in più). Al di là del dato numerico, per l’An, quello di oggi è un risultato positivo in quanto frutto della determinazione di un gruppo che ha bene in testa quello che vuole ottenere e che lotta fino in fondo per affermare il proprio valore.

«Abbiamo sconfitto un’ottima squadra – dichiara il leader in acqua del Brescia, Christian Presciutti -: Trieste sa giocare bene e sapevamo che sarebbe stata dura. Da parte nostra, non abbiamo dato il meglio, ci siamo espressi ad alti e bassi, a uomini pari non dovevamo concedere conclusioni facili: però, siamo stati bravi a reagire bene, a far venir fuori il nostro potenziale nei momenti più caldi dell’incontro. Per ora, non riusciamo a essere brillanti, ogni tanto emergono sbavature, ma, con la forza gruppo, con la fiducia nelle nostre possibilità, rimediamo ai passaggi a vuoto».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136