QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pallanuoto, Champions League: colpo An Brescia, Vouliagmeni battuto 10-6

sabato, 19 settembre 2015

Atene – Comincia nel migliore dei modi il nuovo corso dell’An Brescia: nell’esordio stagionale, la squadra di Sandro Bovo s’impone nell’incontro d’apertura del girone D della seconda fase di qualificazione della Champions League, mettendo una grossa ipoteca sul passaggio del turno (le prime due del raggruppamento accedono alla fase successiva).pallanuoto brescia

Ad Atene, contro i padroni di casa del Vouliagmeni, finisce 10 a 6 (1-0, 2-1, 4-2, 3-3, i parziali) per le calottine biancazzurre. Dopo un avvio condizionato da un poco di tensione (con qualche imprecisione sotto porta), Presciutti e compagni hanno via via preso consapevolezza dei propri mezzi e, dalla metà del terzo tempo, per la formazione ellenica non c’è stato più nulla da fare: le quattro reti consecutive (a firma di capitan Presciutti, Zeno Bertoli per due volte, e Valerio Rizzo a fil di sirena) hanno spento le speranze di un avversario che era riuscito ad agguantare il pareggio nei primi due minuti della frazione. In definitiva, una volta rotto il ghiaccio (soprattutto considerando che si trattava della prima partita ufficiale), il sette bresciano, con grande personalità, è riuscito a imporre le proprie qualità, i propri ritmi di gioco, arrivando a gestire il match in tutta tranquillità, senza lasciare spiragli per una possibile rimonta del team ateniese.

«Era importante partire col piede giusto – dichiara il presidente, Andrea Malchiodi, che ha seguito la squadra dalla panchina -, e ci siamo riusciti in maniera netta. Non era per nulla facile, esordivamo coi padroni di casa, davanti a un pubblico piuttosto caldo; e poi, lo scenario è quello della Champions, per cui bisognava scendere in acqua con grande determinazione e anche tanta lucidità. I ragazzi sono stati bravi, dopo un inizio un po’ stentato, si sono ripresi in fretta e poi, una volta preso il largo, hanno controllato con la giusta calma. Bene così, e adesso pensiamo agli ungheresi».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136