QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Pallanuoto, Champions League: l’An Brescia ospita lo Spandau 04 Berlino

giovedì, 13 marzo 2014

Brescia – Tornare a far bene sulla scena internazionale per avvicinarsi sempre di più alla qualificazione alla Final Six di Barcellona e, ora che la stagione entra sempre più nel vivo, per rinforzare la convinzione nei propri mezzi: dopo la doppia sconfitta con i serbi del Radnicki Kragujevac, è con questo obiettivo che l’An Brescia si accinge ad affrontare il settimo turno (secondo di ritorno) della fase preliminare di Champions League, appuntamento che, sabato, alle 20.30 (dalle 22.30, la differita su Raisport 1), la vedrà impegnata nella piscina di Mompiano, con lo Spandau 04 Berlino.pallanuoto brescia

La sfida si preannuncia decisamente accesa ed è da considerare il match clou del girone B: reduce dalla vittoria interna (10-9) con il Partizan Belgrado, la formazione tedesca arriva a Brescia con tutte le credenziali per ambire a uno dei due posti utili per accedere alle finali del massimo torneo continentale. Infatti, la formula ne prevede tre, ma, a meno che non si verifichino eccezionali defaillance, si può dire che Kragujevac – primo a punteggio pieno –, insieme al Barceloneta (inserito nel girone A e ammesso d’ufficio in quanto team che ospita la Final Six), abbia già un posto tra le migliori sei d’Europa. Con ancora quattro partite da giocare, dietro, la lotta rimane aperta: con 12 punti l’An è seconda, seguita dal Partizan a 9, e dallo Spandau a quota 7 (per il Galatasaray, a 5 punti, e i rumeni dell’Oradea, a 1, il discorso può ritenersi chiuso); ribaltando il pronostico (a Belgrado avevano perso 7 a 5), i berlinesi hanno battuto la giovane formazione del Partizan, riguadagnandosi le possibilità di qualificazione. Dunque, c’è da aspettarsi che, a Mompiano, la squadra del tecnico ungherese, Andras Gyongyosi, si presenti con il coltello tra i denti.
Comunque sia, Presciutti e compagni sono chiamati a una prova di sostanza, impostata sulla determinazione nel far valere le proprie abilità nel gioco dinamico, sulla grinta nel far emergere le qualità difensive del gruppo e la lucidità nel concretizzare gli schemi offensivi. In definitiva, si tratterà di esprimersi al massimo delle proprie potenzialità per consolidare il secondo posto in classifica e, così, rendere sempre più vicino un obiettivo di assoluto prestigio come la fase finale di Champions, traguardo che, per quel che riguarda l’ambito sportivo bresciano, avrebbe un significato storico.

«Ho visto la registrazione di Spandau-Partizan – dichiara il tecnico dell’An, Sandro Bovo -, e ho trovato la squadra tedesca in crescita rispetto a quando li abbiamo incontrati ai primi di gennaio: li ho visti decisamente in forma, più cinici in attacco, con il mancino Restovic ottimo playmaker in superiorità. Sono ritornati in corsa per la qualificazione, evidentemente, il lavoro di Gyongyosi sta dando i suoi frutti. Da parte nostra, con tutte le forze, vogliamo vincere per fare un passo decisivo verso le finali: raggiungere la Final Six sarebbe il coronamento di un notevole percorso di crescita per una formazione ringiovanita e non abituata a scenari di tale livello. Inoltre, vorrebbe dire regalare alla Brescia sportiva, almeno per le discipline di squadra, una prima assoluta. Ma, come normale che sia, non sarà semplice: come successo all’andata, sarà fondamentale giocare con grande spirito di sacrificio nei primi due tempi, per poi venir fuori alla distanza sfruttando la nostra capacità di imporre un ritmo elevato, caratteristica in cui siamo superiori».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136