QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Pallanuoto, semifinale Euro Cup: An Brescia di misura sullo Szeged

mercoledì, 3 febbraio 2016

Mompiano – Un match risolto (molto) più con il cuore che con la tecnica: a Mompiano, nell’andata della semifinale di Euro Cup, l’An Brescia prevale sullo Szeged per 9 a 8 (4-3, 2-3, 0-2, 3-0, i parziali), alla fine di una gara disputata ben al di sotto delle proprie possibilità.

Per i ragazzi di Sandro Bovo, una serata storta, con ancora alcune sbavature di troppo in fase difensiva (degli 8 gol al passivo, ben 5 subiti in parità numerica), e un reparto avanzato poco efficace; questo almeno fino alla fine della terza frazione, quando il punteggio diceva 8 a 6 a favore della compagine ungherese.

Nell’ultimo tempo, però, Presciutti (al rientro dall’attacco influenzale e utilizzato a mezzo servizio) e compagni, hanno stretto i denti riuscendo a tirar fuori la tenacia e la cattiveria agonistica necessarie a raddrizzare una situazione davvero negativa: i tre gol consecutivi di Molina, Ubovic e Nora, uniti al rigore parato da Del Lungo a 58 secondi dall’ultima sirena, hanno riportato la partita sui binari giusti. Certo, andare in Ungheria col vantaggio minimo non assicura grande tranquillità, ma i mezzi, e la consapevolezza, di potercela fare, ci sono senz’altro, e tutto il gruppo è già pronto alla battaglia.

«Ci siamo espressi in modo negativo – commenta, contrariato, coach Bovo -, con tante reti prese a uomini pari, alcune delle quali son state proprio dei regali. Anche dal punto di vista individuale, la prova è stata sottotono, e adesso occorre fare il risultato in casa loro. In ogni caso, vediamo di recuperare completamente Christian Presciutti e poi andiamo a vincere là».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136