QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Pallanuoto, Serie A1: An Brescia sconfitta a Mompiano contro la Pro Recco

sabato, 30 gennaio 2016

Mompiano – Solo l’emergere di una lieve stanchezza nella seconda parte di gara, nega all’An Brescia la possibilità di fare punti contro la Pro Recco: a Mompiano, nell’ultimo turno del girone d’andata, finisce 8 a 6 (2-2, 3-3, 2-1, 1-0, i parziali) a favore del team ligure. Senza capitan Presciutti a causa di un attacco febbrile (il ruolo di leader in acqua è stato preso da Alessandro Nora), il sette bresciano ha tenuto testa alla formazione ospite (anch’essa costretta a rinunciare – causa infortunio – a un elemento cardine come Aleksandar Ivovic), entusiasmando i tantissimi tifosi accorsi per sostenere i propri beniamini. Un lieve calo fisico avvenuto nella seconda metà della terza frazione, è stato sfruttato al meglio dal Recco; in ogni caso, l’An, lottando fino alla fine, è rimasta in partita fino agli ultimi scampoli di gioco e l’unica cosa negativa della serata sono i (soli) due gol di scarto. Davanti alla compagine meglio attrezzata al mondo, soltanto alcune sbavature in fase di copertura hanno fatto la differenza: questa è la considerazione da cui ripartire con ancora più determinazione e consapevolezza dei propri mezzi, e questo, ovviamente, già da mercoledì nella sfida allo Szeged per la semifinale di Euro Cup.

«Tutto sommato – commenta il tecnico biancazzurro, Sandro Bovo -, la prestazione è stata positiva, peccato per alcuni gol presi a uomini pari, che erano evitabili. Da sottolineare, alcune prove individuali, in particolare quella di Zeno Bertoli che sta emergendo come il miglior difensore italiano. A pesare è stata la stanchezza che è affiorata da un certo punto in avanti, sommata all’assenza di Christian Presciutti; comunque, la stanchezza è spiegabile anche tenendo presente le grandi qualità del Recco. Molto probabilmente abbiamo pagato la lunga pausa per gli europei: stare parecchio tempo senza giocare ci ha fatto perdere quel tanto di brillantezza che, oggi, poteva essere determinante. Dobbiamo lavorare di più, i margini di crescita ci sono. Tra le note senz’altro positive della giornata, il gran pubblico che ci è stato vicino per tutto l’incontro: siamo davvero contenti dell’affetto dimostrato dai tifosi».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136