QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Pallanuoto, Champions League: l’An Brescia batte 9-8 il Montpellier

domenica, 20 settembre 2015

Fatica, probabilmente, più del dovuto ma, alla fine, l’An Brescia centra l’obiettivo: nel match di chiusura della seconda fase di qualificazione di Champions League, il team di Sandro Bovo s’impone per 9 a 8 (2-2, 5-3, 1-2, 1-1, i parziali) sul Montpellier, guadagnandosi il diritto a giocarsi un posto nella fase preliminare del massimo torneo continentale. Contro una squadra che non aveva nulla da perdere (dopo le sconfitte con il Vouliagmeni e l’Orvosi, i francesi partivano già esclusi dalla lotta per il passaggio del turno), per tutto l’incontro, Presciutti e compagni hanno avuto problemi ad esprimere il proprio potenziale, mancando di precisione in attacco e commettendo qualche svista di troppo nel reparto arretrato (ben quattro gol subiti in parità, e tre le reti accusate in inferiorità). Comunque, anche se la mancanza dell’efficacia dei propri schemi, in alcuni momenti, ha causato un po’ di nervosismo, la determinazione a proseguire il cammino in Champions, ha prevalso: occorreva vincere e vittoria è stata, e anche le difficoltà incontrate questa mattina serviranno a consolidare il percorso di crescita di un gruppo che ha tanta fame di risultati positivi.

«Abbiamo faticato a trovare i nostri abituali ritmi di gioco – analizza il match, il presidente Malchiodi -, con tanti errori, sia in attacco che in difesa. Per noi era fondamentale vincere, i francesi, invece, non avevano nulla da chiedere e sono scesi in acqua con la spensieratezza di chi può permettersi le giocate più impensabili. Avremmo dovuto conservare un po’ più di freddezza, partire con un approccio mentale più adeguato e, durante l’incontro, avere la lucidità necessaria a reagire meglio agli errori. In ogni caso, era importante passare il turno e ci siamo riusciti pur giocando al di sotto del nostro standard».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136