QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Pallanuoto, serie A1: a Mompiano l’An Brescia batte Trieste 7-1

mercoledì, 20 aprile 2016

Brescia – An Brescia batte Pallanuoto Trieste. La solidità della retroguardia come autentico cavallo di battaglia: a Mompiano, l’An Brescia lascia solo un piccolo varco agli ospiti e poi fa sua la posta in palio. Nel ventiduesimo turno di campionato, i ragazzi di Sandro Bovo s’impongono 7 a 1 (2-0, 2-1, 3-0, 0-0, i parziali) sulla Pallanuoto Trieste. Da parte dei biancazzurri, ancora una volta, una prestazione con pochissimi fronzoli e tanta sostanza, il tutto partendo da un reparto arretrato sempre attento e determinato a non concedere nulla: gli attaccanti giuliani si danno da fare con impegno e grinta, ma quello che riescono a raccogliere è solamente una rete, arrivata, per altro, in superiorità numerica, alla fine del secondo periodo.

PALLANUOTO 2

L’efficacia difensiva è la base di gioco voluta, e impostata, da coach Bovo, e, oggi, si può che dire che il sette bresciano ha svolto pressoché alla perfezione il compito. Se, poi, si tiene conto delle sole quattro segnature subite, tre giorni or sono, nell’andata della finale di Euro Cup, si ha un quadro ancora più chiaro riguardo sullo spirito di sacrificio e la voglia di lottare di Presciutti e compagni. La sicurezza in copertura ha condizionato anche la performance del giovane secondo portiere (classe 2001), Mattia Cima (oggi al posto dell’acciaccato Brando Dian), bravo a tener chiusa la saracinesca quando è entrato a sostituire Del Lungo (a metà dell’ultimo tempo). Per quanto concerne la fase offensiva, l’An non ha certo fatto faville, ma, dovendo recuperare le fatiche di coppa, avendo nelle braccia l’amichevole di ieri sera con la nazionale giapponese, e dovendo ritornare in acqua già venerdì sera (in casa dello Sport Management), quella di oggi non era la giornata adatta agli straordinari.

«Come richiesto dal tecnico – queste le parole del numero 7 biancazzurro, Luca Damonte -, abbiamo disputato una grande prova in difesa. Da tempo stiamo lavorando perché la fase difensiva diventi sempre più il nostro punto di forza e i soli cinque gol presi nelle ultime due partite, indicano che siamo sulla strada giusta. Sia chiaro, non è che trascuriamo l’attacco, però se riusciamo ad essere solidi dietro, poi, in avanti, le soluzioni si trovano. Tra viaggi lunghi e sfide ravvicinate, un po’ di stanchezza affiora anche, ma la concentrazione, la tenuta mentale, che riusciamo ad esprimere soprattutto in difesa, ci consentono di andare oltre l’ostacolo: tutti giochiamo con la giusta predisposizione ad aiutare i compagni, e questo si è visto bene sia oggi che sabato, in Russia. Dobbiamo continuare così».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136